Home / Recensioni MM / Recensione in anteprima: “Nuove Abitudini” di Andrew Grey

Recensione in anteprima: “Nuove Abitudini” di Andrew Grey

Buongiorno care fenicette, oggi Lucia63 ha recensito per noi in anteprima il libro “Nuove Abitudini” di Andrew Grey

Nelle questioni di cuore non esiste l’ordinaria amministrazione.

Thomas Stepford ha impiegato anni per costruire un’azienda di successo e adesso, arrivato alla soglia dei quaranta, desidera una vita più tranquilla e, dato che i suoi genitori hanno bisogno di aiuto, decide di tornare a casa. Non potendo staccarsi del tutto dagli affari, ha bisogno di un assistente, ma la persona che assume non è esattamente il genere di impiegato che aveva in mente…

Brandon Wilson, fresco di laurea, ha bisogno di un lavoro. Grazie all’aiuto della nonna viene assunto come assistente del signor Stepford. Thomas sembra non ricordarlo ma, anni fa, Brandon ha già lavorato per lui: era il ragazzo che gli falciava il prato. L’uomo che era il protagonista delle sue fantasie adolescenziali, così attraente e tanto più grande di lui, adesso è il suo capo.

Entrambi sono decisi a mantenere il loro rapporto su un piano strettamente professionale, ma la vecchia fiamma è ancora viva. Imparano tuttavia a lavorare insieme, anche quando la tensione sessuale raggiunge il punto di ebollizione. Appena decidono di arrendervisi però, Thomas viene richiamato a New York dalla sua vecchia vita. Forse Thomas saprà resistere alla tentazione di tornare indietro, ma riusciranno i due uomini a far sopravvivere la loro neonata storia d’amore quando Brandon riceve la chiamata dei suoi sogni… da Hollywood?

Fonte della Trama: Dreamspinner Press

Credo di averli incontrati un paio di volte, quando ero più giovane. Ricordo che tua madre era una donna bellissima.”

Sì. E mio padre era brutto come la fame,” borbottò Brandon. Thomas si appoggiò allo schienale e gli rivolse un’occhiata che diceva: di che stai parlando? “Interiormente.” “Capisco,” replicò Thomas. Brandon scosse la testa. “No, non puoi capire.” Sospirò. “A scuola ci hanno insegnato che in ogni trattativa ci sono tre punti fondamentali: cosa vuoi, quando lo vuoi e come deve essere fatto. Mio padre voleva sempre che tutto fosse fatto esattamente come e quando lo voleva lui, ma lui non voleva mai fare niente. Quindi era sempre tutto sbagliato e mi faceva innervosire. Per questo cercavo di fare le cose più in fretta, per poter avere il tempo di cambiare ciò che non gli piaceva. Era un vero schifo. Non ero il figlio che voleva che fossi, non sono diventato un dottore come desiderava lui. Poi ho avuto il coraggio di andare a dirgli che sono gay, così lui mi ha voltato le spalle. Mia nonna non glielo ha mai perdonato e dubito che ci riuscirà mai.” Ringraziò il cielo per sua nonna. Quando era scoppiato l’inferno, lei lo aveva aiutato a restare sano di mente.”

Il libro di cui vi parlo oggi Fenici è Nuove abitudini di Andrew Grey, un autore che scrive libri pieni di dolcezza ed estremamente rilassanti; raramente infatti abbiamo grandi colpi di scena ed angoscia.

Thomas ha creato una società immobiliare di successo ma ora, ad appena trentanove anni, il suo fisico gli sta presentando il conto delle tante giornate passate in situazioni di stress. Oltre a questo, i suoi genitori stanno invecchiando e l’uomo sente che è venuto il momento di rallentare un po’ e godersi la vita in modo più tranquillo. Per questo motivo ha deciso di continuare a dirigere la società vivendo lontano dal ritmo frenetico di New York, lasciando che il suo amico e collega Blaze e la sua bravissima assistente prendano il suo posto, facendolo intervenire solamente tramite video conferenze e nei momenti di difficoltà. Marjorie però lo conosce troppo bene, e sa che lasciato da solo, Thomas si dimentica a volte anche di fare le cose più banali. Non per niente è sempre stata lei ad occuparsi dell’andamento domestico della sua abitazione, assumendo personale che il suo capo neanche si rende conto di avere sul libro paga. Per questo è decisa a trovargli un assistente che lo segua nella sua nuova casa e faccia per lui le commissioni fungendo anche da segretario. La scelta di Marjorie cade su Brandon, un ragazzo che ha appena conseguito un master e che pur aspirando ad un lavoro diverso, si vede costretto a trovare un impiego che gli permetta di aiutare con le spese la nonna, che guarda caso è un’amica della madre di Thomas ed abita nella stessa piccola cittadina. Per l’uomo d’affari abituato al mondo frenetico della metropoli non è semplice adeguarsi al nuovo e tranquillo ritmo, ma quello che lo disturba ancora di più è l’attrazione che non riesce a contenere per il suo giovane e talentuoso assistente, che ha scoperto essere lo stesso ragazzino che anni prima falciava il suo prato, e che ora pur rimanendo assolutamente professionale non riesce a nascondere l’interesse che prova verso di lui. Ma Thomas ha già avuto una relazione con qualcuno che lavorava alle sue dipendenze e non intende ripetere di nuovo lo stesso errore.

