Da non perdere
Home / Recensioni libri cult / Recensione “Una irresistibile avversaria” di Kristin Hardy (La partita dell’amore #2)

Recensione “Una irresistibile avversaria” di Kristin Hardy (La partita dell’amore #2)

Care Fenici, oggi La Min ci parla di Una  irresistibile avversaria di Kristin Hardy

Recensione "Una irresistibile avversaria" di Kristin Hardy (La partita dell'amore #2)

Progetto grafico a cura di Sweet Fire

Il primo punto va a Becka Landon. Lei, ottima fisioterapista, si rifiuta di usare le mani sull’ex campione di baseball Mace Duvall. Troppo elevati i rischi di essere “eliminata e andare fuori campo”. E soprattutto vuole evitare imbarazzanti partite a due… Lui è deciso ad andare a segno con Becka. Il suo corpo sexy e il suo sguardo provocante sono troppo da sopportare. Le ha già fatto delle avance e lei ha reagito al di là delle sue fantasie più sfrenate. Ma al momento di affrontare la “terza base” si rende conto di avere trovato un’avversaria alla sua altezza… Cosa succederà quando la partita uscirà dal campo di gioco?

Questo secondo libro della serie mi ha dato molte più soddisfazioni dal punto di vista della trama, che intreccia il romanzo rosa allo sport. Tutta la serie, seppure scritta da autrici diverse, è incentrata sul gioco del baseball, ma qui l’autrice dimostra di conoscere il gioco e rimanda spesso, nei dialoghi tra i personaggi, a terminologie specifiche di questo sport rese comprensibili al pubblico grazie all’uso di semplici parole che le accompagnano. Si ha davvero l’impressione di vivere la vita degli atleti, poco più che diciottenni, negli spogliatoi, in campo, durante i loro allenamenti, sottoposti alla pressione di essere osservati dagli scout che devono rilevarne il potenziale per eventuali, futuri ingaggi nella Major League. Si assiste, mediante la lettura, ai loro confronti sulle caratteristiche dei giocatori della Major League, attuali o passati, analizzandone peculiarità e doti e innalzandoli a idoli da emulare. Da questi professionisti traggono ispirazione e la forza per affrontare ogni giorno i duri allenamenti necessari a migliorare e raggiungere la tanto sospirata prima squadra.

In mezzo a tutto questo tripudio di testosterone e ormoni ballerini, c’è lei, la nostra protagonista femminile, Becka Landon, fisioterapista della squadra. Rossa, bellissima, con gli occhi da gatta che si destreggia tra tutti quei ragazzi con la grazia e l’autorevolezza data da anni ed anni trascorsi accanto al padre, anch’esso allenatore ma di basket. Becka ha stabilito da subito una linea di azione, molto precisa, in cui alterna consigli materni ad imposizioni da vero comandante, particolare che le ha fatto guadagnare il nomignolo di Attila, quando è assente, contro un molto più delicato Florence Nightingale nei momenti in cui i giocatori e l’allenatore le si rivolgono direttamente. È una donna adulta, indipendente e una professionista. Vuole il meglio per “i suoi ragazzi” ma non si lascia coinvolgere in nulla che vada oltre l’aspetto legato alle sue specifiche mansioni nella squadra.

Tutto prosegue senza intoppi sino a quando, in quella piccola provincia del Massachusetts non arriva Mace Duvall, ex giocatore di prima categoria, per ben tre volte di seguito vincitore dell’ambito premio guanto d’oro e quindi idolo indiscusso degli appassionati così come dei ragazzi della squadra. Affascinante e noto rubacuori è giunto lì a causa di una scommessa persa e per nulla intenzionato a restare.

Tra Becka e Mace scatta subito la scintilla della passione, un’attrazione reciproca che inizialmente, i due personaggi non riescono a gestire e combattono strenuamente attraverso l’ironia. Mace, approccia Becka anche attraverso avance esplicite che però non risultano credibili e ottengono esattamente l’effetto opposto su questa rossa tutto pepe. Decisa a rendergli pan per focaccia, Becka gli tende un tranello. Una sera mentre sono in hotel con tutta la squadra che è in trasferta per una partita, Becka decide di fingere di cedere, di lasciarsi sedurre: ha in mente un piano diabolico nella sua semplicità ma, complice un cestello di ghiaccio e uno zapping in tv molto audace… entrambi i nostri protagonisti si ritrovano avvolti dalla passione e incapaci di resistere l’uno all’altra.

