Home » Recensione libri » Recensione: La magia di Amsterdam di Lily Morton

Recensione: La magia di Amsterdam di Lily Morton

Titolo: La magia di Amsterdam

Autore: Lily Morton

Editore: Triskell

Genere: romance mm

Target:+16

Data di pubblicazione: 23 Dicembre 2022

 

L’introduzione di Arlo Wright alla propria sessualità è arrivata quando ha visto Jack Cooper, il migliore amico di suo fratello maggiore, in una sudata divisa da calcio. Purtroppo, non ha avuto abbastanza tempo per godersi la scoperta perché è andato subito a sbattere contro un tavolo.
I rapporti tra loro non hanno mai davvero fatto dei passi avanti da quel fausto inizio. Arlo è ancora impacciato e Jack è bello e irraggiungibile come sempre.
Tuttavia, le cose sembrano cambiare, quando, durante una vacanza ad Amsterdam a Natale, Arlo si ritrova a condividere con Jack una stanza d’albergo. Riuscirà il clima delle feste a farli finalmente avvicinare, oppure stavolta Arlo sbatterà la testa contro il muro?
Dall’autrice di bestseller, Lily Morton, arriva una calda commedia romantica, ambientata nella fredda Amsterdam.

 

 

Leggendo la trama de La magia di Amsterdam sembra di trovarci di fronte al solito cliché del ragazzino innamorato del bellissimo miglior amico del fratello. Banale? Scontato? Allora perché leggerlo, vi chiederete? Innanzitutto perché è ambientata nella splendida cornice di Amsterdam, città affascinante e vivace, ancora di più nel periodo natalizio, con lo scintillio della neve che le regala un’aurea incantata e magica. La scrittura dell’autrice è divertente, brillante, ardita, brucia di passione e tenerezza insieme, mi ha fatto ridere e regalato momenti molto sensuali. I personaggi sono adorabili: Arlo è esilarante, imbranato, comico a volte, ma dolcissimo. Ha gli occhi a cuoricino ogni volta che si posano su Jack, il suo sogno proibito da… sempre,  ma è anche il miglior amico di suo fratello Tom.

“Lo seguo, cercando di non buttare l’occhio sullo splendido sedere avvolto nei jeans. È una battaglia persa che combatto da quando avevo undici anni e mangiavo zuppa nella cucina di casa mia. Mi ricordo il momento in cui, alzando lo sguardo verso la porta, ho avuto una visione: Jack che entrava tutto sudato, con addosso la divisa da calcio che aderiva come colla al suo corpo da quindicenne. In quel momento ho avuto diverse rivelazioni sulla mia sessualità. Tuttavia, ho dovuto mettere da parte quel pensiero per alcune ore perché mi è andato di traverso un crostino e, mentre soffocavo, sono caduto sbattendo contro il tavolo della cucina”.

 

E questo è Arlo: sempre sull’orlo di una catastrofe, di cadere, di andare a sbattere contro qualcosa, sbadato in maniera deliziosa ma anche pericolosa. Per fortuna, spesso, da anni, c’è Jack a impedirgli cadute, inciampi e incidenti più o meno imbarazzanti (spoiler: molto imbarazzanti!) Arlo è sicuro che il miglior amico di suo fratello lo veda solo come un ragazzino ed è costretto, da tanto, a guardarlo cambiare partner, senza poter fare altro che sognare che prima o poi si accorga di lui. E, anche se lui lo ignora, il miracolo avviene.

“Allegro è la parola che definisce Arlo, che sia ubriaco o meno. È caldo, divertente e intelligente, e mi attira come un fuoco in una notte fredda. In mezzo alla confusione delle lenzuola blu, la sua pelle pallida  brilla, la figura snella è lì proprio davanti ai miei occhi. I miei occhi vogliosi”.

 

È dal Natale precedente che, per Jack, lui non è più solo un ragazzino a cui vuole bene, ma ha cominciato a guardarlo in modo diverso. Anche se fa di tutto per ignorare i turbamenti  del corpo quando Arlo gli è vicino, perché non vuole fare nulla che possa mettere in pericolo il rapporto speciale che ha con tutta la famiglia del ragazzo. Dividere la camera, durante la vacanza che Tom ha organizzato per chiedere al suo ragazzo di sposarlo, sarà l’occasione per entrambi di fare chiarezza nel proprio cuore. Tra visite ai musei, con momenti divertentissimi e sguardi ad alto tasso di passionalità, inciampi tra biciclette e gradini dispettosi (inciampi di Arlo, naturalmente), situazioni esilaranti che vi faranno ridere di cuore e momenti molto hot, la storia è una spassosissima e romantica commedia natalizia, da leggere però anche tutto l’anno.

“Ora conosco il suo sapore. So che bacia con ardore. Come se il mondo rischiasse di finire nel caso in cui non riuscisse a posare la sua bocca  sulle mie labbra. So che è più caldo del sole. Sospiro.”

 

 

 

 

  

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Vale

Lascia un Commento