Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione The Walking Dead: World Beyond 1×05

Recensione The Walking Dead: World Beyond 1×05

Continuano le avventure dei protagonisti di The Walking Dead: World Beyond. Eravamo rimasti qui.

Vediamo come la pensa Eleonora sulla nuova puntata, la 1×05 “Un folle attraversa il fiume”.

World Beyond

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

Bentornati Fenici in questa strana versione di The Walking Dead con pochissimi walking dead. Si può definire così? Direi di sì.

Con World Beyond sembra di stare su Disney Channel, o Nickelodeon o in uno di quei canali che fanno serie TV inguardabili per adolescenti, solo che qui è tutto sui toni del grigio, del marrone e del morto.TWD Wordl Beyond

Il gruppo giunge su una riva random del Mississippi, e già qui inizia una folle discussione sulla direzione da prendere: come nella serie madre, anche qui la geografia è un’opinione e difatti attraversando il fiume si può tornare al Campus, come raggiungere New York.

Non so.

Comunque Hope sente Felix e trama sul rientro con Huck e finalmente scopre le vere intenzioni dei due adulti; ne consegue una lagnosa ed estenuante sequela di conversazioni senza capo né coda, ma almeno concordano sul costruire/restaurare una barca. Poi qui abbiamo a che fare con delle volpi, quindi invece di remare come qualsiasi altra persona normale priva di mezzi, costruiscono quello che sembra essere un motore a vapore.

Il punto focale dell’episodio è la storia di Elton. Quando il cielo è caduto si trovava con suo padre al museo di storia naturale, nel seminterrato, a esaminare reperti; come tutti i genitori di The Walking Dead, anche il suo è un cretino patentato (anche se affettuoso) che decide di lasciare un bambino di cinque anni in una cassa, all’interno di quella che sembra una stanza blindata o perlomeno rinforzata, visto il prezioso contenuto, per uscire e “andare a controllare”.

Neanche ve lo dico quanto sia stata demenziale la sua idea.

Il povero Elton resta lì per un tempo indefinito, terrorizzato dai rumori esterni e dallo spazio angusto. Quando finalmente sembra esserci silenzio decide di uscire, e la prima cosa che vede fuori dalla porta è suo padre mezzo mangiato, con un buco in testa.

Il piccolo si allontana da lui, afferra una borsa ed esce dal museo per dirigersi verso il punto indicato nelle mappe che trova disseminate sui marciapiedi, in mezzo ai cadaveri.

TWD Wordl Beyond

Boh. Neanche un Avenger avrebbe reagito in modo tanto calmo.

In ogni caso questa esperienza sconvolgente ha degli strascichi molto pesanti, come è giusto, che si traducono, tra le altre cose, in una forte claustrofobia che mette in difficoltà Elton quando deve far ripartire il motore dell’imbarcazione.

Purtroppo, se escludiamo per un attimo la sua storia, il resto dell’episodio resta la solita noia.

Ormai i morti si trovano solo rinchiusi all’interno degli edifici, non rappresentano alcun pericolo per i vivi, se non per qualche breve momento, e questo ammoscia da morire la storia: non c’è il conflitto con altre comunità (se non per sporadici attimi), non c’è la strenua ricerca delle risorse, non c’è la sopravvivenza. Sono solo persone che camminano e ciarlano, ogni tanto incontrano un morto e forse potrebbero correre un paio di pericoli, ma giusto per gradire.

Ciò che davvero mi preme scoprire, invece, è chi hanno visto negli ultimi minuti dell’episodio. Pare che fuori dal loro campo ci sia una persona e gira voce che sia nientemeno che Rick Grimes; l’attore che interpreta Felix, infatti, ha scritto su twitter che l’attore col quale ha lavorato più volentieri è Andrew Lincoln, accreditato per un episodio della serie anche su IMDB, che poi ha cancellato.

La produzione nega con veemenza, ma sarebbe un bel colpo per un prodotto che chiaramente non riesce a decollare.

Alla prossima settimana con una nuova puntata di The Walking Dead: World Beyond.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento