Home » Recensione libri » Recensione in anteprima: DURO COME IL GHIACCIO di R.C. Stephens Serie: Big Stick #1

Recensione in anteprima: DURO COME IL GHIACCIO di R.C. Stephens Serie: Big Stick #1

Titolo: DURO COME IL GHIACCIO
Titolo Originale: Big Stick
Serie: Big Stick #1
Autrice: R.C. Stephens
Genere: Sport Romance
Editore: Triskell Edizioni

1. Duro come il ghiaccio
2. Butt Ending
3. Dirty Swedish Player

L’hockey è la mia vita, una grande parte della mia vita. C’è una fila infinita di donne fuori dalla mia porta e ho la fortuna di giocare in squadra assieme al mio migliore amico di sempre, Oli. Tutto è perfetto… fino a quando non rivedo lei. La sorella gemella di Oli, Flynn, che… non può vedermi. E non la biasimo: le riporto alla memoria la peggiore notte della sua vita.

Ora che è la mia vicina di casa, vederla ogni giorno mi uccide lentamente. Mi chiedo se potremo mai tornare amici. Il modo in cui mi guarda a volte, beh… diciamo che, quando succede, il mio bastone da hockey non è l’unica cosa dura.

Però, se scoprisse il mio segreto, il perdono sarebbe di sicuro l’ultima cosa a cui penserebbe.

Care fenici, ho letto per voi in anteprima Duro come il ghiaccio e non vi nascondo che la copertina ha avuto un ruolo importante nella scelta, secondo me… lui è tanta roba! Il titolo dice tutto, Duro… come il ghiaccio, non fraintendetemi!
È un romance sportivo contemporaneo e l’hockey su ghiaccio è un genere di sport che, non conoscendolo bene, mi intriga particolarmente, quasi quanto lui!
Flynn Russell, la nostra protagonista, scopre che il fidanzato la tradisce proprio nello studio legale dove lavorano come avvocati. Si ritrova così, umiliata e distrutta dal dolore a trasferirsi da Oliver, il fratello gemello che abita per fortuna nella sua stessa città, Chicago.
Purtroppo però questa convivenza la porta a vivere accanto a Myles Sander, vicino di casa, miglior amico e giocatore, insieme a Oliver, di hockey su ghiaccio. Lui però, è anche l’ex miglior amico di Flynn e il fatto che i due non si parlino da sette anni, è un problema.
Myles Sanders è un ragazzone sicuro di sé e molto sexy, ambito da tutte le donne ma con un debole per Flynn che cerca di reprimere in tutti i modi.
Flynn è un avvocato in carriera ed è, secondo me, la vera dura della situazione, soprattutto per il carattere composto e tutto d’un pezzo che dimostra inizialmente. In realtà è una ragazza che con la sua facciata professionale e composta, ha nascosto le sue paure e fragilità. Il dolore per la perdita prematura dei genitori, avvenuta in un incidente stradale dove alla guida c’era Myles, non è stato mai elaborato e se lo porta dentro inevitabilmente.
L’elettricità sessuale che si percepisce quando i due protagonisti sono nella stessa stanza è forte, ma è evidenziato molto di più il legame affettivo e sensuale che li caratterizza. Si percepisce fin dalle prime battute che tra di loro c’è un sentimento potente. L’autrice è brava a farci sospirare e cercare di capire da dove proviene e da quando è presente questo amore. È un romanzo intenso e per niente scontato, con uno scavo psicologico approfondito dei protagonisti che, essendo amici d’infanzia, hanno un passato doloroso in comune. Le loro vicissitudini vengono svelate pian piano durante il racconto e chiariscono le varie dinamiche, poco chiare, presenti all’inizio del libro.
I personaggi secondari sono interessanti e sicuramente li ritroveremo, essendo questo il primo libro di una serie. Slone, la migliore amica di Flynn è intrigante e molto spassosa, ma anche il fratello gemello devo dire che non è niente male, anche perché ha un carattere praticamente opposto a quello della sorella, più scanzonato e libertino.
La lettura è scorrevole e coinvolgente poiché la storia è raccontata dal punto di vista di entrambi i protagonisti, così come sono via via intitolati i vari capitoli del libro.
Riusciranno a combattere i fantasmi di un doloroso passato? È arrivato il momento per Myles di giocare la partita più importante della sua vita!

Myles diceva sempre che dovevamo combattere sul ghiaccio. Il pattinaggio era il modo in cui comunicava meglio i suoi sentimenti.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

ladykira

Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento