Home » Recensione libri » Recensione: “Inseguendo l’amore” di Terri E. Laine (serie Chasing Butterflies #1)

Recensione: “Inseguendo l’amore” di Terri E. Laine (serie Chasing Butterflies #1)

Care Fenici, oggi Lucia ci parla di “Inseguendo l’amore” di Terri E. Laine

Cover realizzata da Heaven Tonight

La tragica vita familiare di Kelley Moore dovrebbe averlo reso un sopravvissuto. Ma quando questa viene stravolta nuovamente, i suoi piani per un futuro migliore sembrano irraggiungibili. Essere un giocatore dentro e fuori dal campo di football è tutto quello che conosce, fino a Lenora Wells. La bellissima ereditiera gli fa provare e volere cose che mai avrebbe pensato di poter avere.
Lenora farebbe qualsiasi cosa per scappare dalla sua città, anche uscire con la persona sbagliata. C’è solo un problema: non riesce a smettere di pensare al bellissimo ma complicato ragazzo, con quegli occhi così singolari, che le fa sentire le farfalle nello stomaco e le fa mettere in discussione le sue scelte. Quando le loro vite si scontrano, il mondo cambia e non in loro favore, ma quattro anni dopo, al college, con davanti un’altra realtà, e una seconda possibilità per ottenere qualcosa di meglio, dovranno fare i conti con i loro errori e non sarà semplice perdonare. Lei non è più la ragazza di un tempo e lui è l’unico ragazzo che lei non è mai riuscita a dimenticare.
Kelley è diventato un quarterback famoso, il ragazzo d’oro che non sbaglia mai, ma è interessato solo a diventare il suo eroe.
Nonostante tutto, Lenora non può negare che lui le faccia ancora battere il cuore e farà di tutto per convincerlo a inseguire i suoi sogni.

«Vai via, Len. Perché, se rimani, ti mostrerò con precisione quanto posso farti sentire bene.» Esitai, consapevole che lui fosse dietro di me. Sembrava che non mi avrebbe fermato. Mi girai verso di lui. «Dannazione, Len. Oggi è il mio compleanno e non ho nessuna candelina su cui soffiare. Sai cosa ho ricevuto?» Sembrava al limite, il pericolo che si irradiava da ogni muscolo contratto del suo corpo. Scossi la testa. «Mio padre mi ha regalato delle costole contuse e un naso quasi rotto. E quello che vedo adesso di fronte a me è un regalo molto bello, che non vedo l’ora di scartare. E, chiedi a Debbie, non sono un giocattolo, Len. L’unico tipo di gioco che voglio fare con te è il twister, nudi, a carponi. Quindi ti consiglio di scappare, prima che decida di non lasciarti più andare.» Tutto quello che aveva detto avrebbe dovuto spaventarmi, ma non fu così. Avevo una strana sensazione tra le gambe. Alla fine la ragione ebbe la meglio e mi ricordai di avere il coprifuoco. Inoltre, sapevo che avrei perso la cognizione del tempo, se fossi rimasta con lui.”

Non amo in modo particolare i romanzi YA, ma il personaggio di Kelley è stato costretto a sviluppare una maturità tale, che fa spesso dimenticare che ci troviamo, nella prima parte del libro, al liceo e successivamente, con un salto di quattro anni, al college. Conosciamo Kelley bambino, durante una delle tante situazioni orribili, che è da sempre costretto a vivere: un padre violento che quando è ubriaco picchia la madre. Ma con lui c’è suo fratello Sandy, il suo eroe, l’unico che riesce a frapporsi fra i genitori e costringere il padre a lasciare perdere. Anni dopo però la vita lo ha privato del fratello e lui e la madre vivono ancora lo stesso dramma. Kelley non è ancora abbastanza forte per opporsi al padre, ma è così coraggioso da prendere i pugni al posto della donna. Purtroppo, il destino non ha ancora finito di prendersela con lui, per loro c’è un altro trasferimento in cerca di una cura per la malattia dell’unica persona che lo abbia amato, oltre a Sandy. Quello che si lascia dietro è il suo desiderio di potersene andare con una borsa di studio per il Football: il suo biglietto da visita per una vita diversa, al college, lontano da quel padre così miserabile. Ad attenderlo nell’altra scuola c’è un nuovo sogno, Lenora, una ragazza bellissima che però è fidanzata infelicemente con Ox, il più ricco del paese, un po’ bullo e molto possessivo.  Se il padre di Kelley è violento, quello di Lenora è avido, ambizioso e ha messo sulle spalle della figlia il benessere della famiglia.

