Home » Recensione libri » Recensione: Sangue e Cenere di Jennifer L. Armentrout -Saga From Blood and Ash vol.1-

Recensione: Sangue e Cenere di Jennifer L. Armentrout -Saga From Blood and Ash vol.1-

 

Titolo:Sangue e Cenere

Serie:From blood and ash saga vol.1

Autore:Jennifer L. Armentrout

Editore: Harper Collins

Genere: Romance fantasy

Data di pubblicazione:24 Marzo 2022

Il primo attesissimo capitolo di una nuova saga di J. L. Armentrout.

UNA FANCIULLA…

Scelta dalla nascita per dare vita a una nuova era, Poppy non è mai stata padrona della propria vita. La sua è un’esistenza solitaria, in cui tutto le è proibito: nessuno può guardarla, né toccarla o rivolgerle la parola. Non è nemmeno libera di usare il proprio dono… Può solo aspettare il giorno della sua Ascensione, chiedendosi che cosa accadrà, mentre preferirebbe di gran lunga stare con le guardie, a combattere il male che ha distrutto la sua famiglia. Ma lei, la Vergine, non ha mai potuto decidere per se stessa.

UN DOVERE…

Il futuro del regno è sulle sue spalle, anche se lei quel fardello non lo ha mai voluto. Perché anche la Vergine ha un cuore, un’anima, dei desideri. E quando nella sua vita entra Hawke, la guardia incaricata di proteggerla e sorvegliarla, il destino e il dovere si intrecciano inesorabilmente con il desiderio. Quel giovane dagli occhi dorati alimenta la sua rabbia, la spinge a mettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto, la sfida a provare sensazioni nuove e inesplorate.

UN REGNO…

Abbandonato dagli dei e temuto dai mortali, un nuovo regno sta risorgendo dalle ceneri. Determinato a riprendersi ciò che gli spetta, l’Oscuro avanza assetato di vendetta. Ma più l’ombra del male si avvicina, più il confine tra ciò che è giusto o sbagliato diventa sottile. E quando la trama insanguinata che tiene insieme il suo mondo inizia a sfaldarsi, Poppy non rischia soltanto di essere ritenuta indegna dagli dei, ma anche di perdere il proprio cuore e la sua stessa vita.

 

JENNIFER L. ARMENTROUT. Autrice al vertice delle classifiche del New York Times e di USA Today, oltre a scrivere romance con lo pseudonimo di J. Lynn si è cimentata con successo nei generi Young e New Adult, fantascienza e fantasy. Attualmente vive a Martinsburg, West Virginia. Con HarperCollins ha pubblicato le serie Covenant, Titan e Dark Elements, di cui la serie The Harbinger è l’appassionante spin-off.

 

 

Le aspettative per questo romanzo erano tante: sia per il mio amore per l’autrice (ho letteralmente tutte le sue opere in libreria) sia per il grande hype che si è creato online nei mesi precedenti e nel corso delle uscite in lingua. Sangue e Cenere è il primo volume dell’ultima saga della Armentrout, un romance fantasy dalle forte tinte spicy. 

La protagonista è Poppy, una giovane ragazza destinata a essere la Vergine, colei che deve consacrare la sua vita agli Dei per proteggere la popolazione dalle forze dell’Oscuro. Proprio per questo motivo porta un velo e non può entrare in contatto con nessuno. Questo però porta Poppy a maturare uno spirito di ribellione verso il suo destino e contro coloro che controllano la sua vita. Il suo obiettivo è combattere i mostri che hanno distrutto la sua famiglia e ciò sembra diventare possibile quando incontra Hawke, la guardia che ha il compito di proteggerla.

Tra i due si istaura immediatamente un legame molto forte, fatto di frecciatine, sguardi assassini ma anche tante parole non dette. Le loro anime sembrano collegate, come se si conoscessero da sempre. Insieme iniziano a porsi delle domande sul regno in cui vivono, sulla missione degli Dei e su quanto in realtà venga loro nascosto. Indagano così sull’Oscuro, che vuole riappropriarsi del potere e che forse non è realmente il mostro di cui tutti parlano.

Rispetto ad altre opere dell’autrice, la cosa che salta immediatamente all’occhio è la complessità del worldbuilding. Il mondo raffigurato è stratificato, ricco e prende spunto da diversi topos narrativi e autori vicini all’high fantasy. Dall’altra parte tuttavia, questo elemento, che penso sia davvero molto originale e forte, viene messo in secondo piano dalla componente romance. Sebbene abbia amato il rapporto tra Poppy e Hawke, devo ammettere che mi aspettavo di leggere un fantasy romance e invece mi sono ritrovata tra le mani una storia d’amore dove il fantastico è solo un escamotage narrativo. 

Nonostante apprezzi molto la Armentrout, credo che in Sangue e Cenere non sia riuscita a mantenere il consueto equilibrio tra il genere fantasy e quello romance, prediligendo maggiormente quest’ultimo a discapito del primo. Probabilmente per soddisfare le attuali tendenze letterarie.

Lo stile è sicuramente più maturo, adulto e anche la descrizione delle scene spicy è forte e coinvolgente. Non manca la vena umoristica e ironica che contraddistingue la penna dell’autrice e alleggerisce anche le parti più crude del romanzo. I messaggi infine sono molto importanti: l’amore per sé stessi, la voglia di lottare per il proprio futuro ma anche per ciò in cui si crede. Un libro che mi sento di consigliare se siete molto amanti del romance e se vi piacciono anche i fantasy! Sicuramente la Armentrout riesce a creare una coppia e dei personaggi difficili da dimenticare!

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento