Home / Recensione libri / Recensione in anteprima: “L’uomo perfetto non esiste” (Roughneck Billionaires Series Vol. 2) di Jessica Clare

Recensione in anteprima: “L’uomo perfetto non esiste” (Roughneck Billionaires Series Vol. 2) di Jessica Clare

Buongiorno fenici oggi Veronica ha recensito per noi in anteprima il libro “L’uomo perfetto non esiste” (Roughneck Billionaires Series Vol. 2) di Jessica Clare

Clay Price possiede tutto quello che un uomo può desiderare. Tranne l’unica cosa che i soldi non possono assicurargli: l’amore di Natalie Weston.
Anni prima Clay e Natalie erano innamorati. Ma una proposta di matrimonio rifiutata ha messo fine alla loro storia. Tutto questo avveniva prima che Clay e i suoi fratelli diventassero favolosamente ricchi grazie al ritrovamento di un giacimento petrolifero. E adesso Clay intende sistemare le cose con Natalie una volta per tutte.
Natalie non crede più nell’amore da quando la crudeltà del destino ha distrutto tutti i suoi sogni. Rifiutare la proposta di Clay è il più grande rimpianto della sua vita. E adesso che lui è tornato, Natalie guarda con sospetto all’offerta che ha ricevuto: sistemare i debiti di suo padre accettando di diventare l’assistente personale di un miliardario dal cuore spezzato… 

Fonte della trama: Newton Compton Editori

Ciao fenicette, sono di nuovo qui con voi per recensire “L’uomo perfetto non esiste” (Roughneck Billionaires Series Vol. 2) di Jessica Clare. Se avevo amato il primo libro della serie, questo non è stato da meno e devo dire anche che è stato il più sorprendente.

Questo romanzo ci racconta la storia del secondo fratello Price, Clay. Non resisto, ve lo devo proprio dire: questi miliardari un po’ rozzi hanno il loro fascino, non sapete quanto! Clay, a differenza di Boone che è il primogenito, ha un carattere più pacato e funge quasi da paciere, sebbene nei primi capitoli l’autrice mostri un lato diverso della sua personalità, dovuto alla dolorosa ferita causata dal rifiuto di Natalie quando era ancora solo un adolescente (beh, non è proprio tutta colpa di lei, sia ben inteso).

Ma partiamo dall’inizio, come voi tutte appassionate lettrici del primo libro sicuramente saprete, questi cinque fratelli sono diventati tutti ricchissimi solamente da adulti, da ragazzi infatti non erano propriamente benestanti e hanno trascorso la loro vita all’interno di una roulotte. Lei, Natalie Weston, era la ricca figlia di un noto attore di Hollywood. A prima vista i due protagonisti sembrano una coppia male assortita, ma si sono trovati e innamorati nonostante le differenze. Purtroppo le cose non sono andate a finire bene per i due (diciamo non per colpa loro, poveracci!). Dopo sette anni, è tutto notevolmente mutato, o per meglio dire, la loro situazione economica è stata come scambiata, infatti, mentre lui è diventato miliardario, Natalie non era più tanto ricca, anzi, se la vogliamo dire tutta, gravavano su di lei problemi economici molto seri.

Nonostante tutto Clay non l’ha mai dimenticata e si ripresenta nella sua vita con un proposta indecente: Natalie dovrà diventare la sua assistente personale (per così dire…), e, facendo leva sui problemi economici di lei, riesce a farle accettare questo ruolo.

Ok che hai sofferto Clay, ma come puoi trasformarti da uomo sempre pronto a far da paciere in ogni situazione, a stronzo e farabutto in meno di un secondo? Ancora non me ne capacito. Si potrà pure rinsavire, ma “signur”, essere così maligno senza neanche parlare con lei e cercare di capire cosa possa essere successo, non si fa. Lei d’altro canto, ok che ha problemi economici, ma mandarlo a quel paese no… E chiarire neanche. La vendetta è capace di far emergere la stupidità umana in ogni sua forma (che poi lui tanto stolto non è, considerando che non l’ha mai dimenticata), per non parlare poi del puro masochismo, perché ci si debba sentire in colpa poi non lo so, non me lo spiego ancora.

Devo dire che ho amato i due protagonisti ma non vi nascondo che in più di un’occasione avrei voluto scuoterli e dirgli: “ma siete imbecilli o cosa”. Comunicazione tra di voi pari a zero, ho pensato.

L’unica certezza che ho avuto leggendo il libro è stata capire fin dalle prime battute che loro non hanno mai smesso di amarsi, e si sarebbero potuti risparmiare un sacco di problemi. Lo so che non funziona così nei libri, perché non sarebbe divertente.

Se i fratelli Price sono tutti così, ci sarà da divertirsi anche con i loro libri e visto quanti sono, ce ne saranno sicuramente altri.

Tra i personaggi secondari ho amato molto l’amica pazza di Nat e credo che presto la rincontreremo in un suo libro… anzi ne sono certa.

Devo dire che c’è stato un momento scioccante, e non vi dico altro perché dovete leggere il libro, ma quando mi sono imbattuta in quella parte, mi sono detta no, non può essere, non esiste, forse mi sono sbagliata e ho riletto svariate volte il passaggio. Uno di quei colpi di scena che non ti aspetti e che ti lasciano con la bocca aperta e gli occhi spalancati. Non aggiungo altro se no mi sfugge qualche dettaglio di troppo e vi rovino la lettura e questo non lo voglio, perché il libro merita.

Le scene di sesso sono descritte piuttosto bene, io personalmente non le ho trovate eccessivamente volgari ma sono molto dettagliate quindi siete avvisate.

Adoro quest’autrice, ho letto tutti i libri che ha scritto e quando vedo il suo nome su una copertina acquisto il libro a occhi chiusi perché so già che non mi deluderà e ora sarò qui fremente ad aspettare il prossimo libro della serie. È un’ingiustizia che non sia già domani, ma che vogliamo farci, è la vita di noi lettrici compulsive sempre ad attendere la prossima storia.

Come avrete capito il libro mi è piaciuto molto e quindi posso solo consigliarvi di leggerlo il prima possibile e immergervi nella vita di questi uomini rozzi e possessivi. E dico anche viva la rozzezza, nel senso buono del termine, perché su di loro questo lato è molto sexy.

A presto fenici.

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: “Piccola Vipera” di Mariachiara Cabrini

Buongiorno care fenicette oggi la nostra Ilaria ha ...