Home » Recensione libri » Recensione: L’Omega scomparsa – Serie: I mutanti di Maple Lake #1 – di Ava Gray

Recensione: L’Omega scomparsa – Serie: I mutanti di Maple Lake #1 – di Ava Gray

 

Titolo: L’Omega scomparsa

 Autore: Ava Gray

Serie: I mutanti di Maple Lake #1

Genere: Romanzo rosa

Editore: Self publishing

Target: 18+

Data di pubblicazione: 27 Novembre 2022

 

 

Non c’è modo di tornare in quell’inferno…
Non dopo che avevo impiegato ogni grammo di coraggio per fuggire dal mio branco.

Eppure, quando vidi quei tre sexy lupi mutanti alla mia porta, le mie ginocchia cedettero.
Capii di essere nei guai.
Mi volevano riportare con loro e avevano bisogno di me per sconfiggere i demoni.

E io invece cosa volevo?
Volevo Everett, il guerriero addestrato nonché futuro maschio alfa del branco.
Sognavo di avere Quinn, il capobranco dalle spalle così larghe da farlo assomigliare a una divinità.
E Weston, il fabbricante d’armi che mi faceva letteralmente sbavare per i suoi addominali scolpiti.

Tutti e tre quegli uomini mi trattavano come se appartenessi a loro.
Tuttavia, la passione non era sufficiente quando c’erano di mezzo dei segreti.
Dei segreti così grandi da indurli ad abbandonarmi se avessero scoperto chi ero veramente.

Avrebbero comunque tenuto abbastanza a me da salvarmi la vita?

 

 

 

 

 

Salve Fenici, ci ritroviamo insieme per commentare un libro che, leggendo la trama, sembrava uscito dai sogni erotici di una buona fetta della popolazione femminile. Sottolineo… sembrava.

La trama narra di un amore quasi impossibile tra Lyra, una giovane mutaforma fuggita per anni dal suo branco per un segreto pericoloso che non può rivelare, e ben tre altrettanto aitanti lupi molto sexy che a modo loro la bramano e cercano di farla ritornare a casa per ordine dell’Alpha reggente, poiché sembra essere una guaritrice molto abile e potente. La nostra protagonista è anche molto bella, ha ventisette  anni ed è fuggita quando era un’adolescente per via di questo innominabile fardello e non è più tornata per paura. Nella nuova città riesce a mantenere una vita di facciata, lavora come infermiera ed è attiva nella comunità. In Oregon si trovano, invece, gli uomini che la corteggeranno: Everett, uomo deciso e futuro Alpha del branco, Quinn, l’intellettuale professore universitario, diplomatico e sensibile del gruppo e per finire Weston, uomo anche lui meraviglioso con doti più manuali e fisiche adatte agli scopi del branco.

Fin qui tutto normale, la storia viene narrata dal punto di vista di ogni protagonista e questo ci porta  a conoscerli superficialmente, niente background fino alla prima parte del libro,  perché si, per me c’è un prima e dopo in quanto ad un certo punto il libro cambia, dalla loro prima notte, il ritmo del libro si evolve, la narrazione diventa più veloce, e questo vale anche per la descrizione dei loro incontri hot, penalizzandoli però sul lato sentimentale diventando, così, incontri vuoti e senza valore. La trama, quindi, poteva rivelarsi interessante se fosse stata ben sviluppata. Avrei preferito, invece di regalare sesso gratuito, mettere più sentimento e dare un esperienza librosa da ricordare ma per me, purtroppo, non è stato così. Non parliamo poi  dell’atteggiamento un po’ contraddittorio dei protagonisti verso la fine, non ho apprezzato molto la facilità dei sentimenti esposti senza un elaborazione chiara per il lettore.

Il segreto ben custodito ha reso il libro per un po’ piacevole da leggere ma poi mi è dispiaciuto constatare che non è stato dato il massimo, non mi sento di dare un voto alto ma non demordo e spero che il prossimo volume possa farmi ricredere e darmi  più soddisfazioni.

La vostra Chris

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Vale

Lascia un Commento