Una Serata al Cinema: Sonic

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Data di uscita: 13 febbraio 2020

Genere: Animazione, Avventura, Azione

Anno: 2020

Regia: Jeff Fowler

Attori: James Marsden, Ben Schwartz, Natasha Rothwell, Tika Sumpter, Neal McDonough, Adam Pally, Jim Carrey, Leanne Lapp, Michael Hogan, Frank C. Turner

Paese: Giappone, USA, Canada

Durata: 100 min

Distribuzione: Paramount Pictures

Sonic, film diretto da Jeff Fowler, è incentrato sull’omonimo personaggio dei videogames, l’alieno blu dalle sembianze di un riccio con il potere della supervelocità e, inoltre, sa saltare molto in alto e usare l’energia cinetica per combattere.
L’ufficiale del dipartimento di polizia di San Francisco, Tom Wachowski (James Marsden), diventato sceriffo di Green Hills, nel Montanta, si reca a San Francisco per aiutare Sonic, extraterrestre sfuggito alla cattura del governo grazie alla sua velocità, a sconfiggere uno scienziato pazzo, il Dr. Ivo Robotnik (Jim Carrey).

(fonte Coming Soon)

Oggi vi parlo di Sonic, il film che la Paramount ha prodotto in collaborazione con la Sega (bandite la malizia) proprietaria del famosissimo e vendutissimo gioco. Titolo originale: Sonic the hedgehog (Sonic il porcospino).

È interamente dedicato e strutturato per due precise fasce d’età. I nostalgici degli anni ’80 e ’90 e i bambini sotto i dieci anni, quindi perfetto per i genitori che vogliono approfittare dei figli per andarlo a vedere, un po’ come si fa con i giocattoli.

Per tutti gli altri, soprattutto per chi non conosce il personaggio e non ci ha mai giocato, temo dica molto poco o anche meno.

Lo so, vado contro corrente, tutti osannano il film, ma sinceramente a me è piaciuto poco.

La trama assomiglia molto ai film prodotti per il mercato televisivo, con una quantità sovrabbondante di buonismo e il villan di turno, interpretato da Jim Carrey, alla fine fa più tenerezza che paura.

La prima parte del film è lenta, al limite della noia. Per fortuna la seconda si riprende con alcune battute carine che fanno ridere, anche se già non le ricordo più.

Discorso a sé sono gli effetti speciali. Dopo le innumerevoli polemiche e proteste da parte degli spettatori che hanno avuto la fortuna/sfortuna di vedere il primo trailer, la Paramount ha posticipato l’uscita del film di quattro mesi per sistemare tutti gli effetti speciali, e ha fatto bene. Ora la CGI è quasi perfetta e le imprecisioni sono trascurabili e scappano facilmente all’occhio, soprattutto a quello dei non esperti. Bella, coinvolgente più di tutto il film in sé, ci trasporta nell’imminente futuro della realtà aumentata.

E ora il tasto dolente: Jim Carrey. Dovrei osannarlo, ma non ci riesco.

Robotnik, il villan di turno, nel gioco, a parte essere il cattivo, non ha una personalità precisa e definita, quindi Jim avrebbe avuto la possibilità e la libertà di creare un personaggio tutto nuovo. Invece ci rifila un polpettone stantio di the Mask infarcito di Ace Ventura con una spruzzata di Una settimana da Dio, mancava solo Scemo e più Scemo. Ed è un peccato, perché lui è proprio bravo, impossibile non adorarlo oltre ogni limite quando interpreta il Grinch o l’altro meraviglioso cattivo, il conte Olaf in Lemony Snicket.

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Stay

Recensione Serie Tv: Roswell 2×01 “Stay (I missed you)” – 2×02 “Ladies and Gentlemen We Are Floating in Space”

Progetto grafico a cura di Eve Finalmente Roswell ...