Home / Recensione libri / Recensione: “Non è tutto oro” di Valeria Corciolani (serie La colf e l’ispettore #2)

Recensione: “Non è tutto oro” di Valeria Corciolani (serie La colf e l’ispettore #2)

Care Fenici, oggi Maljka ci parla di “Non è tutto oro” di Valeria Corciolani 

È una vita tranquilla quella di Nestor “il Greco”, proprietario di un piccolo negozio antiquario a Chiavari. Finché una sera la giovane moglie Elena, troppo bella, troppo esuberante, troppo tutto, non ritorna più a casa. Il mattino dopo un pescatore aggancia con i suoi palamiti il corpo di una donna…

Toccherà all’ispettore Jules Rosset e all’efficiente Alma, suo insospettabile grimaldello di fiducia, riportare a galla la verità. Perché non è tutto oro quello che luccica.

I libri sono un po’ come le persone, ma le persone quelle speciali, che sanno entrarti dentro e cambiarti.

Questo è il secondo capitolo edito da questa scrittrice italiana, dove i protagonisti indiscussi sono Alma, la colf tuttofare dallo sguardo speciale, e lo spigoloso e ineccepibile ispettore Jules Rosset.

Ci troviamo in una cittadina ligure, Chiavari per l’esattezza, dove ambientazione e personaggi sono molto ben caratterizzati. Ogni personaggio ha una sua peculiarità e carattere, segreti, e chiacchiericci di paese alle spalle. Ogni piccolo paese, si sa, contiene una moltitudine di pettegolezzi e segreti celati ai più.

La trama è semplice, ma ben costruita, e il colpevole… io ho amato fin da bambina i gialli e qui, purtroppo, è stato abbastanza facile capire il colpevole, ma credo sia merito della scrittrice, perché ha accompagnato per mano il lettore, fino ad arrivare alla perfetta descrizione delle azioni e degli avvenimenti che hanno portato l’assassino a compiere un atto così brutale.

Per me, la protagonista principale è la vecchietta, la suocera di Alma, Alfonsina, testimone principale e indiscussa del fattaccio. Non è la classica suocera impicciona (suocere, non me ne vogliate, perché lo sarò anche io un giorno) ma è una donna che sa il fatto suo, con un pizzico di memoria assai volitiva e humor!

Mi è piaciuto il modo di scrivere di quest’autrice tutta italiana, anch’essa di Chiavari, frizzante, attuale e mai stancante. Anche i temi trattati all’interno del romanzo sono molto attuali; so che è strano per un romanzo giallo, ma ha saputo trattare temi come “l’esser stranieri in un paese non tuo” e “le fatiche dei giovani ragazzi a scuola” come in pochi sanno fare all’interno di un romanzo che vuol essere leggero e un passatempo per rilassarsi.

SERIE LA COLF E L’ISPETTORE:

1 – Acqua passata

2 – Non è tutto oro

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione: “Le rughe del sorriso” di Carmine Abate

Ciao a tutte fenicette, oggi la nostra Angela ...