Home / Recensione libri / Recensione:Cambia il vento di Rebecca Quasi

Recensione:Cambia il vento di Rebecca Quasi

Emanuela ci racconta questo breve romanzo di Rebecca Quasi ,di recente pubblicazione: Cambia il vento.

Exeter. 1886.Mr. Devon Holmes è partito dal basso. Ha iniziato a lavorare come mozzo a sedici anni e nel volgere di un decennio è diventato prima capitano e poi armatore. Grazie alla sua abilità negli affari è riuscito a sposare lady Costance, figlia del conte di Norfolk, nobile ma in dissesto finanziario. L’unione tra i due non è mai stata né intima né felice e il disastro economico in cui Holmes sarà coinvolto, non potrà che peggiorare la situazione, ma il destino ha in serbo per lui qualcosa di inaspettato; del resto, un vento che cambia può far succedere di tutto, anche stanare una passione sopita… Dopo le affascinanti e torturate vicende di “Dita come Farfalle” e le simpatiche ed intriganti frecciatine amorose de “La Governante”, Rebecca ci regala un’altra coppia veramente ben assortita. In questo romanzo breve, nel quale come al suo solito va a mettere in discussione i canoni sociali del periodo, in questo caso Vittoriano, ci raffigura non solo una bella storia d’amore e di seconde possibilità, ma anche una intera famiglia composta da cinque elementi, quattro umani ed un…. Irresistibile felino! Buona lettura!

 

 

Un breve romanzo, sorpresa della Pasqua 2019, per le amanti di Rebecca Quasi e del buon Romance storico in generale.

Questo libro lascia tanto a chi lo legge, nel puro stile caro all’autrice.

Ambientazione inglese tardo ottocentesca, con protagonista il classico self-made man inglese che si affaccia sulla soglia di un’aristocrazia ormai votata al tramonto. Una classe sociale che sta cedendo le armi ai nuovi borghesi arricchiti, e che non disdegna di mischiarcisi tramite buoni matrimoni.

Devon è stato uno di quegli uomini che ha colto l’occasione e ha sposato una diciassettenne figlia di quel mondo nobile ma spiantato, offrendole i beni e la posizione che le convengono.

Non è interessato ad avere con lei un rapporto affettivo, e preferisce avere un’amante che gli sappia dare quel piacere e quella compagnia che la giovane moglie gli nega.

Ma il destino beffardo ci metterà lo zampino e, affondando la flotta di Devon, lo farà ricadere sulla terra dalla quale proviene trascinando con lui anche la sua famiglia. Non tutti i mali vengono per nuocere, e questo avvenimento, oltre che la prematura e tragica scomparsa dell’amante fissa, farà sì che la mogliettina tradita saprà riconquistare ciò che è suo.

Il vento che cambia sarà quello dell’amore e dell’intesa tra i due sposi, ossidata sotto strati di perbenismo nobiliare e di doveri imposti dalla società aristocratica del tempo, che destinava alla moglie solo un’apparente rispetto ed affetto e cedeva passione e sentimento all’amante.

Cambierà il vento anche per le sorti della famiglia perché i figli, presi dall’esteriorità e trascinati anch’essi dagli stereotipi loro richiesti (soprattutto per la figlia maggiore, ossessionata solamente dal contrarre un buon matrimonio, perché così le è stato inculcato), assaporeranno la vita vera, vivranno gli affetti familiari e impareranno qualcosa di utile per il loro futuro sull’amore e il rispetto.

Il romanzo, seppur breve, è una piccola miniatura dove non manca nulla e sa divertire, appassionare e sospirare chi lo legge. Un nuovo centro per la scrittrice Made in Italy più interessante nell’attuale panorama romance.

Enjoy!

 

 

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: “La ragazza del faro” di Alessia Coppola

Buongiorno Fenici oggi la nostra Cristiana ha recensito ...