Home » Recensione libri » Recensione: Le leggi del sangue – Serie: La maledizione degli Immortali #1 di Lexi C. Foss

Recensione: Le leggi del sangue – Serie: La maledizione degli Immortali #1 di Lexi C. Foss

Titolo: Le leggi del sangue Un Romanzo Vampiresco Paranormale

Serie: La maledizione degli Immortali #1

Autrice: Lexi C. Foss

Editrice: Ninja Newt Publishing, LLC

Genere: Fantasy Romance / paranormal

Data di pubblicazione: 07 Gennaio 2022

Le leggi del sangue – La maledizione degli Immortali #1

Legami proibiti – La maledizione degli Immortali #2

Cuore di sangue – La maledizione degli Immortali #3

Legami di sangue – La maledizione degli Immortali #4

In un mondo dove vampiri e angeli vivono in assoluta segretezza, una sola donna è predestinata a ucciderli tutti.

Astasiya Davenport sa di essere diversa. È difficile non fare caso al suo peculiare insieme di abilità, soprattutto quando è in grado di persuadere chiunque le stia intorno e ottenere quello che vuole soltanto mormorando sottovoce qualche parola. Nonostante ciò, non ha mai capito da dove venisse quella sua capacità.

Finché non ha incontrato lui. Issac Wakefield. Straordinario miliardario. Un vampiro. Un cavaliere oscuro che avrebbe dovuto ucciderla, ma che invece le fa una proposta.

Issac è pieno di segreti e di risposte, di verità sul passato di Astasiya, ma per farlo parlare dovrà essere pronta a tradire tutti quelli che conosce.

Ha inizio un gioco letale.
Le alleanze vengono messe a dura prova.
E un amore proibito minaccia di mandarle in frantumi.

Una guerra immortale è alle porte. Chi sceglierai?

Tuffati nella saga acclamata a livello internazionale, cominciando da Le Leggi del Sangue, un romanzo pluripremiato che ti lascerà con il fiato sospeso.

Nota dell’autore: È una saga, ci saranno molti finali in sospeso.

Unico vincitore del New Apple Book Awards 2017 nella categoria “Romance”

 

“In un mondo dove vampiri e angeli vivono in assoluta segretezza, una sola donna è predestinata a ucciderli tutti”. (Tratto dal libro)

La prima cosa che ho pensato leggendo l’inizio della sinossi è stata “Ops, sono tornati di moda i vampiri!”. Poi ho continuato – non sono così superficiale, suvvia – per capire meglio che tipo di libro fosse, ci troviamo di fronte a un fac simile della Meyer o della Ward? Beh, niente di tutto ciò. Qualcosa di diverso, finalmente! Sì, certo non posso negare che vi siano alcune cosucce che possano ricordarmi alcuni fantasy già letti, ma penso sia inevitabile con tutti quelli che mi sono passati tra le mani.

Partiamo orientandoci nel bellissimo word building creato da Lexi C. Foss, due diverse fazioni sono in lotta ormai da sempre: da una parte gli Ichoriani, vampiri con doni peculiari con a capo Osiris, che assomiglia molto a un satanista degli anni ’70, un misto tra pazzia e sete di sangue – in tutti i sensi direi. Dall’altra gli Hydraiani, anch’essi esseri soprannaturali che da “Neonati”, ovvero nati da un padre Ichoriano e una madre mortale, diventano Hydraianiuna una volta passati “a miglior vita”. Di solito i Neonati non hanno poteri, li ottengono solo dopo la rinascita – tenete a mente questo particolare perché la nostra protagonista sconvolge gli equilibri di queste “verità”. Ok, comprendo che sembri un misto tra un sillogismo aristotelico e una mente machiavellica… ma non è così complicato, lo giuro. All’inizio del libro, grazie al cielo, l’autrice ci dà un paio di dritte (un vero glossario a dire il vero) su come orientarci tra le diverse figure soprannaturali e cosa aspettarsi dalle leggi del sangue che sono insite nella cultura di questi vampiri. Direte voi, hai finito? No, ci sono anche i Seraphim che in questo volume sono appena accennati, ma so che Gabriel mi darà grandi soddisfazioni!