La loro dovrebbe essere una storia impossibile, invece per qualche tempo sono felici, ma le loro strade sono destinate a dividersi e quando si rivedranno quattro anni dopo le vite di entrambi sono davvero cambiate.

I personaggi di questa storia sono di quelli che ti entrano nel cuore, Kelley per primo, un ragazzo che ha dovuto convivere con la violenza fin dall’infanzia, che ha visto sua madre lavorare duramente per mantenere la famiglia, mentre il padre ubriaco perdeva lavori su lavori e sfogava la sua rabbia su di loro. Ha tentato invano di convincere sua madre a lasciare quell’uomo incapace, ma non è mai riuscito a farle rinunciare a quell’amore malato.

Odiavo la mia vita, quella che ero costretto a vivere. Mio padre sfogava la frustrazione nei confronti della vita su di me e sulla mamma e lei lo amava troppo per lasciarlo. Se quello era l’amore, non volevo averci nulla a che fare.

Quando incontra Lenora tenta di restarle lontano, non intende mettersi nei guai, ma lei piano piano si introduce nei suoi pensieri e riesce a perforare la corazza che ha intorno al cuore. D’altra parte, Ox non intende perdere quella ragazza che ha fatto di tutto per avere e che considera di sua proprietà. Anche Lenora, come Kelley, aspetta il momento in cui potrà andarsene al college, lasciando quel paese che le va stretto e quel fidanzato che non ha mai amato ma che, nonostante tutto, si è sempre comportato bene con lei. Non era sua intenzione diventare l’oggetto del desiderio del ragazzo più ricco e popolare della scuola, lo ha sempre respinto, fino a quando gli affari del padre non hanno cominciato ad andare male e i suoi genitori l’hanno pregata di essere gentile con lui. Ora si sente in trappolata, fino al momento in cui i suoi occhi incontrano quelli di Kelley e per la prima volta capisce di essere innamorata. Però i suoi genitori hanno piani ben precisi per lei. È una ragazza forte, che sa quello che vuole, ma le sue scelte, dopo la loro separazione, la cambiano e la metteranno in una situazione insostenibile.

È una storia d’amore molto dolce e romantica quella di questi due ragazzi, non priva però di piccanti e ardenti scene di sesso. L’unica pecca trovata nel libro è la fretta con cui tutto viene gestito nella parte che riguarda il college. I grandi cambiamenti, che sono avvenuti nelle loro vite, meritavano un approfondimento maggiore. Anche il loro rapporto avrebbe avuto bisogno di più tempo per crescere davvero, così come è stato troppo facile liberarsi di ogni problema. Nonostante questo, è un libro che si legge con grande piacere, la scrittura dell’autrice è davvero bella e i personaggi che contornano la coppia la rendono ancora più interessante. E questo vale anche per i personaggi meno simpatici che l’autrice ha tratteggiato splendidamente. È stata brava anche nel parlare di un argomento così importante come l’abuso, riuscendo a farlo senza rendere il tutto troppo carico di angoscia.  Una serie cominciata in modo davvero interessante e che invoglia a conoscere ciò che accadrà nel prossimo libro a Change e Brie.

 

 

StaffRFS

StaffRFS