Home » Recensione libri » Recensione: Ops, ho baciato un’elfa! di Francesca Palamara

Recensione: Ops, ho baciato un’elfa! di Francesca Palamara

 

 

Titolo: Ops, ho baciato un’elfa!

Autore: Francesca Palamara

Editore: Self Publishing

Genere: Romanzo rosa

Target: 16+

Data di pubblicazione: 13 Dicembre 2022

 

Zack Williams è il più ricercato avvocato di New York, la sua fama di squalo in tribunale lo precede. Ha una modella per fidanzata dedita alla vita mondana e pensa che le festività natalizie siano solo un pretesto per scambiarsi doni costosi.
Questo fino a quando la sua lussuosissima macchina non si scontra con quella di Elalith, un’elfa che sembra approdata direttamente dal Circolo Polare Artico.
Lei è una ragazza che non ha perso ancora la speranza nella magia del Natale, nonostante la vita l’abbia messa di fronte a mille difficoltà e privata degli affetti più cari sin da neonata. Lith aspetta il Natale proprio come faceva da bambina: con gli occhi rivolti al cielo in una muta preghiera che almeno quest’anno avvenga un piccolo miracolo. Non sa però che il suo miracolo ha occhi color cioccolato e va in giro per le strade di New York in giacca e cravatta.
Zack perderà la testa per quell’elfa che lo ammalia sin dal primo sguardo. Lith però, questa volta, rischia di perdere il cuore…
Tra luci scintillanti, un immenso albero illuminato e nuove amicizie Lith e Zack capiranno quanto è importante vivere il Natale circondandosi di ricordi che resteranno imprigionati tra mente e cuore.

 

 

 

Salve mie fenici, 

oggi parleremo di un romanzo che ben si adatta alle stagioni (e giornate) più fredde. Parlo del romanzo di Francesca Palamara: se amate le ambientazioni natalizie, le atmosfere tipiche dei film in stile Hallmark, allora proseguite la lettura.

La storia narra le vicende di Zach e Elàlith, letteralmente agli antipodi della classe sociale: lui un avvocato famoso a New York e lei una ragazza semplice che sbarca il lunario lavorando come elfa al Rockfeller Center (uno dei tanti impieghi che svolge).

Cosa hanno queste due anime di così speciale? Cosa impareranno l’uno dall’altra? E, soprattutto, cosa accadrà?

Se devo essere onesta, il personaggio che più mi ha affascinata è senza dubbio Zach. Sarà che siamo abituate alle ragazze semplici ma speciali, eppure l’evoluzione della presa di coscienza del protagonista maschile sul proprio modo di essere è stata una sorpresa, soprattutto per la velocità. La mattina svolge la sua routine ammirando quanto tutto sia perfetto e sotto controllo, come ci si aspetta da un avvocato scrupoloso del suo calibro. Macchina invidiabile, orologio costosissimo offerto “non” a sorpresa dalla fidanzata che fa la modella – anche se dalla voce fastidiosa. Tuttavia, basta un incidente a fargli mettere in discussione ogni cosa: la sua vita, i suoi ideali, il suo credo. Inoltre, la storia nascosta dietro alla patina di perfezione mi ha catturata.

Lith, nome splendido a mio parere, mi è piaciuta per la profondità del suo carattere. Ne ha passate di cotte e di crude, eppure, nonostante tutto, è ancora ricca di speranza, amore e una sana dose d’impazienza di fronte alle sue sfortune, che caratterizzano questo personaggio frizzante dalle molteplici sfaccettature. Non ha la stessa evoluzione di Zach, però a suo modo impara anche lei una realtà nuova, oltre a lasciarsi andare.

Ho trovato un po’ scontati i personaggi nell’entourage e forse mi aspettavo maggiori spiegazioni delle loro storie, specie per quanto riguarda Tobias e Mark – che secondo me giocavano un ruolo importante nella storia e avrebbero meritato più di pagine. In ogni caso, ho amato la descrizione del loro amore.

Il romanzo nel complesso è scorrevole, a tratti ha ritmi veloci per quanto riguarda la parte sentimentale. Ciò che preferisco e senza dubbio il loro incontro. Inoltre, è scritto dal punto di vista di entrambi i protagonisti, cosa che apprezzo particolarmente.

Se amate le coperte calde, la cioccolata o una bevanda di conforto, questo libro è l’ideale per tenervi compagnia. Tratta con delicatezza temi importanti, come le differenze di ceto sociale, la violenza sulle donne e il circuito delle adozioni, pur mantenendo la promessa di una dolce storia d’amore con un tocco piccante che non guasta mai.

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Vale

Lascia un Commento