Home » Recensione libri » Recensione: “Un amore quasi per caso – Marriage Mistake Serie #3” di Nicole Snow

Recensione: “Un amore quasi per caso – Marriage Mistake Serie #3” di Nicole Snow

 

Titolo: Un amore quasi per caso

Autrice: Nicole Snow

Serie: Marriage Mistake

Genere: Romance

Casa Editrice: Newton Compton Editori

Data di pubblicazione: 26 luglio 2021

 

1 – Un bacio quasi per caso

2 – Un abbraccio quasi per caso

3 – Un amore quasi per caso

Un perfetto sconosciuto ha appena cancellato con un bacio il peggior giorno della mia vita. E ci tengo a sottolineare “perfetto”. Hunter Forsythe è così fuori dalla mia portata che non riesco a capacitarmene. E ora è il mio accompagnatore al matrimonio di quella perfettina di mia sorella! Di sicuro andrà tutto storto e ci sarà da ridere. Ma il mio nuovo misterioso eroe non è uno scherzo. È un padre single. È ricco come il peccato, ha occhi che ti stendono ed è pieno di muscoli, muscoli ovunque. Troppo buono per la tranquilla fornaia che nessuno ha mai notato. Poi scopro cosa lo ha spinto a questa follia. E divento una furia. Hunter Forsythe, con me non avrai vita facile!

 

Se si è in cerca di una commedia romantica con un pizzico di suspense questo è il libro giusto.

È il terzo romanzo di una serie molto piacevole che si può leggere, pur non conoscendo i volumi precedenti, perchè sono tutti autoconclusivi e senza spoiler.

 

Ma vediamo un po’ i tratti dei protagonisti…

Lui, Hunter, è un ex marines intelligente e bello come il peccato.

 

La perfezione fatta uomo. Tutto muscoli, una sottile ricrescita della barba, un corpo che arriva quasi al cielo e spalle così ampie da far invidia all’orizzonte stesso […]

Capelli scuri […] sguardo blu-ghiaccio”

(Tratto dal libro)

 

Aggiungiamo un cuore d’oro. Tanto è grande e grosso, tanto è dolce, generoso, premuroso e protettivo sia con le persone che ama che con quelle fragili e bisognose.

“Idiota. Dal cuore d’oro, ma probabilmente pazzo”

(Tratto dal libro)

 

Poi c’è Ben, figlio del fratello gemello defunto di Hunter e adottato dallo zio, che ha perso madre e padre in un incendio all’età di due anni. Hunter gli ha lasciato credere di essere il suo vero padre, rimandando una spiegazione che ormai non può essere più procrastinata.

Questo ragazzino ha catturato il mio cuore fin dall’inizio, per non parlare della nostra protagonista Wendy.

Una “marachella” di Ben, infatti, farà sì che il nostro moderno “Highlander” incontri proprio lei, Wendy, pasticcera creativa, piena di vitalità ed energia. Generosa, instancabile lavoratrice, con sani principi e che ama la sua famiglia, nonostante la mortifichino spesso dando poco valore ai suoi meriti.

Grazie alla sua professione e al modo molto franco di esprimere le proprie opinioni si guadagna il soprannome “Zucchero e Pepe”.

 

“Wendy. Non credo di aver mai conosciuto una Wendy. Il nome le si addice. Tutta zuccherosa innocenza, con quel giusto tocco di pepe nella bocca che la rende interessante”

(Tratto dal libro)

 

Poi ci sono le figure di contorno, non meno importanti per la trama: la madre e il padre di Wendy che avranno un ruolo importante anche nella quotidianità di Ben; l’egoista ed eccentrica sorella, Charlotte, che non perde occasione per sminuire Wendy; lo sfuggente e ombroso Sloan, ex commilitone di Hunter e braccio destro, subentrato a Cory dopo la sua morte nella gestione della società, nonché zio adottivo di Ben; e per finire Cory e Juno, genitori di Ben, che sebbene ormai defunti sono sempre presenti nella narrazione in quanto figure integranti nell’intreccio.

 

La prima parte del libro è quella divertente e sentimentale. Hunter e Wendy imparano a conoscersi, si avvicinano e come in tutte le commedie romantiche degne di questo nome si innamorano.

Lei lo aiuta ad affrontare i suoi fantasmi e ad approcciarsi a Ben come un padre. Lui, grazie a un accordo che stringe con i genitori di Wendy, per il bene di Ben, riuscirà a valorizzare la nostra “Zucchero e Pepe”.

 

“È più come se non credessero che io potrei mai… […] Avere un uomo del tuo calibro.

Ora sono incazzato. È incredibile come una donna così intelligente non riesca a vedere ciò che ha davanti agli occhi. È assurdo potrebbe avere qualsiasi uomo lei desideri. La sua famiglia le ha fatto credere che non sia così, ma potrebbe.”

(Tratto dal libro)

 

È una storia ricca di sentimenti positivi che valorizzano ogni aspetto della vita famigliare.

L’ultima parte di libro regalerà un po’ di suspense e la soluzione di un mistero che si coglie fra le righe già nei primi capitoli.

Non mancano le scene hot ma sono ben inserite e diluite nella trama.

La scrittura è fluida e incalzante. Buona la traduzione e l’editing.

 

Per finire, un applauso alla cover.

 

Daniela Fogliani

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Daniela Pullini

Lascia un Commento