Home » Recensione libri » Recensione: “Sei tu quello che voglio – Reaper’s series #3” di Joanna Wylde

Recensione: “Sei tu quello che voglio – Reaper’s series #3” di Joanna Wylde

 

 

Titolo: Sei tu quello che voglio

Autore: Joanna Wylde

Serie: Reaper’s series #3

Genere: Romance

Editore: Newton Compton Editori

Pagine: 369

Data di pubblicazione: 9/03/2021

 

1 – Non volevo fosse amore

2 – Stammi sempre accanto

3 – Sei tu quello che voglio 

 

 

Se c’è una cosa di cui Liam “Hunter” Blake è sicuro è che odia i Reapers MC. Nato e cresciuto tra i Devil’s Jack, conosce il suo dovere: difendere il club di motociclisti di cui fa parte dai suoi più antichi nemici, i Reapers. A qualunque costo. Ma perché usare la forza quando il capo dei Reapers ha una figlia ingenua e vulnerabile? Hunter ha desiderato Em dal primo momento in cui l’ha vista, e ora ha un’ottima scusa per averla.
Em ha vissuto tutta la vita all’ombra dei Reapers. Suo padre è iperprotettivo, ed è il capo della banda. L’ultima volta che Em ha avuto un fidanzato, qualcuno gli ha sparato. E da allora gli uomini sono più interessati a compiacere suo padre che a farla divertire. Fino a che un affascinante sconosciuto non è entrato nella sua vita. Em si è sentita per la prima volta desiderata, a prescindere dal suo cognome. Possibile che l’uomo che affolla i suoi pensieri di notte non abbia paura di suo padre? Forse Liam è davvero quello giusto…

 

 

Em adora il mondo in cui è cresciuta, quello del club dei Reaper’s. Ama le moto, i raduni e i valori che uniscono tutti i componenti della “famiglia”. Tuttavia, essere la figlia del presidente ha i suoi svantaggi. Si ritrova, infatti, costantemente sotto una campana di vetro, con un padre iperprotettivo e che cerca di controllare la sua vita, spinto dall’amore che prova per lei. Così, con il passare del tempo, nella ragazza cresce la voglia di evadere, sfuggendo a una vita che non sente più sua. L’occasione arriva quando conosce Liam, che sembra il ragazzo perfetto, ma in realtà è il componente di un club rivale. È vero che la conoscenza tra Em e Hunter avviene solo per interesse, ma i due presto devono fare i conti con dei sentimenti inattesi come la passione e l’attrazione.

Hunter, questo il soprannome di Liam, prova per la prima volta qualcosa che non sa spiegarsi. Si ritrova, però, davanti a una scelta: Em o il suo club.

In questo terzo libro, ritroviamo tutti i personaggi dei precedenti capitoli, ognuno con un proprio ruolo, anche se marginale, che conferisce una maggiore articolazione alle vicende. Il tema principale è quello della crescita personale. Em rappresenta in pieno ciò, perché è una ragazza che cerca il proprio posto nel mondo e la propria indipendenza, il suo è un personaggio che affronta una grande evoluzione, che arriva ad affermarsi come donna. Abbandona le fantasie romantiche per affrontare la vita vera, lotta per ciò che vuole andando contro i propri principi. Ho apprezzato tanto il suo personaggio, perché è l’esempio e la dimostrazione di come ci si possa creare un futuro senza abbandonare totalmente il passato, e riuscire a trovare un equilibro tra la famiglia di origine e quella nuova che si forma con il proprio partner. Una cosa non proprio semplice. Anche Hunter ha un’evoluzione, ma più a livello emotivo, perché pagina dopo pagina riesce a far venir fuori il suo lato emozionale, per troppo tempo oscurato. Si rivela un uomo disposto a tutto per la propria donna, anche abbandonare le certezze di una vita e mettere in gioco sé stesso.

Il mondo dei Reaper per me ha sempre un grande fascino perché all’apparenza sembra violento, rude e basato esclusivamente sulla criminalità. In realtà è molto di più, è una famiglia i cui membri credono molto nei legami, nel proteggere le persone a cui vogliono bene, anche a scendere a compromessi e abbandonare il proprio orgoglio. Quello rappresentato è un mondo passionale e intenso, lo dimostra benissimo lo stile dell’autrice, che non manca di scene sessualmente esplicite ma che si sposano perfettamente con l’anima dell’intero libro.

Infine molto chiara la caratterizzazione dei personaggi, che è graduale e non tralascia mai nulla. Consiglio questo libro, soprattutto se amate i bikers e il loro mondo, perché vi regalerà tanto: azione, momenti comici e cruenti. È il terzo di una serie, ma si può leggere anche autonomamente… però io vi consiglio fortemente di recuperare anche i precedenti perché meritano!

Buona lettura!

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Daniela Pullini

Lascia un Commento