Home » Recensione libri » Recensione: Impronte del passato – Serie: Second Chances #2 di Felice Stevens

Recensione: Impronte del passato – Serie: Second Chances #2 di Felice Stevens

 

Titolo: Impronte del passato

Serie: Second Chances #2

Autore: Felice Stevens

Editore: Triskell

Genere: romance mm

Target:+16

Data di pubblicazione: 19 dicembre 2022

 

  • La lista
  • Impronte del passato
  • Beautiful Mistakes

È accaduto proprio come in un film: i loro occhi si sono incrociati e si sono innamorati.
Nove anni dopo, il rapporto tra Chess e André è invidiato da tutti i loro amici.
Ma questa è la vita vera… e le cose non sono mai come sembrano.

Le apparenze ingannano, però… meglio nascondere l’orribile passato di Chess. Si è impegnato duramente per cancellare l’adolescente di un tempo e ora vive un’esistenza che mai avrebbe immaginato. L’amore di André è un dono che lo spinge a credere nelle seconde occasioni, e Chess è grato per ogni singolo giorno. L’unica cosa che desidera è qualcosa che però André non riesce a donargli: il suo tempo. Sei mesi lontani potrebbero essere il limite di sopportazione, anche per Chess.

Una notte orribile ha cambiato per sempre la vita di André. Ex festaiolo della scena mondana degli Hamptons, André si tuffa nel lavoro per anni finché non incontra Chess e impara a godersi le piccole cose della vita. È stanco di stare sempre lontano da casa ed è pronto a rinunciare al ruolo di amministratore delegato della società di famiglia, non importa quanto loro insistano. Tuttavia, le vecchie abitudini sono dure a morire… così come lo sono anche i ricordi.

Foto del passato e del presente sono pronte a sconvolgere la loro vita costruita con tanta cura.
Sono costretti ad affrontare l’inimmaginabile: l’amore che pensavano che sarebbe durato per sempre è sul punto di crollare. Vengono a galla segreti che aprono un vaso di Pandora che entrambi preferirebbero restasse chiuso per sempre. Adesso Chess e André si trovano di fronte alla domanda più complicata: si conosce mai sul serio la persona con cui si vive?

 

Recensione senza spoiler

Basta uno sguardo ad André e Chess per innamorarsi. Un solo attimo e le vite di entrambi cambiano completamente. Si incontrano a un evento universitario. Chess è lì per completare un dottorato di ricerca che gli permetterà di diventare professore di storia e, alla festa, scambia André per un cameriere. Lui sta al gioco, perché quel ragazzo è la sola nota di luce in una serata noiosissima. L’uomo in realtà è l’erede di una facoltosa famiglia ed è anche uno degli amministratori fiduciari dell’università. Dopo poche parole scambiate tra quella folla che per entrambi, una volta incrociati gli sguardi, non esiste più,  vanno via insieme.

 

“Ho la sensazione che sarai l’ultimo uomo a cui chiederò un appuntamento.”

L’insinuazione nelle sue parole sconvolse Chess, che senza proteste permise ad André di prenderlo per mano e accompagnarlo fuori dalla porta. Salirono nella limousine che attendeva, e Chess era perfettamente consapevole che stringeva ancora la mano di André.

 

Da quella sera sono trascorsi nove anni che li hanno visti completamente innamorati l’uno dell’altro, anche se la distanza geografica è stata spesso difficile da sopportare. Il lavoro li ha divisi per ben sei mesi, con André in Svizzera a occuparsi degli affari di famiglia, e Chess a New York, nella loro casa che, con l’assenza del compagno è sempre più fredda e triste. Quando André riesce finalmente a tornarvi,  i due partono per una vacanza che dovrebbe essere il preludio di una felicità assoluta. Ma entrambi celano segreti e tormenti nel cuore. Chess ha avuto una vita difficile: abbandonato dal padre e con la madre morta di overdose quando era ancora un ragazzino, ha dovuto affrontare momenti difficili e sofferti. Sì è buttato tra le braccia di chiunque, per necessità a volte, e non si è mai legato a nessuno… prima di incontrare André.

 

Nella sua vita Chess non aveva fatto altro che avere rapporti puramente carnali con un uomo. Non c’erano mai state conversazioni su speranze e sogni perché lui non ne aveva. Era facile perdersi nel desiderio e nel sesso. Chiudere gli occhi e lasciare che il dolore svanisse con quel piacere momentaneo. Non sarebbe stato possibile con un uomo come André Webster, che con quegli occhi penetranti attraversò le barriere che si era costruito attorno e trovò un luogo che nessun altro era riuscito a raggiungere.

 

André è un uomo ricco, che negli anni non ha disdegnato affatto la bella vita e gli eccessi, in tutti i sensi, fino a che un tragico incidente gli ha strappato il suo migliore amico e, da quel momento, è cambiato. Si è dedicato anima e corpo al lavoro ma, da quando c’è Chess nella sua vita, è tornata la luce, la speranza, la felicità.

 

Fin dal primo momento aveva capito che Chess sarebbe stato l’uomo con cui avrebbe trascorso il resto della vita. Forse era stata la luce nei suoi occhi o il sorriso dolce. Aveva solamente capito che con Chess non ci sarebbero stati sotterfugi né secondi fini. Parlava con il cuore in mano. E gli anni trascorsi insieme gli avevano dato ragione…ogni giorno con Chess era un’altra giornata all’insegna dell’amore.

 

La loro felicità è però in pericolo a causa di quello che entrambi non hanno il coraggio di confessare all’altro del proprio passato e, anche di qualcuno che trama nell’ombra per separarli. La narrazione alterna il presente con flashback del passato con cui veniamo a conoscenza di eventi significativi della vita di André e Chess. Una narrazione appassionante e, attraverso i pov alternati, ci apre il cuore dei protagonisti, ci fa conoscere pensieri, paure e sentimenti di due uomini che vivono di paure e rimpianti ma anche di un amore assoluto che sperano possa bastare per superare tutti gli ostacoli, le omissioni, che ne oscurano la felicità. Ho amato la storia, l’impronta tormentata e i protagonisti così imperfetti, inquieti, angosciati ma totalmente limpidi nell’amore che provano. Belle le atmosfere sofisticate che li circondano e i vari personaggi che li affiancano. I momenti tra loro sono teneri, dolci e molto appassionati.

 

“Quella sera, quando mi hai guardato, ho visto la tua anima e mi ha parlato. Ho visto noi due riflessi nei tuoi occhi, e tutto il resto è svanito. Sei sempre stato tu.”

 

Un perfetto connubio tra romanticismo, scene hot molto seducenti, intrighi, momenti malinconici e travagliati e dialoghi smaglianti, per un second chance romance intrigante e scritto magnificamente.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

ludovais

Lascia un Commento