Becka però è tosta e non si fida di Mace soprattutto a fronte dei numerosi pettegolezzi e scandali sui tabloid legati al periodo in cui lui era un giocatore famoso. Lo giudica attraverso queste informazioni e nega ad entrambi l’opportunità di conoscersi. Decisa a non accontentarsi di nulla di meno del meglio per lei, si concede il gusto di prendersi una bella rivincita sul rubacuori con cui ha trascorso una notte di passione travolgente.

Mace Duvall dal canto suo, non è certo il tipo che si da per vinto, è abituato a non demordere e comunque ritiene che per Becka valga la pena lottare. Non ha ancora deciso come affrontare le emozioni che lei gli suscita ma istintivamente sa di provare per lei un sentimento confuso a cui rifiuta di dare un nome, un’attrazione che lo porta a gridare, nella sua mente, una sola parola quando si tratta di lei: MIA.

«Non esiste un noi due.» Lui la guardò. Becka si rifiutò di abbassare gli occhi, tuttavia si rese conto di essere avvampata in viso.

«Allora che cos’è che ti secca veramente? Che sia riuscito a convincerti a venire a letto con me o che sia riuscito a fartelo piacere?»

«Non mi hai convinto tu, Duvall, l’ho fatto perché mi andava di farlo»

Mi è piaciuto molto, da appassionata di baseball, ritrovare in questo libro un connubio così ben calibrato tra due passioni che sono il fulcro della narrazione, lo sport e il legame che nasce tra Becka e Mace.

Scopriremo leggendo, che Mace non è certo l’uomo descritto nei tabloid, anzi. La sua vita non è stata semplice ed ha dovuto compiere delle scelte, più o meno condivisibili, ma necessarie per il benessere della sua famiglia; un terribile incidente in cui si è salvato per un soffio, gli ha infine tolto l’unica cosa per cui valesse la pena lottare ed alzarsi ogni giorno: il baseball, il suo sport, la sua vita, lasciandogli una voragine da riempire e tanta confusione in testa.

In questo libro la Hardy, con una scrittura fluida e l’uso di terminologie tecniche ma comprensibili a tutti, è riuscita a creare un mondo immenso. Amore, sport, passione, scelte difficili e la graduale presa di coscienza da parte dei personaggi principali di alcuni aspetti che li renderanno entrambi più maturi e consapevoli. Mace più di tutti beneficerà di questo cambiamento, trovando finalmente nuovi stimoli personali per il suo futuro.

Questa coppia mi è piaciuta moltissimo, adoro quando le donne nei libri sono personaggi concreti e autonomi. Mi piace seguire tutto il percorso di fusione tra due persone con caratteri forti, adulti consapevoli che vivono l’amore con slancio ma senza quel sottile filo di tragedia adolescenziale.

Meraviglioso il personaggio di Stan, un amico con la A maiuscola che, come un vero cupido molto saggio, accompagnerà entrambi i protagonisti verso l’inevitabile realtà.

«Oh, piantala, Duvall. Hai imparato ad autocompiangerti quando eri in ospedale, vero?»

«Risparmiami la tua psicologia da quattro soldi.»

«E tu risparmiami l’autocommiserazione» replicò Stan. «Ricordo quando giocavamo insieme e tu non ti arrendevi mai, nemmeno quando la nostra sconfitta sembrava inevitabile.»

«Qui non si tratta di baseball.»

«Fesserie» tuonò Stan, battendo la mano sul tavolo. «Il baseball non è solo uno sport, è quello che hai dentro, quello che tu dai alla partita. Lo stesso vale per la vita. Non dirmi che non sai quali sono i tuoi sentimenti per quella donna, lo sai benissimo. E se la vuoi, allora devi batterti per averla. Convincila.”

Una lettura assolutamente piacevole adatta a tutti, un finale che non delude e che è la perfetta conclusione di una trama ben costruita e solida. Complimenti.

Kiki

x

Check Also

Recensione “Prendimi e portami via” di Lorraine Heath (serie Daughters of fortune #1)

Buongiorno Fenici! Oggi Lucia ci parla di Prendimi e portami via di Lorraine ...

error: Contenuti di proprietà di RFS