Home » Recensione libri » Recensione: Posseduta: Una storia fantascientifica di amore alieno – Serie: Condottieri razziatori dei vandar Vol. 1 di Tana Stone

Recensione: Posseduta: Una storia fantascientifica di amore alieno – Serie: Condottieri razziatori dei vandar Vol. 1 di Tana Stone

Titolo: Posseduta

Autore: Tana Stone

Serie: Condottieri razziatori dei vandar Vol. 1

Editore: Broadmoor books

Genere: Fantasy/Romance

Data di pubblicazione: 9 marzo 2022

 

Posseduta: Una storia fantascientifica di amore alieno

Saccheggiata: Una storia fantascientifica di amore alieno

Mi sono sacrificata per salvare la nave di mia sorella. Ora il condottiero predone mi possiede.

È stata colpa mia. Ero la navigatrice della nostra nave e sono stata io a condurci dritti in territorio vandar.

Avevamo sentito parlare dei razziatori vandar, come tutto il resto della galassia. Spietati e terrificanti, erano un flagello per l’Impero zagrath e distruggevano tutto ciò che si parava sulla loro strada.

In pochi avevano mai posato lo sguardo sui vandar o sui famigerati condottieri che guidavano le loro flotte di navi da guerra – per poi sopravvivere e parlarne. Dunque, quando quegli spietati alieni sono saliti a bordo della nostra nave con l’intento di distruggerla e uccidere l’equipaggio, ho fatto l’unica cosa che potevo fare.

Mi sono concessa al cupo e minaccioso condottiero. In cambio della concessione, da parte sua, di un attraversamento sicuro del territorio vandar, devo condividere il letto con lui e viaggiare con il suo equipaggio di razziatori assassini. Anche se la sola vista di quell’enorme alieno segnato dalle battaglie mi terrorizza.

Ma mentre mi abituo alla mia nuova vita a bordo di una nave di selvaggi, scopro che il dominante guerriero alieno non vuole soltanto il mio corpo. Vuole possedere la mia anima. E per farlo, stringerà un nuovo patto con me.

Lo spazio è un posto pericoloso, soprattutto quando ad abitarlo sono razze aliene crudeli e senza scrupoli come i vandar, popolo alieno nomade e razziatore di certo non conosciuto per la sua compassione, o almeno così si pensa.

La storia comincia con Astrid, una ragazza umana di vent’anni che da quando i suoi genitori sono stati uccisi ha dovuto lottare per sopravvivere insieme alla sorella Tara.  Poche cose accomunano le due ragazze, sicuramente non l’attitudine alla navigazione. Astrid, infatti, compie un grave errore che porta il mercantile sgangherato, su cui viaggiavano, nel territorio nemico dei vandar.

Per poter salvare la sorella Tara e il suo equipaggio, sarà costretta ad accettare di essere fatta prigioniera dal grande Raas Kratos. Sin da subito però scopre che la paura di appartenere a quell’uomo viene affiancata da una strana attrazione verso il capitano vandar.

L’intero romanzo è ambientato nello spazio, per la maggior parte del tempo in navicelle spaziali o in pianeti alieni. Le descrizioni sono accurate, come il linguaggio militare che segue le operazioni belliche della nave vandar contro i suoi acerrimi nemici zagrath. La storia che lega i due personaggi è stravagante, ma, dopotutto, parliamo di un amore tra un’umana e un alieno super sexy con tanto di coda.

La parte romance fa da padrona in tutto il libro, tra un colpo di arma laser e attacchi nemici, vediamo i due protagonisti cedere alla passione che li porta verso la scoperta di sentimenti potenti e nuovi per entrambi.

I dialoghi sono ben fatti e sempre coerenti soprattutto perché a parlare sono razze diverse, e quindi con i propri usi e costumi.

Il personaggio di Astrid è forse quello che mi ha fatto impazzire meno per il semplice fatto che, oltre alla sua attrazione per il Raas, si è scoperto poco di lei, ciò nonostante ne ho apprezzato il coraggio e che non fosse una semplice damigella in pericolo. Kratos, invece, l’ho trovato più interessante per via della sua natura aliena e il grande senso del dovere e dell’onore verso il suo popolo.

La storia nel complesso mi è piaciuta, il mondo creato dall’autrice è ricco e variegato ma avrei apprezzato che lo descrivesse di più.

Le parti romance hanno una tinta molto hot, le scene di sesso sono esplicite e ricorrenti ma comunque ben scritte. Nel suo insieme è una lettura piacevole, veloce e mai noiosa, spero che l’autrice ci dia la possibilità di conoscere meglio il mondo alieno nel secondo libro della serie.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Serena

Lascia un Commento