Home » Recensione libri » Recensioni libri cult » Recensione “Dark Seduction” di Brenda Joyce (serie Masters of Time #1)

Recensione “Dark Seduction” di Brenda Joyce (serie Masters of Time #1)

Buongiorno Fenici, oggi La Min ci parla di Dark Seduction di Brenda Joyce

Recensione "Dark Seduction" di Brenda Joyce (serie Masters of Time #1)

Cover realizzata da Sweet Fire

La notte prima di partire per la Scozia Claire, giovane proprietaria di una libreria antiquaria, viene tramortita da una donna dai capelli rossi di nome Sybilla che irrompe nel negozio in cerca di una misteriosa pagina scomparsa da un antichissimo testo celtico. Quando si riprende, le appare un Highlander, anche lui alla ricerca della stessa pagina del libro sacro. L’uomo è Malcolm di Dunroch, un possente guerriero che discende dagli antichi dei Celti e che decide di proteggere Claire portandola con sé nel passato. Ma la passione che divampa incontenibile tra loro potrebbe rivelarsi fatale per entrambi…

“La loro bellezza è incantevole. Il loro potere senza limiti. Per secoli la solitudine ha dato loro la caccia, ma all’improvviso un raggio di luce illumina le tenebre della loro esistenza con la promessa di un amore destinato a durare per l’eternità.”

Da oggi vi parlerò di una serie paranormal romance di Brenda Joyce che è stata pubblicata tra il 2007 e il 2009 e si compone di 5 titoli, autoconclusivi ma intrecciati tra loro dove, via via, incontreremo e conosceremo più nello specifico le storie dei personaggi che compaiono in questo primo libro.

Caratteristica comune a tutti i libri sono i viaggi nel tempo. Un tempo passato in cui aitanti e possenti guerrieri delle Highlands, solo a scriverlo mi vengono i bollori, assolutamente sexy nei loro modi bruschi e autoritari così come altrettanto prestanti e focosi, sempre pronti a proteggere l’innocenza, combattono contro le tenebre. Il male, si contrappone a questi guerrieri che sono anche Maestri di un culto antichissimo che dona loro poteri speciali, tra i quali ovviamente, quello di spostarsi nel tempo e nei secoli. E poi ci sono loro, le donne, la parte più intrigante della storia. Sono donne moderne, autonome e indipendenti che si ritrovano nella Scozia del 1400 catapultate in un mondo molto lontano da ciò che conoscono, ma anche affascinante con i suoi guerrieri e i pericoli e i Maestri con la loro carica di testosterone che gridano passione da ogni poro. Il contorno indispensabile per una perfetta storia d’amore. Non mancano una serie di scene spassosissime legate proprio all’incontro/scontro iniziale tra personaggi che appartengono ad epoche diverse e lontane e alle inevitabili incomprensioni, tutto abilmente mescolato per regalarci emozioni e avventura.

Mi sembrava doveroso iniziare con una cornice che illustrasse l’intera serie ma oggi vi parlo del primo libro: DARK SEDUCTION.

Premetto che pur essendo adesso una grande appassionata di romanzi time travel, quando ho letto la prima volta questo libro ero assolutamente ignara del loro fascino. Accadde in estate, presi un libro a caso dalla libreria di prestiti disponibile in spiaggia, trovai questo e lo lessi innamorandomi all’istante della storia e dei suoi personaggi. A vacanza conclusa, pur essendomi ripromessa di appuntarmi il titolo e autore, me ne dimenticai e così rimase un ricordo, una traccia che mi condusse poi ai libri della Gabaldon o della Moning. Immaginate la sorpresa quando ho scelto questa serie da recensire e leggendo ho ritrovato con grande e piacevole sorpresa il padrino e la madrina di tutti le mie future letture sul genere. Ecco, cercherò di essere obiettiva ma sappiate che questa è una di quelle serie che non è possibile non aver letto.

L’autrice scrive con un stile diretto, scorrevole e semplice lasciando ai personaggi e alla storia tutto lo spazio che meritano. Piacevoli le descrizioni dei luoghi in cui sono ambientate le diverse vicende anche se non precisissime da un punto di vista storico e di ricerca accurata sui modi e usanze. Molto accattivanti i diversi personaggi che presenta, inclusi quelli di minor rilievo, con descrizioni accurate e senza dilungarsi eccessivamente. Ultima osservazione, in questo primo libro riusciamo ad avvicinare in prima istanza alcuni dei protagonisti dei romanzi futuri, aspetto che ho molto apprezzato perché mi piace leggere le serie in cui, alla fine, mettendo insieme tutti i libri, si ha la sensazione di sapere molto più di quanto viene narrato in un determinato libro o capitolo. Come se l’autrice ci regalasse la possibilità di una visione a 360° di un tutto che si sta definendo e il lettore fosse un osservatore anch’esso capace di muoversi nel tempo e nei ricordi come i protagonisti.

