Home / Contemporary Romance / Recensione: “Eredità proibita” di Doranna Conti e Daniela Ruggiero

Recensione: “Eredità proibita” di Doranna Conti e Daniela Ruggiero

 

trama-rfs-rosso

 

Ama il tuo peccato e sarai innocente.

Nathan e Karen non conoscono l’esistenza l’uno dell’altra. Rampollo di una ricchissima famiglia newyorkese lui, giovane donna cresciuta senza padre e con pochi soldi nella provincia inglese lei, le loro vite scorrono separate dall’oceano fino a quando la sorte non decide di far incontrare le loro strade. 
A cambiare per sempre le loro esistenze, un’eredità in comune e un segreto rimasto nascosto per decenni. Uno scherzo del destino, che avvicina due persone suscitando tra loro un’attrazione irresistibile quanto proibita.
“Un’eredità proibita” è un romanzo avvincente e sensuale sul potere dell’amore che spezza ogni catena.

 

recensione-rfs-rosso

La persona perfetta non esiste. Esiste solo un insieme perfetto di meravigliose imperfezioni, ed è di quelle che pian piano ci si innamora.

È una storia d’amore che presenta un problema molto forte, e che, per alcuni, sarebbe un tabù impossibile da superare. Nathan e Karen non si conoscono, non si sono mai visti e ignorano l’esistenza l’uno dell’altra fino al tragico momento in cui, a chilometri di distanza e in brevissimo tempo, Karen perde la propria mamma e Nathan il proprio papà.

Al momento dell’apertura del testamento di John Jefferson Miller, uomo molto ricco e padre di Nathan, ecco che le loro vite vengono sconvolte, un segreto attentamente custodito viene alla luce e il giovane scopre che suo padre, in fondo, non era l’uomo perfetto che aveva sempre creduto di conoscere. Infatti durante un viaggio di molti anni prima l’uomo ha avuto una figlia, Karen, che non ha mai conosciuto personalmente, ma che ora ha diritto a una parte della sua eredità.

Sconvolto e amareggiato, Nathan sente di odiare già questa sorella che non conosce, ma che gli ha distrutto l’immagine impeccabile che aveva del padre. Ora si sente tradito e ferito e Karen, saltata fuori dal nulla, è solo un problema da risolvere; quando si incontrano per la prima volta e nessuno dei due sa chi ha di fronte, scocca una tale scintilla di passione, che il loro mondo verrà devastato da un sentimento che per tutti è riprovevole e proibito. Sarà solo un’altra incredibile e inattesa sorpresa a permettere che il loro amore, così problematico, diventi lecito.

Personaggi davvero ben caratterizzati, come ben descritti sono i loro dubbi e le loro titubanze nel vivere questa relazione; un amore per loro impossibile da contenere, ma che, ne sono perfettamente coscienti, nessuno potrà capire e perdonare. Le scene passionali son ben scritte e mai volgari, la trama scorre senza incertezze con una scrittura fluida e pulita e l’escamotage finale è ben pensato e si adatta perfettamente alla storia.

Peccato che la brevità del romanzo faccia sì che i due cedano troppo velocemente alla passione e all’attrazione che provano: avrei preferito un approccio più lento e ponderato, dato il tema trattato. Così come avrei preferito che i due protagonisti fossero meno inclini al perdono: Nathan almeno ha avuto le sue crisi, e, pur amando il padre, si è arrabbiato con lui, Karen, invece, ha perdonato immediatamente la madre, che, se pur malata, le ha fatto un torto gravissimo.

Entrambi i loro genitori, infatti, si sono comportati come se i ragazzi fossero cose di loro proprietà: per egoismo la madre di Karen le ha impedito di conoscere un papà che l’avrebbe amata, che avrebbe potuto rendere più facile la sua vita e ne avrebbe voluto fare parte. Troppo facile confessare tutto, solo per togliersi un peso dalla coscienza, sapendo che, in ogni caso, alla sua morte tutto sarebbe venuto alla luce. L’amore non è una scusa per aver privato la figlia di metà delle sue radici e della possibilità di conoscere suo padre.

Ci sono molti altri personaggi che meritano una menzione per aver reso interessante la storia: l’amico di Nathan che, scatenando la sua gelosia, innescherà la rivelazione finale e la scoperta della verità; la madre di Nathan che sapeva tutto da anni, ma che amava a tal punto suo marito da non fargliene mai una colpa, e che accoglie la ragazza senza alcun astio, ma felice di poterla aiutare ora che è rimasta sola al mondo. E poi c’è Brenda, che ha un posto molto particolare nella vita di Nathan e che pensava di poter aspirare a qualcosa di diverso ma l’arrivo di Karen manderà in fumo tutti i suoi progetti.

Una storia d’amore insolita e interessante, per qualche ora di svago dalla realtà.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Recensione a cura di:

Lucia63

Editing a cura di:

MagaMagò

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La stanza delle farfalle” di Lucinda Riley

Buongiorno Fenicette oggi la nostra Emanuela ha recensito ...