Thomas è un uomo dal grande talento per gli affari: fin da ragazzino la vita nella sua piccola città gli stava stretta e ha sempre desiderato qualcosa di più. Ora ha realizzato tutti i suoi sogni, ha più soldi di quanti ne possa spendere ma è solo, e fare affari non è più la sfida che lo spronava a dare il massimo. Fin dal primo momento appare strano che sia un uomo così solitario. Da subito veniamo a sapere che nella sua vita ha avuto una sola relazione importante e che questa lo ha reso così prudente da non aver più nemmeno pensato di rischiare ancora il suo cuore. Se inizialmente sembra assurdo che una sola delusione abbia contato così tanto per un uomo di quarant’anni, quando sapremo come sono andate le cose, capiremo il perché della sua assurda paura di credere ancora all’amore. La sua stanchezza fisica e mentale, preoccupa il suo amico Blaze che, come lui, condivide la scelta di non innamorarsi: anche lui ha avuto le sue delusioni ed ora vive passando di avventura in avventura. Pur provando un affetto sincero per l’amico, non capisce il suo bisogno di tornare in una cittadina che non vedeva l’ora di lasciare, anche se gli invidia il bel rapporto che ha con i genitori che al contrario dei suoi hanno accettato la sua omosessualità con grande naturalezza. Non solo, la madre è pronta a presentargli tutti gli uomini affascinanti del posto per vederlo finalmente felice, ed è molto divertente assistere ai suoi tentativi di accasare entrambi i figli alla ricerca della possibilità di diventare nonna.

Per Brandon le cose sono andate diversamente: ha subito il dolore di essere stato respinto dai suoi genitori, che lo hanno sempre mal tollerato non ritenendolo mai all’altezza, e che sono convinti che avrebbe bisogno di “aiuto”. La sua salvezza è stata la nonna, una donna deliziosa che non sembra possibile possa essere la madre di un uomo crudele e gelido come suo padre. Per lei Brandon accetta un lavoro che non lo entusiasma, per poter contribuire alle spese di casa. È un ragazzo dolcissimo e pieno di buone qualità, che ha un amore immenso per la donna che ha riversato su di lui amore e accettazione totale. Al contrario di Thomas, lui ricorda bene di averlo conosciuto: senza saperlo l’uomo è stato il sogno proibito di un ragazzino di quindici anni che lo trovava splendido. Ed ora le cose non sono cambiate. La maturità di Thomas lo rende solo più affascinante, ma Brandon è intenzionato ad essere il più professionale possibile ed ignorare i suoi desideri, almeno fino a quando si rende conto di essere ricambiato.

Anche se la differenza di età è rilevante, 25 anni Brandon e 39/40 Thomas, la loro è una storia fra due uomini adulti e consapevoli che, pur con le loro differenze, sono in grande sintonia. Il loro avvicinarsi è lento e costante e il loro rapporto rimane sempre professionale sul lavoro ed intenso e dolcissimo nel tempo libero. Per Thomas è la prima occasione di fidarsi nuovamente di qualcuno, ma è consapevole che la loro relazione ha un tempo ben definito. Brandon è troppo in gamba e presto avrà la possibilità di realizzare i suoi sogni e lui non vuole fare niente che lo possa fermare. Si amano davvero moltissimo ma sono restii a confidarsi i loro sentimenti e questo li porterà a soffrire.

Pur non essendoci grandi colpi di scena il libro si legge in modo scorrevolissimo, i due protagonisti riescono ad attirarsi le simpatie del lettore e i personaggi di contorno rendono tutto ancora più piacevole. Le scene erotiche sono poche e ben inserite nella trama, intense ma non troppo descrittive. Una bella storia in cui l’amore si dimostra più forte della differenza di età, in cui amare significa anche volere che l’altro realizzi se stesso anche se questo lo porta lontano da noi e ci fa soffrire.

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: “Un Alfa ripudiato” di Josh Black

Buongiorno la nostra Beatrice ha scritto per noi ...