Home » Recensione libri » Recensione: La lettera nascosta di Ruth Saberton

Recensione: La lettera nascosta di Ruth Saberton

 

Titolo: La lettera nascosta

Autore:Ruth Saberton

Genere: Romanzo 

Editore: Newton Compton Editori

Data di pubblicazione:11 Novembre 2021

Un’indimenticabile storia d’amore, perdita e speranza.
Cornovaglia, 1914. 
Alla vigilia della prima guerra mondiale, Kit Rivers, un giovanissimo aspirante poeta, ha davanti a sé un brillante futuro. Rampollo di un’ottima famiglia, è destinato a occuparsi del maniero che erediterà e, seppur a malincuore, non ha intenzione di sottrarsi ai suoi doveri. Ma quando viene travolto da una passione improvvisa per una ragazza di umili origini, Kit decide che non permetterà ai genitori di rovinare l’estate più magica della sua vita. Sarà però la guerra a sconvolgere qualsiasi piano, minacciando ciò che il ragazzo ha di più caro.
Un secolo dopo, Chloe Pencarrow, rimasta vedova, lascia Londra alla volta della Cornovaglia: una casa isolata sulla costa potrà senz’altro offrirle la tranquillità che cerca. Ossessionata dai ricordi che la perseguitano, Chloe prova a distrarsi facendo ricerche su un poeta di guerra, Kit Rivers, e su quello che gli accadde durante la prima guerra mondiale. Chloe scopre così il vecchio diario di una giovane donna di nome Daisy, e capisce che Daisy e Kit hanno condiviso un oscuro segreto: un segreto che potrebbe cambiare la vita della stessa Chloe…
Una grande storia d’amore sullo sfondo mozzafiato della Cornovaglia.
Due donne che sanno cosa significa essere travolte dalla passione.

 

 

Chloe Pencarrow è una giovane vedova, che si trasferisce in una vecchia canonica stretta tra le ripide scogliere di un’immaginaria località in Cornovaglia e un antico cimitero: Rosectraddick. La casa è vicina a una magione importantissima, in restauro per esser trasformata in museo.

La perdita del giovane marito l’ha lasciata in balia delle onde, incapace di riprendere a dipingere le illustrazioni con cui si guadagna da vivere. Il suo destino, grazie al ritrovamento di un diario scritto da una giovane donna vissuta durante la prima guerra mondiale, prenderà una piega inaspettata, rivelandole nuove strade, un nuovo amore e dandole uno scopo per tornare a vivere.

La giovane Margaret Hills passa le sue vacanze alla canonica del burbero Reverendo Cutwell. Rimasta orfana di madre (una tra le prime donne laureate del nuovo secolo), trascorrerà la sua estate con il padre, medico impegnatissimo, facendo il bagno al mare e lunghe passeggiate, allo scopo di rinforzare una gamba offesa dalla poliomielite. L’incontro con il giovane Kit Rivers, nobile di nascita ma poeta per scelta, cambierà per sempre la sua vita.

La sua storia, affidata alle pagine del diario finito nelle mani di Chloe, permetterà a Margaret e Kit, innamorati infelici e sfortunati, di ottenere la giustizia che gli spetta anche a distanza di settant’anni.

Grazie alle indagini di Chloe e di Matt, il bel professore profondo estimatore della poesia di Rivers, verranno alla luce gli inganni e le persecuzioni che avevano condannato due giovani innamorati alla separazione, permettendo la scoperta di un intero fascio di poesie che Margaret aveva abilmente sottratto all’oblio.

L’intreccio storico della prima guerra mondiale (che gioca un ruolo di primo piano), così come le considerazioni della protagonista, che sente prepotentemente riemergere dall’oblio il dolore degli amanti, costituiscono un cardine di questo bel romanzo, molto emozionante e coinvolgente, struggente e tragico.

Nonostante il tema sia stato più volte sfruttato nella narrativa moderna, ritengo questo libro una piccola e sorprendente novità da non lasciarsi sfuggire.

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento