Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Una serata al cinema: Recensione “I moschettieri del re la penultima missione” regia di Giovanni Veronesi

Una serata al cinema: Recensione “I moschettieri del re la penultima missione” regia di Giovanni Veronesi

 

 

progetto grafico a cura di Marina

DATA USCITA: 27 dicembre 2018
GENERE: Commedia
ANNO: 2018
REGIA: Giovanni Veronesi
ATTORI: Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo, Sergio Rubini, Margherita Buy, Alessandro Haber, Matilde Gioli, Giulia Bevilacqua, Lele Vannoli, Valeria Solarino, Luis Molteni, Roberta Procida
PAESE: Italia
DURATA: 109 Min
DISTRIBUZIONE: Vision Distribution

Trama fonte Coming Soon

In Moschettieri del Re, il film di Giovanni Veronesi, ritroviamo, un po’ invecchiati, i quattro eroi creati da Alexandre Dumas: D’Artagnan (Pierfrancesco Favino), Athos (Rocco Papaleo), Aramis (Sergio Rubini) e Porthos (Valerio Mastandrea). Oggi sono un allevatore di bestiame sgrammaticato, un castellano lussurioso, un frate indebitato e un locandiere ubriacone, che per amor patrio saranno di nuovo moschettieri.
Un po’ attempati, cinici e disillusi, ma sempre abilissimi con spade e moschetti, richiamati all’avventura dopo oltre vent’anni dalla Regina Anna (Margherita Buy) per salvare la Francia dalle trame ordite a corte dal perfido Cardinale Mazzarino (Alessandro Haber) con la sua cospiratrice Milady (Giulia Bevilacqua).
Affiancati nelle loro gesta dall’inscalfibile Servo (Lele Vannoli) muto, e da un’esuberante Ancella (Matilde Gioli), i quattro – in sella a destrieri più o meno fedeli – combatteranno per la libertà dei perseguitati Ugonotti e per la salvezza del giovanissimo, parruccato e dissoluto Luigi XIV. Muovendosi al confine tra eroico e prosaico, i nostri si spingeranno fino a Suppergiù, provando a portare a termine un’altra incredibile missione. Difficile dire se sarà l’ultima o la penultima.

Non amo molto la commedia italiana, non so perché, ma ho sempre l’impressione che sia un gradino più in basso (opinione personalissima e discutibile) rispetto a quella Americana, salvo poche eccezioni e questo film è una di quelle. Tremo al solo pensiero che se non avessi amato così tanto i Moschettieri, mi sarei persa questa chicca, contro ogni aspettativa ho riso moltissimo, non in qualche scena, ma quasi per l’intera durata del film, quando sono apparsi i titoli di coda ero quasi incredula, dire che è stato esilarante non rende l’idea. Per una volta il trailer ha mantenuto le promesse.

Favino, Mastandrea, Papaleo e Rubini in questa pellicola si sono superati, a dire il vero non li ho mai seguiti molto, nelle poche pellicole in cui li ho visti interpretavano ruoli più seri, anche se Favino e Mastandrea li ho sempre associati a Gassman e ad alcuni attori italiani più famosi.

Ho anche apprezzato molto la scelta del regista di usare come colonna sonora alcune delle canzoni di uno dei mostri sacri della musica italiana: Celentano; il contesto in cui sono state inserite hanno solo incrementato la mia ilarità fino a farmi piangere dalle risate.

Unica pecca, se così si può dire, è stata la scelta fatta dagli sceneggiatori verso la fine del film, sono consapevole che è stata necessaria per distinguerlo dagli altri e dare anche una spiegazione e un senso a quanto accade. Ve lo devo dire, è stato un colpo al cuore, ho avuto proprio una sensazione di gelo, e dopo tutte le risate, in un attimo torni bruscamente alla realtà!

Una pellicola che consiglio a tutti di vedere.

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Sith

Recensione film cult: Star Wars episodio III “La vendetta dei Sith”

Progetto grafico a cura di Stefania Vasques Tanto ...