Home » Recensione libri » Recensioni libri cult » Recensione: “La Rosa delle Maleterre” di Roberta Ciuffi

Recensione: “La Rosa delle Maleterre” di Roberta Ciuffi

Oggi la nostra Emanuela ci parla di “La Rosa delle Maleterre” di Roberta Ciuffi

Cover realizzata da Heaven Tonight

Anno 1001, Regno Italico. Due giovani costretti a sposarsi per siglare una difficile pace, un odio antico che divide due nobili famiglie. E una presenza immateriale che aleggia su entrambe alla ricerca della sua vendetta, a costo di trascinare con sé anime innocenti. Come può l’amore vincere su tutto questo? Ma quello vero trova sempre il modo…

Trent’anni di odi, rancori e pregiudizi dividono la famiglia del conte Oderisio della Rocca dei Rovi e quella del barone Rainulfo delle Maleterre. La faida si sta trascinando da troppo tempo, stremando i territori dei contendenti, già impoveriti dalla carestia. Ulrico, vescovo di Ancona, impone ai due vecchi nemici di stabilire una pace duratura e quale modo migliore per assicurarsene se non un matrimonio? Beata, la maggiore delle nipoti di Oderisio, sposerà Alessandro Niger, nipote ed erede di Rainulfo. Trent’anni di odi e pregiudizi non si dimenticano però in un istante, soprattutto se favoriti da segreti e passioni nascoste, e a farne le spese potrebbe essere la giovane Beata, consegnata come sposa e dono di pace a un ‘barbaro’ delle Maleterre. Un barbaro che ha iniziato ad amare ma da cui si dovrà guardare come dagli altri, perché anche lei nasconde un segreto che potrebbe provocare la rovina della Rocca dei Rovi e di tutta la sua famiglia.

E’innegabile che ogni libro della Ciuffi generi una dipendenza nel lettore tale da lasciarlo senza fiato fino al finale: ecco un appuntamento imperdibile per chi ama il buon romance storico e il Made in Italy.

Una scrittrice come la Ciuffi è una garanzia di bravura e capacità narrativa, descrizioni e psicologia dei personaggi sono affascinanti e ricche di sfaccettature. I diversi punti di vista dei protagonisti sono ben sviluppati lungo la narrazione.

Entrambi i giovani, Beata ed Alessandro Niger, appaiono con una bella personalità e carisma. Non mancano i dettagli noir ed un pizzico di parapsicologia che dona maggior fascino alla storia, che, seppur ambientata nell’anno mille ha numerosi spunti di attualità.

Nel parterre dei comprimari non mancano le belle prove dei nonni di entrambi i ragazzi, induriti da anni di odio e sospetti, il giovane Valentino dal dono particolare e la governante Colomba, saggia ed affidabile consigliera della ragazza.

Dunque non perdete questo libro…..non può mancare nella biblioteca romantica di ogni lettrice che si rispetti. Enjoy!

Una donna dovrebbe avere più accortezza nell’esprimersi. Anche la verità ha le sue sfumature…Credevo ce ne fosse una sola di verità..

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS