Home » Recensione libri » Recensione: “Tu che avanzi nel buio della notte” di Virginia Dellamore

Recensione: “Tu che avanzi nel buio della notte” di Virginia Dellamore

Titolo: TU CHE AVANZI NEL BUIO DELLA NOTTE

Autore: Virginia Dellamore alias Amabile Giusti
Editore: Self Publishing
Genere: Historical Romance
Data d’uscita: 10 Luglio 2020

“Nonostante la sua giovane età e la sua straordinaria bellezza, Elizabeth è una ragazza dai gusti semplici, ben diversi da quelli delle sue coetanee. Mentre le altre fanciulle sognano di lasciare la quiete della campagna e di trascorrere una Stagione indimenticabile, lei non ha alcuna intenzione di abbandonare il paesino del Derbyshire nel quale vive. Preferisce la pace dei boschi e lo splendore dei laghi allo sfarzo di Londra. La città non l’attrae e il matrimonio non le interessa.
Finché, un giorno, incontra il ragazzo più affascinante che abbia mai visto: Lord Cecil Cavendish, l’erede del conte alle cui dipendenze lavora suo padre. Un partito apparentemente irraggiungibile per la figlia di un modesto servitore.
Meno irraggiungibile si dimostra invece un altro ragazzo, Jem Black, un tipo rude da poco giunto al villaggio in cerca di lavoro e subito assunto come stalliere.
Tanto Cecil è timido e gentile, quanto Jem è spavaldo e sgarbato.
Tanto Cecil incarna l’idea del principe delle fiabe, quanto Jem sembra un pericoloso pirata.
Sebbene così diversi fra loro, però, entrambi celano importanti segreti.
Per chi batterà il cuore di Elizabeth? Chi sconvolgerà la sua giovinezza? A chi donerà il suo amore per sempre?
Una storia romantica e avventurosa, fra baci rubati, corse a cavallo, feste danzanti, misteri, rancori, rapimenti e vendette, e un sentimento sincero e profondo che neppure il tempo può cancellare.”

Con molto piacere ho letto per voi Tu che avanzi nel buio della notte di Virginia dell’Amore alias Amabile Giusti, che mi ha deliziato con questo classico romanzo storico autoconclusivo ambientato nell’Inghilterra ottocentesca, epoca tanto affascinante per noi lettrici romantiche.

È una delle poche volte in cui ho desiderato procurarmi il cartaceo del libro, dopo averlo letto, poiché l’autrice alla fine ci regala delle illustrazioni molto belle che ritraggono i due protagonisti nei momenti salienti del racconto.

Ho trovato la lettura gradevole sotto tutti i punti di vista, a cominciare dalla copertina e dal titolo a mio avviso già convincenti.

Il doppio POV è interessante poiché non lascia niente all’immaginazione, soddisfacendo ogni più piccola curiosità.

Il libro è diviso in due parti fondamentali che scandiscono il tempo in cui si svolgono i fatti, a distanza di quattro anni.

Nella prima parte viene raccontato l’incontro tra i protagonisti in un’ambientazione fiabesca e spensierata (ma non troppo).

La campagna inglese è sempre molto affascinante quando si parla di romanzo storico e in questo caso, abbinata alla scrittura della nostra brava autrice, diventa una poesia. Mi sono davvero emozionata per la delicatezza e l’originalità con cui la storia nella sua drammaticità è stata raccontata. Un solo bacio vale più di mille amplessi e la sensualità così poco esibita rende la narrazione molto più coinvolgente e accattivante.

I protagonisti sono descritti magnificamente e nei minimi particolari, ma non parlo solo del colore dei capelli o degli occhi, ho potuto immaginare perfettamente il riflesso e le sfumature dei capelli di Liz all’alba o il colore tempestoso degli occhi di James in un momento di grande irritazione.

Questi dettagli, insieme alla magnifica descrizione dell’ambiente circostante rende vivido il racconto tanto da risucchiarti all’interno.

La seconda parte si svolge a Londra nell’ambiente tipico dell’alta aristocrazia con le mise più esclusive e i balli durante i quali si combinano i migliori matrimoni. La Scozia nel finale è la ciliegina sulla torta che rende il quadro completo. Ogni personaggio è caratterizzato molto bene, ognuno con la sua personalità e la sua valenza e questo rende più vivido il racconto.

Il rapporto tra Liz e suo padre, rimasto vedovo troppo presto dell’amata moglie, è molto dolce e fa emergere chiaramente il loro grande amore reciproco.

Liz è la vera protagonista, una semplice ragazza di campagna un po’ ribelle con il sangue metà contadino e metà nobile e il cuore puro e compassionevole. Lei è una bellezza che si fa notare, una ninfa dei boschi che, a sedici anni, fa già palpitare i cuori di molti uomini. James è il mozzo di stalla che turberà i sonni di Liz, con il suo atteggiamento sfrontato e il fascino peccaminoso. In questo quadretto niente male si inserisce lord Cecil Cavendish che farà battere il cuore a Liz per la prima volta. In questo turbinio di emozioni Liz sarà l’eroina di una storia d’amore travagliata, avventurosa e piena di colpi di scena.

Consiglio la lettura a tutte voi fenici appassionate di romanzi storici d’amore e faccio i complimenti all’autrice perché mi ha davvero emozionata.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: TU CHE AVANZI NEL BUIO DELLA NOTTE Autore: Virginia Dellamore alias Amabile Giusti Editore: Self Publishing Genere: Historical Romance Data d’uscita: 10 Luglio 2020 “Nonostante la sua giovane età e la sua straordinaria bellezza, Elizabeth è una ragazza dai gusti semplici, ben diversi da quelli delle sue coetanee. Mentre le altre fanciulle sognano di lasciare la quiete della campagna e di trascorrere una Stagione indimenticabile, lei non ha alcuna intenzione di abbandonare il paesino del Derbyshire nel quale vive. Preferisce la pace dei boschi e lo splendore dei laghi allo sfarzo di Londra. La città non l’attrae e il…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento