Home » Recensione libri » Recensione: “Innamorata del Conte sbagliato” di Lorraine Heath (serie Gli sfrontati di Havisham #2)

Recensione: “Innamorata del Conte sbagliato” di Lorraine Heath (serie Gli sfrontati di Havisham #2)

Londra, 1878 – Lady Julia Kenney si trova in una situazione complicata. Sposata con Albert, Conte di Greyling, non riesce a nascondere l’attrazione che la lega al suo gemello, Edward. Inaspettatamente, durante un safari, Albert rimane vittima di un incidente, ma prima di morire chiede al fratello, una volta tornato a Londra, di vestire i suoi panni, così da non turbare Julia, che porta in grembo un bambino. In effetti, la donna nota un cambiamento nel marito, che la porta a provare per lui un sentimento più profondo. I nodi, però, prima o poi vengono al pettine e Edward deve decidersi a confessare la verità, consapevole che questo potrà costargli non solo la donna che ama, ma anche la reputazione, dato che la legge inglese vieta i matrimoni tra cognati. In questo caso, varrà la pena rischiare?

Era incredibile quanto Julia fosse disposta ad alleggerire il suo fardello. Anzi, quello del marito. Edward non doveva mai dimenticare a chi, in realtà, porgesse il proprio aiuto. Comunque, tra tutte le donne che aveva frequentato negli anni, nessuna aveva dimostrato il minimo interesse per i suoi problemi. Tutte pensavano sono a quanto avrebbero potuto ricavare da lui. Anche in circostanze diverse, gli sarebbe stato difficile accettare la generosa offerta. Per giunta, in questo caso sapeva che quelli da riordinare non erano i beni di Edward. Magari un giorno avrebbero provveduto insieme a quel compito. Se lei non lo avesse odiato con tutta l’anima.

Non è la prima volta che trovo in un romanzo lo scambio fra gemelli e devo dire che mi intriga sempre una trama del genere, anche se pone parecchi interrogativi. È vero che ad un estraneo può essere facile scambiare due persone davvero somiglianti l’una per l’altra, ma di solito i famigliari sono perfettamente in grado di riconoscerli. Lorraine Heath si è giocata molto bene questa carta, infatti, non appena gli amici che sono cresciuti con lui lo vedono, capiscono perfettamente di trovarsi di fronte Edward e non il fratello, e pur non capendone il motivo aspettano di poterne discutere con lui. Anche Julia nota piccoli cambiamenti nel marito, ma da mesi ormai sono lontani; appena saputo della sua gravidanza infatti, Albert si è trasferito nella sua camera e le è rimasto lontano per evitare di fare del male al bambino. Ora le piccole differenze di comportamento che nota nel marito le attribuisce alla morte del fratello, che lei sa bene quanto amasse. Comincia così una strana convivenza fra una donna che si scopre sempre più intrigata da quest’uomo che si dimostra estremamente premuroso, che sembra più rilassato e divertente di quanto ricordasse e che le suscita desideri molto più intensi di quanto abbia mai avuto, e di un uomo che si rende conto di avere sempre provato qualcosa per una donna che gli è proibita, e che è convinto lo odierà a morte per il suo inganno. Mentre Julia tenta in ogni modo di ritornare in intimità con il suo sfuggente  marito, Edward tenterà con ogni mezzo di non avvicinarsi troppo, ma nessun inganno dura per sempre.

I personaggi maschili di questo libro sono molto belli e, come spesso accade fra fratelli, i due hanno caratteri completamente differenti. Albert è serio, posato, tutto onore e decoro, un perfetto gentiluomo del suo tempo. Edward al contrario è espansivo, avventuroso, in grado di incantare la gente con le sue storie d’avventura, ma è anche in grado di muoversi in ogni ambiente con grande competenza ed ha una grande attitudine al comando, eppure a torto viene creduto un donnaiolo dedito solo ai suoi piaceri. Ma la realtà si dimostra ben diversa, è un uomo generoso, che non ha mai voluto il posto del fratello, ha fatto di tutto per farsi detestare da Julia quando si è accorto della sua attrazione per lei, per questo si è anche allontanato dal gemello facendosi credere un perdigiorno alla ricerca di donne e liquori. Ora che, suo malgrado, si trova nei panni di Albert tenta di comportarsi in modo nobile, ma Julia inconsapevolmente fa di tutto per farlo cedere mostrandosi appassionata e curiosa, ben diversa da come l’ha sempre creduta. Per la prima volta infatti Julia, si è trovata ad essere padrona di sé stessa. Mentre il marito era in viaggio ha potuto gestire la sua vita come le è piaciuto, una cosa che non aveva mai potuto fare, prima sottoposta ai propri genitori, poi al proprio cugino e infine al marito, che per quanto amorevole, non ha mai tentato di conoscerla veramente. Rimane molto sorpresa quando dopo avergli confessato di aver letto un libro come “Madame Bovary” il marito non la rimproveri, e ancora di più, quando per la prima volta tenta un approccio audace mentre l’uomo sta facendo il bagno e lui si dimostra felicissimo. Lei si è sempre adeguata ai suoi desideri sapendo quanto Albert tenga al decoro e alla decenza, nascondendo parte del suo carattere focoso e trattenendosi, ed è deliziata nello scoprire un marito molto più audace e intraprendente. Ed è anche molto colpita dal suo comportamento verso la gente della tenuta, dove non solo si dimostra molto più autorevole, ma anche generoso e compassionevole. Insieme sono una coppia perfetta, ma in nessun caso sembrano destinati a stare insieme, la legge inglese infatti vieta in modo assoluto un possibile matrimonio fra due cognati.

La trama non presenta particolari accadimenti di rilievo, però è un libro che mi è piaciuto molto, ho amato tutti i suoi personaggi e l’ho trovata una bella storia d’amore, di ogni amore possibile, quella di un marito per sua moglie, quello fra amanti, fra un padre e un bambino anche se questo non è suo, fra due gemelli uguali eppure così diversi e quello che intercorre fra degli amici che sono sempre pronti a sostenersi a vicenda in ogni situazione. La scrittura di Lorraine Heath è scorrevole e molto piacevole ed ora non rimane che aspettare il prossimo capitolo e scoprire cosa l’autrice ha in mente per Loke, il ragazzo che più di tutti è intenzionato a non sposarsi per amore, troppo consapevole del dolore enorme provato dal padre, che è stato incapace di dimenticare la donna amata ed è piombato nella follia.

 

StaffRFS

StaffRFS