Card realizzata da Sweet Fire

In questo libro Conosciamo Claire nella sua vita quotidiana a New York, nella sua libreria. In procinto di partire per la Scozia per una vacanza che sogna da tempo in un luogo da cui si sente inspiegabilmente attratta. Claire vive la sua vita indipendente e autonoma ma sempre ammantata dal ricordo della morte violenta di sua madre, riportata sui giornali come Pleasure crime. Può sembrare ripetitivo il nominare così spesso questo termine e collegarlo ad una paura quasi ancestrale della protagonista ma in realtà tutto si spiega più avanti, proseguendo nella lettura.

Copertina eLit 2018

Quando Claire e Malcolm si incontrano la prima volta, la situazione è molto critica e decisamente fuori dagli schemi. La povera Claire si ritrova improvvisamente coinvolta in un duello tra due immensi uomini abbigliati in una maniera non convenzionale ed armati di spade, poco prima una donna ha fatto irruzione nel suo negozio super protetto da allarmi e serrature senza la benché minima fatica e tutti e tre cercano la pagina di un libro che credono essere occultato da lei. Poco dopo in un trambusto di incomprensioni e necessità di resistere ad una attrazione fisica impellente e inspiegabile, Claire e Malcolm si ritrovano su un prato, ammaccati e doloranti, soprattutto lei. Ma non è già più a New York, Malcolm l’ha portata con sé in Scozia, vicino ai territori di cui lui è il Signore, in un castello antico e protetto e… nel 1400!! Da qui in poi inizia la loro storia. Tra screzi, incomprensioni, differenze culturali, una cosa sembra prevalere tra tutte: la potente attrazione che unisce i due protagonisti. La loro è una storia d’amore emozionante, intensa, travolgente, che sboccia e fiorisce mentre i loro corpi bramano la passione che li spinge l’uno tra le braccia dell’altra nonostante le inquietudini e le incertezze, nonostante il divario culturale ed a prescindere dalle ferme prese di posizione di Malcolm, giovane Maestro e guerriero, che combatte ogni giorno con un potere forte e tenebroso che vuole farlo suo ed ha già, in passato, distrutto molte vite, particolarmente quelle dei suoi genitori.

Card realizzata da Sweet Fire

Adoro Claire, un personaggio che emerge gradualmente dalla sapiente penna della Joyce in tutta la sua forza d’animo, determinazione e doti innate di cui, inizialmente, ignora l’esistenza. Commovente e magistralmente descritta la loro prima notte insieme, da amanti, innamorati perdutamente l’uno dell’altra. Il fare l’amore, le rivelazioni sussurrate e condivise nella mente, la passione che non è più solo carnale ma una carezza all’anima.

Malcolm, un vero e possente Highlander che ha catturato il mio cuore e che nel corso della storia, combatte i suoi demoni interiori, i ricordi dolorosi, il timore di non resistere alla tentazione e convertirsi suo malgrado, al male. Il desiderio di possedere Claire ma più di tutto di proteggerla, mettendola sempre al primo posto nei suoi pensieri anche quando deve prendere decisioni cruciali in merito alla lotta con le tenebre o la salvaguardia del manoscritto e della pagina perduta. Ho ammirato il suo autocontrollo o meglio, il suo opporsi alla mera passione così come all’inevitabile coinvolgimento emotivo per una donna, unica e speciale per lui, che gli farà battere il cuore come nessuno mai.

 

Una storia d’amore ‘ di qualità’ come la definisco io, una di quelle che di tanto in tanto, si ha piacere di rileggere o che semplicemente tornano alla mente. Senza lesinare in quanto a passione e descrizioni piuttosto dettagliate dei numerosi amplessi e momenti di intimità tra i due protagonisti, l’autrice riesce a coinvolgere e catturare il lettore e concede di subodorare, tra le righe, il finale gloriosamente soddisfacente.

Tra i personaggi che più ho amato e che spero di conoscere nei prossimi libri della serie, senza dubbio c’è Aidan di cui sono certa vi innamorerete anche se non posso dirvi altro di lui per non rischiare di lasciarmi scappare qualche dettaglio che vi rovinerebbe la sorpresa. Stesso discorso per il gran Maestro Ironheart, che mi è piaciuto subito e, nel corso della lettura, dopo alcune rivelazioni, ancora di più!

Una serie che non può mancare tra i vostri titoli se amate questo genere.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS