Home / Recensione libri / Recensione:”Un uomo tranquillo” di Liz Felton e Lisa Steinke

Recensione:”Un uomo tranquillo” di Liz Felton e Lisa Steinke

 

 

 

Jacqueline “Jacks” Morales è un’insegnante con una vita ordinaria. Il suo matrimonio non è perfetto, ma ogni relazione ha i suoi alti e bassi, dopotutto. Il mondo di Jacks è messo sottosopra quando due agenti di polizia bussano alla sua porta con una notizia drammatica. Suo marito avrebbe dovuto essere in Kansas per un viaggio d’affari, invece è morto in un incidente d’auto alle Hawaii. E con lui c’era una giovane donna. Jacks è scioccata dalla rivelazione. E, oltre al dolore per la perdita dell’uomo con cui ha vissuto otto anni, non riesce a rassegnarsi all’idea che James abbia trascorso gli ultimi istanti di vita con un’altra. Cercando di scoprire la verità sull’accaduto, entra in contatto con Nick, il fidanzato della donna, anche lui all’oscuro di tutto. I due si imbarcano così nell’impresa di ricostruire gli ultimi giorni di vita delle persone che hanno amato. L’amore e la fiducia, però, non erano che lo specchio di un’infinita menzogna: fino all’ultimo Jacks dovrà subire il peso degli inganni, perché niente è davvero come sembra.

(Fonte Newton Compton)

 

Durante quasi tutta la lettura mi sono trovata più volte a pensare: “Ma dove diavolo vogliono arrivare?” e la risposta a questa domanda è arrivata solo una volta giunta al termine del romanzo. E ciò significa che le due scrittrici hanno fatto un buon lavoro.

È una storia fatta di suspense, di ritmo e di tanta empatia con la protagonista. La trama si sviluppa intorno alla vita di Jacks che viene stravolta dalla morte improvvisa del marito James; ma non sarà solo questo a renderla una donna irrimediabilmente distrutta: a colpirla nella fondamenta sarà il sapere che al momento della sua morte si trovava alle Hawaii, non di certo a un appuntamento di lavoro, e non da solo.

Questo getta la donna nel panico totale, entrando in contrasto con emozioni talmente forti da non riuscire a capire cosa fare da quel momento in avanti. La bravura delle scrittrici si manifesta soprattutto a questo punto della narrazione, riuscendo a costruire un cordone ombelicale tra chi legge e la protagonista, vittima di un amore che per il marito non esisteva più, o almeno, non con lei.

A questo punto fa la sua comparsa un altro personaggio molto intricato e difficile da capire se non arrivando alle ultime pagine del libro: si tratta di Nick, il fidanzato dell’amante di James, che si presenta di punto in bianco dinanzi alla porta di Jacks cercando risposte che solo un viaggio che faranno insieme potrà dare.

Inizia cosi un percorso doloroso durante il quale i due ripercorrono ogni tappa di quella tragica giornata, per cercare risposte, trovare consapevolezze e capire cosa abbia portato a un evento così drammatico e difficile da superare.

Nulla sarà come appare: sarà un viaggio alla scoperta della verità, una verità scomoda che fischia nelle orecchie di chi non vuole ascoltare e nel cuore che non riesce ad accettare. A ogni verità celata ci sarà sempre una nuova bugia e quindi preparatevi a trattenere il fiato fino al gran finale.

 

 

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Borrowing Blue – Serie: Made Marian #1” di Lucy Lennox

Blue: Quando il mio ex entra nel bar ...