Home / BDSM / Recensione: “King – Queen – Desire: Mount Trilogy” di Meghan March

Recensione: “King – Queen – Desire: Mount Trilogy” di Meghan March

Care Fenici, oggi Buffy ci parla di una intera serie: la “Mount Trilogy” di Meghan March!

Andiamo per ordine e ripercorriamo i tre libri uno alla volta con le sue recensioni… enjoy!

Parliamo ora del primo libro della Mount Trilogy, “King”

New Orleans è il mio regno. Nessuno conosce il mio nome, ma in città il mio potere è assoluto.
Ciò che voglio lo ottengo sempre. Mi piace che la gente sia in debito con me. E che abbia paura. Soprattutto se si tratta di una bella, giovane vedova alle prese con un business da uomini.
Lei non sa che la volevo da molto tempo. D’ora in avanti io sarò il suo padrone. E poi potrei anche tenerla solo per il mio piacere. è il momento di riscuotere il mio debito. Keira Kilgore è proprietà di Lachlan Mount.

Keira Kilgore è intelligente, determinata e bellissima. È anche la neo proprietaria della distilleria di famiglia ed è ben decisa a farla prosperare.

L’unico errore che si possa ascriverle è un matrimonio fallimentare con un debosciato cocainomane che in pochi mesi l’ha tradita e l’ha riempita di debiti, per poi avere il buongusto di morire. Purtroppo i debiti non li ha contratti con la banca ma con Lachlan Mount, il boss indiscusso di New Orleans ora ben deciso a riscuoterli, in natura, dalla deliziosa vedova.

Keira non ha mai conosciuto un uomo come Lachlan: la sua fama la terrorizza, le sue pretese la fanno infuriare ma il sesso con lui le piace da impazzire.

Questo romanzo, il primo di una serie di tre, vi catturerà e vi terrà avvinte fino all’ultima riga di Desire, l’epilogo.

Principalmente perché racconta una grande storia d’amore, ma anche perché è ben scritto, fluido e avvincente, perché ci sa regalare scene bollenti sapientemente descritte e infine perché ognuna di noi vorrebbe essere al posto della protagonista, sedotte dall’uomo più pericoloso della città, eppure così al sicuro tra le sue braccia!

Si tratta di una lettura che consiglierei a tutte, perfino a chi, come me, non ama il BDSM, perché in questo romanzo c’è, ma in forma molto leggera, e senza alcuna scena di effettiva crudeltà.

La sola cosa di cui devo avvertire le lettrici è che in realtà i tre libri costituiscono un’unica storia divisa in tre parti, insensate le une senza le altre, perciò conviene acquistarli tutti e non ve ne pentirete, perché costituiranno una deliziosa compagnia per le vacanze!

Ecco il secondo volume, “Queen”

Io sono la sua distrazione. Il mio corpo è il suo giocattolo. Ho dovuto cedere, non avevo scelta.

Lo odio, mi dico, ma ogni volta che entra da quella porta sento un brivido.

Come posso desiderarlo e detestarlo allo stesso tempo? Mi sta facendo impazzire. Non dovevo finire in questo gorgo, dovevo immaginare che Lachlan Mount è un maschio senza regole.

Ma non ho nessuna intenzione di arrendermi, non voglio che veda le mie debolezze.
Pagherò il mio debito e manterrò intatto il mio cuore.

Se KING è l’inizio, QUEEN è la parte centrale della storia tra Mount e Keira, forse il fulcro, il momento in cui i rapporti e i sentimenti tra loro cominciano a mutare: non più un mero scambio di affari, il pagamento di un debito ma l’istante in cui scatta la scintilla e il cuore di Keira comincia a desiderare quel brusco padrone che tanto la fa infuriare comandandola a bacchetta ma che, altrettanto facilmente la sa rendere schiava famelica dei suoi giochi erotici, delle sue mani sapienti, delle labbra brucianti.

Anche per Lachlan questo è il libro in cui comincia a vedere non più una preda, una donna da piegare e con cui trastullarsi finché non scemi l’interesse per lei, ma una compagna da proteggere, viziare, amare.

Non è facile per lui capire e accettare questi sentimenti, perché in vita sua non li ha mai

provati: la sua infanzia e la giovinezza sono stati orrori a cui preferisce non pensare e che certo gli hanno insegnato poco su cosa voglia dire voler bene, eppure si sforza, con una dedizione commovente, di farle piacere, di proteggerla anche a costo della propria vita.

Naturalmente le scene piccanti ci sono ancora e sono, forse, ancora più spinte ma che non sia più un rapporto di sola dominazione è lampante.

Meraviglioso e consigliatissimo questo secondo capitolo di questa appassionante serie erotica.

E infine il terzo e ultimo volume della Mount Trilogy, “Desire”

Io difendo sempre ciò che possiedo. Compresa Keira Kilgore. Lei è mia. Non mi basta più il suo corpo. È una donna orgogliosa, ma prima o poi si arrenderà.

Niente ci può tenere separati.

Nessuno deve mettersi fra noi.

Keira pagherà il suo debito fino in fondo. Con il cuore.

Eccoci giunti all’epilogo di una serie a mio avviso, davvero fantastica e quest’ultimo capitolo non poteva certo deluderci.

Dopo essere stati feriti in un’imboscata Lachlan e Keira dovranno fare i conti con i loro sentimenti, con ciò che Mount è in definitiva e capire se lei possa convivere o meno con il fatto che lui sia un criminale.

Il momento in cui si apre totalmente a lei, offrendole una risposta a qualsiasi quesito la ragazza gli voglia porre è di un’intimità sconvolgente, e sì che si sono esplorati a fondo, fisicamente!

Tuttavia, il lieto fine non è ancora garantito perché parti importanti del passato del boss tramano nell’ombra.

Desire è diverso dagli altri due volumi, la parte erotica è meno presente mentre l’amore, vero e disperato, tra un uomo e una donna messi sulla stessa strada da una maitresse voodoo armata dalle migliori intenzioni, è protagonista assoluto e pervade ogni pagina di questo volume.

Se ci sono ancora episodi vagamente BDSM, lo sono forse nella forma, ma non certo nel contenuto: Mount non è più un dominatore e lei non ha più nulla della sottomessa.

Lui è un uomo innamorato che per la sua donna ha smussato molti angoli del suo carattere

e Keira è in tutto e per tutto una regina; la compagna fiera e all’occorrenza, feroce, del boss più temuto della città, la quale grazie all’amore della sua vita, è anche una donna in carriera e stimata!

Buona fortuna ai sovrani del crimine di New Orleans, dopo tanti dolori meritano tanta felicità, e buona lettura a chi vorrà conoscerli e godere di alcune ore di piacevole

lettura.

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione: “Le rughe del sorriso” di Carmine Abate

Ciao a tutte fenicette, oggi la nostra Angela ...