Home » Recensione libri » Recensione: Un Cupido fuori programma di Noemi N.

Recensione: Un Cupido fuori programma di Noemi N.

 

 

Titolo:Un Cupido Fuori Programma

Autore:Noemi N.

Editore:Blueberry Edizioni

Genere:Romance

Data di pubblicazione:27 Novembre 2021

Blueberry Edizioni, la Nuova Casa del Romance

Alice Moreau ha appena compiuto trent’anni, vive a Parigi, ha una sorella che adora, dei genitori premurosi che le vogliono bene e lavora come accompagnatrice turistica presso il tour operator di famiglia. Tutto sembra scorrere liscio… forse troppo. Sente che le manca qualcosa e quel sogno, da troppo tempo sopito, di diventare una scrittrice torna a fare capolino nei suoi pensieri con sempre maggior insistenza. Le serve però un’ispirazione e quale luogo potrebbe essere migliore di Edimburgo e della Scozia, patria della sua scrittrice preferita, per iniziare una nuova vita? Così, contro il parere di quasi tutta la sua famiglia decide di partire, dandosi tempo un anno per realizzare il suo progetto.

Il Duca Edward Alastair Christopher Wallace IV MacAlpin del Casato degli Alpin ha tutto quello che un uomo possa desiderare: bello, ricco, un castello da favola e un titolo nobiliare. Integerrimo e incorruttibile, non riesce a dire di no soltanto a una persona: sua sorella di appena otto anni.
E se quest’ultima gli chiedesse di assumere come insegnante privata di lingue una ragazza francese un po’ frivola e svampita che si era persa durante una gita nel loro castello? Riuscirà a non accontentarla?
Per il Duca sembra una scelta davvero azzardata, ma qualcosa sembra suggerirgli che si tratti della persona giusta. Sarà stato il suo cuore?

Alice e il Duca MacAlpin non hanno davvero niente in comune ma sono entrambi in cerca di qualcosa. E se ci pensasse Cupido a far guardare loro nella stessa direzione?

 

Ben trovate care Fenici, il romanzo di cui parleremo oggi ci porta nella dimora di un duca, un meraviglioso castello scozzese ricco di storia e di sentimenti vissuti con intensità. Ma iniziamo insieme il racconto.

Chris è un duca per l’appunto ed è ben consapevole dei suoi doveri e responsabilità. La storia che si trascina non è facile da gestire: un bagaglio di esperienze dolorose che hanno portato a scelte difficili. Il suo contegno da aristocratico e la sua maschera, costituita da una nobiltà arrogante e sprezzante, sono in netta contrapposizione a tutto quello che caratterizza la personalità di Alice. 

La protagonista, di origine parigina, custodisce un sogno: diventare una scrittrice per bambini. Per esaudirlo lascia la sua città e la sua famiglia, per avventurarsi nella lontana Scozia seguendo le orme della famosa scrittrice della saga di Harry Potter, suo mito da sempre. 

Il destino li farà incontrare e una fanciulla dai boccoli color delle fiamme, sorella del duca, sarà la variabile che darà vita alla loro storia.

Una favola in tutti i sensi, in cui la dolcezza si sposa con la passione, la tenerezza con l’irruenza, facendo muovere i personaggi come sul palco di un teatro. I sentimenti sono i protagonisti, vissuti a trecentosessanta gradi. Alice è bellissima, spontanea e irruente, pronta a battersi per tutto ciò in cui crede. Chris è una creatura ferita, capace di grandi azioni sebbene momentaneamente rinchiuso nel suo bozzolo dorato, non riesce a dare fiducia ad altre persone oltre la piccola Vittoria, che è tutto il suo mondo. I sogni sono una cosa meravigliosa e la protagonista ci ricorda di come sia importante, essenziale lottare giorno per giorno per dare voce ai nostri desideri. Siamo noi i primi a dover credere in quel che vogliamo realizzare e lei, nonostante le difficoltà, lo fa, a discapito di quello che le persone che la circondano, possano dire o fare. 

Ovviamente non mancano gli antagonisti, come in ogni storia che si rispetti, ma è anche quello che dà sale alla vita, no? 

Così davanti a un pozzo come quello dei desideri, Alice lancia un sasso e l’amore tanto atteso e agognato, finalmente, bussa al suo cuore.

Vi ho messo curiosità? Bene, perché si tratta di un libro meraviglioso. Una storia da leggere il giorno di Natale sotto l’albero, o seduti davanti a un camino a bere una cioccolata calda.

Buona lettura allora e a presto!

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento