Home / Recensioni libri cult / Recensione:”Torbide passioni” di Nora Roberts

Recensione:”Torbide passioni” di Nora Roberts

Care Fenici ,Maljka ha letto per noi Torbide passioni di Nora Roberts..

Bodine Longbow da sempre adora alzarsi alle prime luci del mattino. Direttrice di un meraviglioso resort di famiglia nel Montana, è assorbita da mille impegni lavorativi e non ha certo tempo per pensare all’amore… almeno fino a quando non incontra Callen Skinner. Appena tornato in città, Callen è una sua vecchia fiamma dei tempi della scuola e ora, uomo maturo e affascinante, potrebbe forse farle cambiare idea sulle relazioni sentimentali. Quando però il cadavere di una giovane donna viene ritrovato all’interno del resort e Callen finisce nella lista dei sospettati, tutto prende una piega inattesa. La tragedia che ha colpito la famiglia di Bodine la catapulta indietro nel tempo, fino alla misteriosa scomparsa di sua zia Alice avvenuta venticinque anni prima… E se tra questo evento e il cadavere rinvenuto nel resort ci fosse un collegamento? Le indagini procedono a ritmo serrato, e sebbene le accuse e gli indizi sembrino convergere proprio su Callen, Bodine decide di fidarsi ciecamente di lui e di stargli accanto. Ma per salvare il loro futuro insieme, prima che sia troppo tardi, i due amanti dovranno rincorrere con determinazione una verità che pare volergli sfuggire..

Fonte della recensione: Amazon

Premetto che è il primo libro che leggo di quest’autrice, ma ne ho sentito parlare talmente tanto e bene che le mie aspettative erano alte… purtoppo mi ha delusa un po’.

Nella storia ci sono tantissimi personaggi (troppi a mio parere) che metterebbero a dura prova la memoria di chiunque, specialmente la mia, che soffrendo di insonnia, leggo prevalentemente di notte quando la soglia di attenzione è bassa.

Ho trovato i soggetti femminili molto audaci, tanto da relegare al secondo piano quelli maschili limitandoli al solo contorno alla storia.

Dell’efferato omicidio che viene commesso è data una descrizione cruda e realistica, certamente non adatta ai deboli di cuore.

La narrazione è satura di flashback. C’è davvero un collegamento tra il cadavere rinvenuto all’interno del resort e alla misteriosa scomparsa di zia Alice avvenuta 25 anni prima?

Le indagini stentano ad avviarsi lasciando in primo piano la storia d’amore tra Callen e Bodine, un legame talmente intenso da diventare la parte principale della storia. Un sentimento così profondo da andare oltre i sospetti che, ad un certo punto delle indagini, ricadono su Callen.

Bodine di fida ciecamente del suo uomo e per lui, è decisa ad andare contro tutto e tutti, anche quando il destino rema loro contro e non sembra esserci un futuro insieme.

Ognuno dei personaggi e dei luoghi è perfettamente descritto, tanto che leggendo, si ha l’impressione di poterli toccare con mano e di poterne persino annusare il profumo.

A mio parere, purtroppo, la traduzione ha qualche pecca.

Basta così, non voglio svelarvi altro perché odio gli spoiler. Aggiungo solo che,  se già conoscete questa autrice e apprezzate i suoi libri, allora non dovete perdervi neppure questo. Mentre, se come me, questa è la prima volta, allora vi consiglio di iniziare da uno qualsiasi dei suoi altri romanzi.

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: “True Love” di Silvia Ami

Buongiorno la nostra Beatrice ha recensito per noi ...