Home » Recensione libri » Recensione: Un vizio innaturale (Sins of the Cities Vol. 2) di K J Charles

Recensione: Un vizio innaturale (Sins of the Cities Vol. 2) di K J Charles

#1 Un’inattesa attrazione (Clement e Rowley)

#2 Un Vizio Innaturale (Nathaniel e Justin)

 

Nelle sordide strade della Londra vittoriana, una passione indesiderata divampa tra due nemici giurati quando un letale segreto li costringe a collaborare.
Il giornalista d’inchiesta Nathaniel Roy è deciso a smascherare gli spiritisti, che sfruttano il dolore delle persone rese vulnerabili dal lutto. Il primo nome sulla sua lista è il cosiddetto Veggente di Londra, Justin Lazarus. Nathaniel si aspetta uno spietato truffatore da quattro soldi. Ciò che non si aspetta è di incontrare un uomo dal sorriso peccaminoso e con gli occhi di un angelo caduto, né che quello sfacciato imbroglione riesca a riaccendere il suo desiderio per la prima volta dopo anni.
Justin non prova alcun rimorso per le bugie che racconta durante le proprie sedute. I suoi sprovveduti clienti lo annoiano. Mentre l’ostile, scettico e assolutamente irresistibile Nathaniel è per lui una seducente sfida. E mentre lo scontro di volontà e di menti si surriscalda, Justin scopre di non riuscire a smettere di pensare all’uomo
che è tanto determinato a rovinarlo.
Ma tra Justin e Nathaniel c’è ben di più della crescente ossessione che nutrono l’uno per l’altro. Si trovano entrambi coinvolti nei segreti di una famiglia aristocratica, e Justin è in possesso di informazioni che potrebbero rivelarsi fatali. Assediato da assassini e fanatici nella nebbia londinese, Justin si rende conto che Nathaniel è l’unico uomo di cui possa fidarsi. E forse anche l’unico che possa amare.

Ben ritrovate Fenici.
K J Charles torna con il seguito di un’inattesa attrazione, dove il mistero che circonda
gli eventi che hanno portato Clement e Rowley a diventare amanti, è ancora presente.
Un vizio innaturale ha come protagonista l’amico di Clem, Nathaniel, che in passato
ha studiato e lavorato per uno studio legale, ma che attualmente scrive come
giornalista.
Gli eventi che conducono Nathaniel a conoscere Justin Lazarus, un ingannevole e
bugiardo spiritista, sono collegati alla famiglia di Clement, che dopo la
morte/suicidio del fratello, è alla ricerca del legittimo erede che farà di suo nipote un
conte.
Il ritrovamento dei due gemelli è difficile, eppure il lettore riesce facilmente a
collegare i pezzi di questa storia, identificando il fratello e la sorella scomparsi, che la
defunta Emmeline (vera moglie del defunto Lord Talleyfer) stava cercando.
Un’indagine davvero molto attraente che porta Nathaniel e Justin a lavorare insieme
e a difendersi reciprocamente; ma non solo. Entrambi riescono a “vedersi” davvero
dietro a quella maschera che indossano, imparando a conoscersi e giungendo a
sperare in un futuro migliore per sé stessi. Nathaniel cerca, nonostante tutto, di
mostrarsi positivo e comprensivo verso Justin che, al contrario, tende a voler

discutere durante le conversazioni e non capisce il motivo per il quale l’altro non
fugga di fronte alle sue bugie (come accaduto con altre in passato).

 

Cos’era Justin? Nathaniel non ne aveva idea. Quell’uomo gli piaceva. Gli piaceva

davvero tanto, in un modo che trovava allarmante.

(tratto dal libro)

Il rapporto migliora e a differenza di Clement e Rowley (che nonostante tutto, sono
persone calme), Nat e Justin sono due furie piene di passione che cercano di
dominarsi l’un l’altro rispettando però il libero arbitrio. Si cercano e imparano a
fidarsi, senza favori.
Li ho adorati e sono molto contenta di come l’autrice abbia previsto un finale per
creare un ulteriore inizio. Una nuova partenza che però nasconde ancora paure e
incertezze: colui che macchina tutto è ancora a piede libero e, ora che tutti hanno
compiuto la loro mossa mettendosi in luce, sarà ancora più divertente capire chi c’è
dietro a tutte le morti.
Una fine che avremo modo di comprendere meglio nell’ultimo capitolo che vedrà
come protagonista Mark detto il Polacco, investigatore privato che ha la
responsabilità di tener sotto controllo Pen. Di quest’ultimo non posso dirvi altro,
dovrete leggere per capire chi si cela dietro questo personaggio.
Alla prossima!




 


StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento