Home » Recensione libri » Recensione: “La lettera d’amore” di Lucinda Riley

Recensione: “La lettera d’amore” di Lucinda Riley

Care Fenici, oggi Emanuela ci parla di un libro bellissimo, “La lettera d’amore” di Lucinda Riley

Ci sono segreti facili da smascherare e altri che restano sepolti per una vita intera. Come quello di Rose, l’anziana signora che Joanna, giovane reporter del Morning Mail, conosce durante la cerimonia di commemorazione del famoso attore Sir James Harrison. Pochi giorni dopo, Joanna riceve un plico contenente una vecchia lettera d’amore e un biglietto dalla grafia tremolante, ma è ormai troppo tardi per chiedere qualsiasi spiegazione: Rose è morta e la sua casa completamente svuotata, come se la donna non fosse mai esistita. Quando anche l’appartamento di Joanna viene messo sottosopra, la giornalista capisce che ha tra le mani una storia scottante, e la sua unica via d’uscita è scoprire la verità sui misteriosi amanti della lettera. Chi erano realmente? E perché è così importante che nessuno sappia di loro?

La nostra amata Lucinda Riley che ci ha abituato a storie d’amore struggenti e tormentate, stavolta ci diletta con una spy story in piena regola con tanto di agenti segreti doppiogiochisti, identità nascoste e scambi di persona. Tutto è ambientato tra Londra, l’Irlanda e lo Yorkshire patria della giovane giornalista Joanna che si trova, suo malgrado, coinvolta in un mistero legato ad una lettera d’amore speditale da una vecchietta incontrata per caso al funerale di un famoso attore inglese.
Il sesto senso della giovane e la noiosa routine del giornale per cui lavora, la porteranno ad infilarsi nel peggior ginepraio le potesse capitare.
Chi ha scritto questa lettera e cosa ci faceva la vecchietta alla commemorazione funebre di Sir James?
Joanna entrerà in contatto con la famiglia dell’uomo e i suoi nipoti: Zoe altera e talentuosa attrice ma spaventosamente fragile e Marcus giovane produttore fallito, donnaiolo e bevitore, sempre alla ricerca del film di successo che possa dare una svolta alla sua vita.
La giovane giornalista intuirà da subito che l’uomo che era il loro nonno nascondeva una doppia vita e tra la casa di Londra ed un cottage di campagna darà il via alla caccia alla lettera misteriosa, chiave del mistero. Naturalmente alle sue spalle l’ombra nera dei servizi segreti che cercherà di non perderla di vista, iniziando così con la giornalista una vera e propria partita a scacchi che avrà, come in tutti i gialli che si rispettino, la giusta dose di assassini e morti ammazzati. I particolari più curiosi riguardano il personaggio di Simon, giovanotto amico d’infanzia di Joanna, che non sempre sarà amichevole nei suoi confronti e la famiglia reale inglese. Quest’ultima sarà protagonista del giallo e non ne uscirà particolarmente bene, devo dire… ma non voglio andare oltre e rivelare altri particolari di questo nuovo successo della Riley che emoziona e costringe il lettore ad un serrato corpo a corpo, per arrivare alle sorprese finali che saranno più di una. Perciò cari amici di RFS… Enjoy!

 

StaffRFS

StaffRFS