Home / Recensione libri / Recensione: “Mai e poi mai” di Penelope Douglas (The Fall Away Series #4.5)

Recensione: “Mai e poi mai” di Penelope Douglas (The Fall Away Series #4.5)

Care Fenici, oggi Mumù ci parla di “Mai e poi mai” di Penelope Douglas (The Fall Away Series #4.5)

Quinn Caruthers ha parecchi problemi. Per la verità, tutti riconducibili a suo padre Jason e ai suoi tre fratelli, Jared, Madoc e Jaxon. Da sempre oppressa dal controllo degli uomini della sua famiglia, per Quinn è stato sempre impossibile spiegare finalmente le sue ali, senza che si intromettessero. Specialmente per quanto riguarda i ragazzi. Ma lei ha occhi solo per un amico di famiglia, di parecchi anni più grande, pur sapendo che la cosa potrebbe scatenare una catastrofe. Lucas Morrow è un uomo affascinante, raffinato e sicuro di sé in fatto di donne. Conoscendo i suoi fratelli, farebbe molto meglio a dimenticarlo. Anche perché sono anni che Lucas non fa ritorno in città. Quando Quinn riceve un pacco misterioso che contiene una verità in grado di sconvolgere la sua vita, sarà messa davanti a una scelta: continuare ad agire secondo il volere degli altri, o combattere per ciò che desidera veramente.

Mie care lettrici, chi come me è appassionata della serie Fall Away di certo non può assolutamente perdersi il nuovo capitolo di questa avvincente saga familiare; mi ha talmente coinvolta che nel procedere con la lettura di questo libro, ho avvertito la voglia di rileggere anche i libri che lo precedono! Questa autrice mi piace particolarmente proprio per la sua caratteristica di inserire concetti molto profondi all’interno di una struttura narrativa apparentemente semplice che in realtà pero, suscita molti spunti di riflessione.

Ma veniamo a noi.

La protagonista questo volume è Quinn. Essendo questo il quinto libro della serie, scritto in maniera corale, presenta molti personaggi già noti agli amanti della Douglas, sarebbe complicato elencare tutti i gradi di parentela o vicinanza tra loro perciò consiglio a chi vuole iniziare questa lettura, di rileggere i precedenti libri per avere un quadro di insieme più chiaro di tutte le dinamiche e intrecci familiari. Quinn è da sempre segretamente innamorata di Lucas, amico di Maddoc e più grande di lei di qualche anno ma, attualmente, lui vive all’estero per lavoro. Il suo è un amore tipicamente adolescenziale, fatto per lo più di sogni ad occhi aperti. La stessa personalità di Quinn non è ancora ben definita, effettivamente immagino non sia facile crescere in una famiglia come la sua, sempre presente e abbastanza invadente.

Con la maglia nera e arancione della divisa appiccicata alla schiena, corro fra altre due giocatrici, passandomi la palla fra i piedi.

Il calcio mi piace. Il calcio mi piace. Il calcio mi piace.

No, non è vero. Lo odio. Sono felice di essere alla fine dell’ultimo anno e che questa sia la mia ultima partita.

Preferirei fare un milione di altre cose – scrivere un diario, cucinare, nuotare… fare i compiti, il bucato, farmi otturare una carie – ma per Madoc, Jax e mio padre è fondamentale che i loro figli facciano sport. Per i miei fratelli si tratta di esercizio e di sano divertimento; per mio padre, di trofei alle pareti e attività extracurricolari per le mie domande di iscrizione al college.

Un giorno tornando a casa le arriva un pacco senza mittente, al suo interno un libro: “Mai e poi mai”, questo il titolo.

Ed ecco che da questo punto in poi la storia si svolge su due piani paralleli: una finestra sulla vita quotidiana del clan, sempre unito, sempre affiatato; un’altra che da uno sguardo al passato, laddove tutto ha avuto inizio: l’incontro tra Kat e Jase, i genitori di Quinn.

Devo dire che la narrazione diventa sempre più appassionante, ci da modo di comprendere ancora meglio le dinamiche familiari come il rapporto, sempre conflittuale, tra Kat e Jared.

E, incredibilmente, proprio il personaggio di Kat è quello che più mi è rimasto nel cuore. Una donna fragile che commette uno sbaglio dietro l’altro, che non è stata in grado di fare la madre distruggendo il rapporto con l’unico figlio. Imperfetta ma reale. Kat sta per scivolare nel baratro, sempre più dipendente dall’alcol e madre di un figlio che non riconosce in lei una figura materna, per la quale ha perso totalmente la stima; ma proprio all’ultimo riesce a risollevarsi, rimettendo in sesto la propria vita e cercando di recuperare giorno per giorno, il rapporto con Jared.

Mi piace l’intreccio che la Douglas è riuscita a creare tra questo libro e i precedenti, questo aspetto funge anche da ponte tra passato e futuro, unendoli finemente e lasciando alcune finestre aperte: Dylan, contesa dai gemelli in un triangolo di tensioni.

 «Non posso neanche mettermi una canottiera che mio padre mi dice di andare a coprirmi».

Jared non cresce i suoi figli sulla base di cos’è giusto o sbagliato, semplicemente se qualcosa lo fa sentire a disagio, glielo proibisce. Tutto lì.”

Quinn, di cui abbiamo avuto solo una presentazione ma che sicuramente rivedremo, magari cresciuta di qualche anno, è il personaggio che mi incuriosisce maggiormente: riusciremo a scoprire se il suo amore per Lucas riesce a sbocciare? o è destinato a rimanere solo un sogno nel cassetto? lei è fermamente convinta che sia quasi impossibile, data la differenza di età e il parere contrario della sua famiglia.

L’ammirazione per Lucas che provavo a otto anni, si era trasformata in una cotta quando ne avevo compiuti quattordici; adesso, a diciassette, è ancora lì, come una piccola fiammella perpetua in un angolino del mio cuore. Nonostante la distanza, l’aver perso i contatti, il fatto che lui abbia ventinove anni e sia diventato un uomo adulto.

Santo cielo! Hawke ha ragione.

Madoc potrebbe anche scendere a patti con la questione, e anche Tate e Juliet. Ma Jared, Jax e mio padre?

Loro vedono tutto solo bianco o nero.

E Hawke? Quale posto occuperà nel suo cuore?

…fra tutti i miei parenti lui è quello che mi piace di meno. Cerca continuamente di provocarmi.

Però è anche quello cui sono più vicina. Hawke pensa sempre agli altri prima che a sé stesso, e questa è una qualità che ammiro molto.

Spero di riuscire a trovare le risposte alle mie molte domande nei prossimi libri dato che evidentemente, la Douglas lascia molte opportunità per nuove storie e presenta molti personaggi che potrebbero prestarsi ad essere i futuri protagonisti dei prossimi capitoli di questa serie.

#1  Mai per amore
#1.5  Da quando ci sei tu
#2  La mia meravigliosa rivincita
#3  Non riesco a dimenticarti
#4  Odiami come io ti amo
#4.5  Mai e poi mai 

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione in anteprima: “L’amore che mi allontana da te (Le distanze dell’amore Vol. 2)” di Carmen Bruni

Buongiorno fenicette oggi la nostra Elena ha recensito ...