Home » Recensione libri » Recensione: “Il canto del cigno” di Roberta Purisiol

Recensione: “Il canto del cigno” di Roberta Purisiol

Titolo: Il canto del Cigno
Autore: Roberta Purisiol
Editore: Self Publishing
Genere: Romanzo rosa storico
Data di pubblicazione: 04 aprile 2020

Una storia toccante, immensa, che ripercorre il periodo rinascimentale e giunge a noi lungo i sentieri del cuore che ripercorrono la vita.
La leggenda narra che quando un cigno sta per morire innalza il suo canto più bello. Un canto lungo un’intera vita, quello narrato da Roberta Purisiol ne Il Canto del Cigno. Le sue parole sono le scelte e i pensieri di Nena, i ricordi malinconici di una donna consapevole dell’approssimarsi del suo ultimo viaggio. Il suo sguardo si volge al passato, a ricordare la sua fuga dalla povertà e asprezza della vita in Friuli, fino a giungere a Venezia. Siamo nel pieno Rinascimento, tra il 1563 e il 1571.

La Repubblica Veneziana attraversa uno dei momenti più importanti della sua storia e, dopo un’ascesa costante, si ritrova sull’orlo del declino. Qui Nena tenta con tutte le sue forze di abbondare alle sue spalle il passato di fatiche e lavoro nei campi per riuscire a farsi strada nell’alta società Veneziana. In una storia contraddistinta da passioni, amicizie, dolori e giochi d’amore, si accorgerà che non sempre ottenere tutto quello che si vuole è auspicabile.

Perché leggere questo romanzo d’amore storico

Questo libro è uno di quei romanzi rosa che ti conquistano dalla prima all’ultima pagina. Una storia d’amore complicata e piena di passione, raccontata attraverso le scelte coraggiose della protagonista. Molto più che un semplice harmony.
Il canto del Cigno è una lettura che ti conquisterà fin dalle prime pagine!

Ho impiegato alcuni giorni per maturare le sensazioni accumulate nella lettura di questo romanzo prima di affrontare questa recensione. Il canto del cigno è un romanzo molto triste e malinconico dove la protagonista, da povera contadina vedova, decide di tentare il tutto per tutto e andare a Venezia. Nena, questo il suo nome, è una giovane bella e raffinata che, nonostante le origini modeste, si contraddistingue soprattutto per il carattere forte e altezzoso che non le ha mai permesso di mischiarsi ai suoi pari.

Arrivata dopo un viaggio avventuroso in città, ne rimane colpita e abbacinata per la vita che vi si respira e mentre vaga affamata, sporca e stanca per il mercato, fa i primi due incontri della sua nuova esistenza: il giovane Alvise e un ricco mercante che, colpito dalla sua bellezza, la porta a casa sua e ne fa la servente della moglie.

Nena è subito presa a ben volere dall’anziana e nobile signora che le insegna le buone maniere e la trasforma in una dama a modo. Purtroppo, l’amaro destino che contraddistingue la vita della protagonista si accanisce su di lei e fa sì che il vecchio benefattore si riveli un violentatore e un satiro da cui Nena sarà costretta a fuggire, finendo in un bordello. In questo luogo di piacere, Nena salirà tutti i gradini che la porteranno a divenire una delle donne più invidiate di Venezia.

La sua ascesa sociale passerà attraverso lutti gravissimi, soprusi e la perdita del suo unico e grande amore. Rimasta sola, sebbene ricca, solo nel finale del romanzo l’autrice lascia intuire una speranza nella vita di questa donna.

Romanzo storico vero e proprio, la storia di Nena ci parla di un’epoca in cui Venezia era una città ricca e rispettata che nascondeva nei suoi calli il marciume della sua società più nobile. Un’epoca in cui la donna era solo un oggetto di piacere, un premio da esibire e un corpo da abusare. Nena è il prototipo della donna che ambisce a elevarsi con tutti i mezzi a disposizione, che rinuncia persino al vero amore e al proprio figlio pur di diventare la moglie di un uomo di rango elevato, che separa passione e sensualità dalla necessità di sapersi vendere bene e a caro prezzo.

Nonostante la vicenda ci racconti di un’epoca che non c’è più, Il canto del cigno trasmette un grande senso di solitudine comune anche ai giorni nostri e Nena potrebbe benissimo figurare come protagonista di un moderno romanzo contemporaneo.

Attualissimo.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: Il canto del Cigno Autore: Roberta Purisiol Editore: Self Publishing Genere: Romanzo rosa storico Data di pubblicazione: 04 aprile 2020 Una storia toccante, immensa, che ripercorre il periodo rinascimentale e giunge a noi lungo i sentieri del cuore che ripercorrono la vita. La leggenda narra che quando un cigno sta per morire innalza il suo canto più bello. Un canto lungo un’intera vita, quello narrato da Roberta Purisiol ne Il Canto del Cigno. Le sue parole sono le scelte e i pensieri di Nena, i ricordi malinconici di una donna consapevole dell’approssimarsi del suo ultimo viaggio. Il suo sguardo…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento