Home » Recensione libri » Recensione: SHALLOW di Silvia Carbone “Serie Skull of Hell”

Recensione: SHALLOW di Silvia Carbone “Serie Skull of Hell”

TITOLO: Shallow

SERIE:  Skull of Hell #1
AUTORE: Silvia Carbone

GENERE: rosa contemporaneo MC
EDITORE: self publishing

DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 Settembre 2020

Rispetto. Onore. Per la mia famiglia.

Fratellanza. La mia legge.
Questi sono i valori con cui sono stato cresciuto.
Agisco a sangue freddo, insensibile al dolore dei miei nemici.
Prendo e tolgo a mio piacimento.
Nulla ha importanza, vivo solo per il club.
Fino al suo arrivo.

Reese Jones è una ragazza determinata e leale.
Ma non solo, è anche bellissima.
Sono un uomo che vive nell’ambiguità e ho dei segreti.
Lei sarà la mia ossessione.
Io la sua rovina.
Mi chiamo Killian “Shallow” Hill, vicepresidente degli Skulls of Hell MC.
Vivo all’inferno.
E non ho paura.

Cinque stelle alla copertina!

Quest’uomo è tutto un programma ed è il protagonista di questo romanzo; Killian Hill, detto Shallow, è il vicepresidente dei Skulls of Hell MC, una banda di motociclisti di Raleigh, una cittadina alle porte di Charlotte.

Fratellanza, onore e rispetto sono i principi su cui si basa la famiglia degli Skulls.

In realtà la banda si occupa di traffici illeciti: droga, armi, un ambientino non proprio tranquillo in cui portare la propria sorellina di diciassette anni.

Cosa che è costretto a fare Jaylen quando, dopo la morte dei suoi genitori, la sua unica sorella, Reese, rimane sola al mondo.

Dopo sette anni di lontananza finalmente i due fratelli sono insieme e lui può occuparsi di lei.

Killian è contrario a far rimanere Reese al chapter degli Skulls e così fa di tutto per contrastarla.

Ma lei non è la ragazzina che lui pensa che sia. La sua vita non è stata per niente facile, ha vissuto in una roulotte e i genitori erano tossici e sempre ubriachi, eppure ha sempre frequentato la scuola, diplomandosi con ottimi voti e ottenendo una borsa di studio per il college. La sistemazione con la banda di motociclisti è temporanea, per sua fortuna, e finalmente dopo le vacanze estive l’aspetta il college e quindi una sistemazione finalmente stabile per i prossimi quattro anni.

È lei la vera protagonista, per quanto mi riguarda.

A soli diciassette anni Reese è una ragazza ambiziosa e assennata che studia e lavora, nonostante non abbia mai avuto l’affetto e il sostegno di nessuno.

Dal primo istante tra lei e Killian scatta subito l’attrazione, nonostante la differenza di età.

Lui è il punto debole, l’uomo spezzato e tormentato dal ricordo della sua old lady, Victoria. L’ostacolo maggiore però è quello di non aver mai voltato pagina dopo la sua morte perché si colpevolizza di non essere riuscito a proteggerla. I Lions Fly sono la banda rivale di motociclisti colpevoli dell’accaduto e quindi acerrimi nemici. Una nuova catastrofe sembra abbattersi sugli Skulls e la resa dei conti è ormai vicina.

Tra tira e molla e, vari botta e risposta, i nostri protagonisti sono proprio una bella accoppiata! I ragazzi della banda degli Skulls sono la famiglia che Reese non ha mai avuto e poi sono tutti dei bei ragazzoni, di cui spero tratteranno gli altri libri della serie. Intanto mi ha molto incuriosita la storia tra Jaylen e Hailey, la migliore amica di Reese, e non vedo l’ora di saperne di più.

Gli equilibri all’interno della banda resteranno stabili o si incrineranno? Killian riuscirà ad allontanare gli spettri del passato guardando avanti?

Benvenute nel club degli Skulls of Hill care fenici e buona lettura!

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento