Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Vampire Academy (2014)

Recensione: Vampire Academy (2014)

Vampire Academy è il film tratto dal primo libro di Richelle Mead L’accademia dei vampiri. Vediamo cosa ne pensa Lilian Gold. Per iniziare eccovi qui il trailer.

Vampire Academy

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Genere: Fantasy, Azione

Anno: 2014

Regia: Mark Waters

Attori: Olga Kurylenko (Kirova), Zoey Deutch (Rose Hathaway), Sarah Hyland (Natalie Dashkov), Gabriel Byrne (Victor), Cameron Monaghan (Mason Ashford), Danila Kozlovsky (Dimitri Belikov), Joely Richardson (Regina Tatiana), Sami Gayle (Mia Rinaldi), Lucy Fry (Lissa Dragomir), Claire Foy (Sonya Karp), Dominic Sherwood (Christian Ozera), Ashley Charles (Jesse Zelkos)

Paese: USA

Piattaforma: Amazon Prime Video

Durata: 104 min

Trama: Rose Hathaway è una diciassettenne Dhampira, metà vampiro metà umana, che ha il compito di proteggere Lissa Dragomir una ragazza Moroi, ovvero appartenente alla stirpe reale dei vampiri. Dopo un tentativo di fuga, Rose e Lissa vengono catturate e costrette a ritornare all’Accademia dalla quale erano fuggite per imparare a difendersi dagli Strigoi, vampiri immortali e assetati di sangue che minacciano Lissa. Qui Rose intreccia una relazione proibita con il suo affascinante e misterioso istruttore Dimitri Belikov. (Fonte: My Movies)

 

Quando ho saputo che sarebbe uscito Vampire Academy ero molto felice dato che è tratto da una delle mie saghe preferite: L’accademia dei vampiri di Richelle Mead. Ma devo confessare che sono rimasta un po’ delusa da questa trasposizione. È abbastanza fedele al primo libro, ma è come se mancasse qualcosa, quella magia che ho trovato nelle pagine. Anche le interazioni, i legami e i sentimenti tra i vari personaggi sono trattati in modo superficiale e a distanza di anni dall’uscita originale, non si sa niente di un possibile seguito.

Protagoniste della storia sono Rose e Lissa, due adolescenti molto amiche, quasi sorelle, che appartengono a due stirpi diverse. Rose è una Dhampir, metà umana e metà vampira, Lissa è una principessa Moroi, una razza di vampiri pacifici e mortali che si nutrono di sangue e in possesso di poteri magici.

Entrambe frequentano la St Vladimir Academy che addestra i guardiani Dhampir a proteggere i loro Moroi e a quest’ultimi a usare i loro doni che derivano dagli elementi della natura (fuoco, acqua, aria, terra). Ma da chi devono essere protetti? Dai malvagi Strigoi, una razza di vampiri immortali molto potente e assetata di sangue che può essere uccisa solo con un paletto d’argento nel cuore o dalla luce del sole.

Dopo la morte della famiglia di Lissa causata da un incidente stradale, le due decidono di scappare dall’Accademia, ma lo loro fuga dura poco e vengono ritrovate da un gruppo di Dhampir guidati dall’istruttore Dimitri e riportate indietro.

Arrivano delle minacce a Lissa e si scopre che dietro c’è lo zampino di… no non ve lo dico.

Vampire Academy

C’è molto di più ovviamente. Rose e Lissa sono unite da un legame a dir poco speciale: la prima può leggere nel pensiero della seconda grazie al dono della vampira. Una magia misteriosa che non è legata a nessuno dei quattro elementi e che permette di fare cose strabilianti come la guarigione o la compulsione (soggiogare la mente). Ovviamente c’è anche un rovescio della medaglia: la pazzia, la perdita di energia e la sete di potere… e Lissa lo scoprirà facendosi coinvolgere troppo nella sua “operazione lavaggio del cervello” dell’intera scuola, finché le persone che le vogliono bene non la riporteranno sulla retta via.

Per me la protagonista indiscussa è Rose: indisciplinata, pericolosa, impulsiva, una vera “tosta”! Per rimetterla in pari con i suoi compagni, Dimitri si offre di farle da mentore. E allenati oggi, allenati domani… nasce tra loro un sentimento proibito (studentessa e professore!). Ed ecco uno dei motivi della mia delusione: Dimitri. Non so perché, ma me lo aspettavo diverso. Viene descritto con un dio, perfetto, ma io ci vedo solo un uomo molto dotato che cade vittima del fascino della sua allieva. Questo loro sentimento sarà purtroppo un punto debole che verrà sfruttato da… qualcuno che vuole qualcosa J. Non possono lasciarsi andare, se Dimitri si abbandonasse all’amore infatti, i Moroi non sarebbero i primi su cui si butterebbe, ma Rose. Loro devono venire prima di tutto, e questo fa innamorare ancora di più la ragazza.

Vampire Academy

I buoni e cattivi della Vampire Academy

Intorno a loro gravitano molti personaggi che parteggiano sia per le ragazze che non. Tutta la lotta contro i malvagi Strigoi è messa in secondo piano. La paura di essere trasformati (sempre se prima non ti uccidono) non traspare molto. Appaiono davvero poco, e più che vampiri sembrano zombie e io li aborrrrro! Mi sembra più una parodia del libro con al centro un sacco di drammi adolescenziali e vendette per gelosia (Mia, ex ragazza del fratello di Lissa, ne è un esempio).

Vampire Academy

Christian, i cui genitori hanno scelto di trasformarsi in Strigoi passando al lato oscuro, è considerato uno sfigato emarginato e sarà una persona molto importante per Lissa. Anche Rose cambierà idea su di lui. Il legame tra le ragazze spuntarà in momenti in cui sarebbe meglio stare soli.

Mason è un leale Dhampir, amico di Rose, ma è messo un po’ da parte. Mi sarebbe piaciuto veder approfondito di più questo personaggio.

La regina Tatiana (il sovrano viene scelto tra le dodici famiglie reali) è una vera stronza che denigra pubblicamente Lissa solamente perché ancora credono che non si sia specializzata in un elemento in particolare come tutti gli altri Moroi. La sua stronzaggine rivaleggerà con quella della preside Kirova, sempre pronta a dare contro a Rose.

E poi ci sono Natalie la nerd e suo padre Victor, cari amici della famiglia Dragomir. Vi dico solo una cosa: niente è come sembra e non lasciatevi ingannare dalle apparenze.

Voglio concludere con le parole che Lissa rivolge all’intera scuola per zittire la Regina Stronza: il sangue è ciò che li lega, vuol dire nutrimento, famiglia, dolore, morte sia causata dagli Strigoi o da un conducende ubriaco che si trova dal lato sbagliato della strada e a volte serve soltanto… una migliore amica che ti dica che va tutto bene.

Spero di avervi incuriosito a dare un’occhiata a Vampire Academy!

Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

Marina Amato

Avatar

Lascia un Commento