La nostra protagonista è Stas, Astasiya – un nome più complesso non glielo potevano dare, continuavo a leggere Anastasia, uff! Una giovane ragazza che frequenta l’università e che ha alle spalle un passato particolare, pochi ricordi… un incendio, i genitori morti, una nuova famiglia affidataria e quella frase…

“Addio, sorellina,” sospirò una voce nel vento (Tratto dal libro)

 Una giornata come tante Stas va a tirare giù dal letto il suo miglior amico, Owen, prima che faccia tardi a un esame e lì vedrà Issac per la prima volta. Sarà lui a nasconderla da quei due mastodontici Ichoriani che stanno uscendo dall’appartamento del suo amico. Odore di bruciato, lo stesso dell’incendio in cui morirono mamma e papà. Qui tutto comincia e la ragazza sarà attirata nel limbo di realtà e bugie che la circonda. Da un lato avremo Issac che da sexy ed elegante vampiro le mostrerà, suo malgrado, un mondo di sangue e mezze verità; dall’altro ci saranno gli amici di sempre Lizzie, Tom e suo padre, un uomo che le è stato vicino negli ultimi sei anni e che le ha trovato un posto di lavoro nell’azienda di famiglia, la FAC che in apparenza è una miliardaria organizzazione di filantropi – eh, forse, anche no! La ragazza diventa la pedina più preziosa che potrà portare Issac alla sua vendetta, ma se da semplice pedina su una scacchiera diventasse la regina e fulcro di legami che non si possono spezzare?

Chi è in realtà Stas? Da dove viene quel potere della persuasione che suo padre voleva tanto che celasse al mondo e che, probabilmente, ha causato la morte dei suoi veri genitori?

Issac, l’uomo da una sola notte e via con al braccio sempre una donna diversa, riuscirà a mantenere il distacco da Stas e dai suoi lunghi capelli biondi? Beh, non è colpa sua se di fronte a quella chiara chioma l’ormone prende il sopravvento!

I personaggi di questo romanzo, principali e secondari, hanno davvero un’anima che si vede, traspare non solo dalle azioni o dalla narrazione ma soprattutto dai dialoghi – li ho amati alla follia. Ho terminato questo romanzo in pochissimi giorni e la curiosità non mi ha mai abbandonata. Le scene e i conflitti interni all’intreccio della storia sono incalzanti e mai banali, un’attenzione ai dettagli e alle sfumature di ogni dinamica rende il libro speciale. Seppur scritto in terza persona, l’autrice ha l’abilità non da poco di farci percepire gli stati d’animo e le pulsioni interiori di ognuno, addirittura di Owen, un personaggio già morto all’inizio dell’opera (non è uno spoiler, era intrinseco). Unica pecca… l’editing, davvero troppi refusi! Questo però non mi frenerà da leggere il seguito della serie, perché non vedo l’ora di capire come proseguirà. Il finale non è un cliffhanger però si apre un nuovo capitolo dell’avventura che vede un addestramento e una missione di salvataggio. La storia d’amore c’è ed è ben costruita, le scene sensuali sono presenti e molto esplicite, ma la trama va ben oltre, il che non guasta mai. Una tra le tante cose che ho apprezzato di più è stato il non rendere banale la figura del vampiro, si nutre di sangue e questo va bene, ma per fortuna niente bare, niente assurdità alla luce del sole o quant’altro. Non uno scontro tra bene e male, ma una lotta per non arrivare all’estinzione, sebbene ciò che scorre nelle vene potrebbe essere l’arma di una guerra spietata.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Titolo: Le leggi del sangue Un Romanzo Vampiresco Paranormale Serie: La maledizione degli Immortali #1 Autrice: Lexi C. Foss Editrice: Ninja Newt Publishing, LLC Genere: Fantasy Romance / paranormal Data di pubblicazione: 07 Gennaio 2022 Le leggi del sangue - La maledizione degli Immortali #1 Legami proibiti - La maledizione degli Immortali #2 Cuore di sangue - La maledizione degli Immortali #3 Legami di sangue - La maledizione degli Immortali #4 In un mondo dove vampiri e angeli vivono in assoluta segretezza, una sola donna è predestinata a ucciderli tutti. Astasiya Davenport sa di essere diversa. È difficile non fare caso…

Score

Voto Utenti : 4.9 ( 1 voti)

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento