Home / Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm / Una Serata al Cinema: Dragon Trainer – Il mondo nascosto

Una Serata al Cinema: Dragon Trainer – Il mondo nascosto

Il mondo nascosto

Progetto grafico a cura di AstreaLux

DATA USCITA31 gennaio 2019

GENEREAnimazione, Azione, Avventura, Commedia

ANNO2019

REGIADean DeBlois

ATTORIKit Harington, America Ferrera, Gerard Butler, F. Murray Abraham, Cate Blanchett, Craig Ferguson, Jay Baruchel

PAESEUSA

DURATA104 Min

DISTRIBUZIONE: Universal Pictures

 

Quella che era iniziata come un’improbabile amicizia tra un vichingo adolescente e un temibile drago della razza Furia Buia è diventato una epica trilogia che ne racconta le vite. In Dragon Trainer 3: Il Mondo Nascosto, nuovo, e ultimo capitolo della saga, Hiccup e Sdentato scopriranno finalmente i loro veri destini: il capo villaggio sarà il governatore di Berk al fianco di Astrid, e il drago sarà invece capo della sua specie.
Mentre entrambi si avviano verso il loro glorioso futuro, la loro amicizia verrà messa a dura prova quando si troveranno a dover fronteggiare la minaccia più oscura di sempre, insieme all’entrata in scena di un drago Furia Buia femmina.

 

 

Eccoci giunti all’epilogo di questa affascinante, avventurosa e commovente storia animata.

Ho amato questi film, ognuno per una serie differente di motivi. Principalmente ciò che li accomuna è il grande legame presente tra la furia buia, Sdentato, un drago eccezionale e unico (così pareva sino ad oggi) e il timido, insicuro umano, Hiccup, che instaura con lui un imprinting emozionale che li unirà per la vita. I due cresceranno insieme.

In questo ultimo episodio, conclusione di una trilogia meravigliosa, il tema di fondo è l’amore, un sentimento che non conosce differenze di genere, non discrimina e può essere motore di grandi imprese. Chiedetevi: cosa non fareste voi per amore? Sono certa che il vostro cuore conosce già la risposta; ciò che potrebbe non essere scontato invece, è comprendere che in situazioni estreme ognuno di noi sa estrapolare una forza interiore che mai avrebbe sospettato di possedere, superando i propri limiti in nome dell’amore o del benessere di chi si ama.

Questa trilogia ha accompagnato la crescita dei miei due figli che, insieme a me, hanno goduto dell’esperienza cinematografica. Non pensate nemmeno per un secondo di aspettare che esca il dvd, perché le scene di volo, i paesaggi incantati e la magnificenza della visione di insieme del mondo nascosto, va vissuta sul grande schermo e non potrà mai essere paragonabile al formato televisivo.

I bimbi sono cresciuti, così come i personaggi, che anche questa volta devono affrontare sfide e battaglie, ma soprattutto fare i conti con il divenire adulti, iniziando a percepire il senso di responsabilità che ognuno di noi ha verso chi ama, compiendo delle scelte cruciali anche se strazianti.

Hiccup è ora capo del villaggio di Berk e deve prendere una grande decisione se vuole salvare, come si propone, tutti i draghi in cattività. Lui e il suo gruppo di amici ingaggeranno diverse battaglie per liberarne il più possibile. C’è stata un’evoluzione tecnologica dal precedente capitolo: ora tutti i guerrieri, i cittadini e persino le pecorelle del villaggio J sono dotate di una protezione ignifuga super ingegnosa: le scaglie di drago!! Fantastica trovata, accolta in sala da un coro di oooohhh meravigliati. Scopriamo che i draghi fanno la muta così come altri animali: è sufficiente raccogliere le loro scaglie e procedere alla preparazione dei manufatti.

Grazie a ciò i guerrieri si scopriranno indomiti; capitanati da Hicupp, che sfoggia una spada di fuoco e cavalca Sdentato attraversano le fiamme incolumi per raggiungere e liberare i draghi dalle catene o dalle gabbie.

Ovviamente, come in ogni storia, ci sono i cattivi, coloro che non vorrebbero affatto smettere di cacciare i draghi. Riuniti, dopo l’ennesima sconfitta da parte della banda di Berk, ingaggiano Il cattivo, colui che avrebbe il compito di farci tremare e morire di ansia. Beh, devo dire che così temibile non mi è parso; il personaggio è sopra le righe, leggermente folle e le scene in cui progetta la fine di Berk e la cattura di Sdentato, talvolta sono risultate ironiche e pregne della demenzialità dei cattivi non cattivi dei cartoon; minacce che non arrivano alla pancia di chi guarda ma restano sospese e si attende di vedere come i nostri eroi sapranno, certamente, sconfiggerlo.

Non penso che questa figura semi-cattiva sia finita lì per caso. Sono invece convinta che la sua presenza aiuti a incentrare la storia sulla vera tematica che si vuole evidenziare. Poi mi direte…

Torniamo ai nostri cari vichinghi. Hiccup prende una decisione cruciale e ordina il trasferimento dell’intero villaggio in un luogo più sicuro. Partono così alla ricerca di un luogo mitico che il padre di Hiccup gli aveva descritto quando lui era piccolo: un mondo nascosto, magico e sicuro.

Durante il viaggio dovranno sostare per necessità in un luogo che diverrà poi davvero importante per tutti loro. È qui che il nostro Sdentato, non più cucciolotto, incontra l’unico altro esemplare della sua specie che si credeva oramai estinta: una furia Bianca. Un drago femmina evanescente, luminoso, che oppone alla delicatezza delle sue fattezze le medesime qualità difensive di ogni Furia. Divertentissimi i primi approcci di Sdentato con lei, i suoi molti tentativi di conquistarla.

Malinconici invece i suggerimenti, ignorati, degli amici più cari a Hiccup che cercano di fargli notare che qualcosa sta cambiando e che lui, come il suo drago, stanno diventando grandi e devono entrare nel mondo degli “adulti”. Una scena molto toccante è una chiacchierata davanti al fuoco tra Hiccup e suo padre: parlano dell’amore e dei sacrifici che esso può richiedere “ma ne vale comunque e sempre la pena”.

Da mamma, e con i miei figli accanto, mi sono sciolta in lacrime, ma ho notato che anche loro assorbivano il messaggio: si cresce e ci si può smarrire, si diventa grandi e si possono perdere le persone amate, è inevitabile, ma se le porti nel cuore, se l’amore che vi univa è stato profondo e tangibile, allora vale la pena vivere lo strazio del distacco perché altrimenti nulla sarebbe esistito. Talvolta bisogna lasciare andare chi si ama, per non perderlo. Soprattutto i genitori nei riguardi dei propri figli che diventano grandi e “prendono il volo”.

Ultima chicca: le immagini in volo e del mondo nascosto sono fluide, coloratissime nelle tinte pastello e fluo, piene di dettagli accattivanti; mi hanno ricordato un pochino Avatar, ma devo ammettere che sono state superbe da ammirare.

E Sdentato? e Hiccup? Che ne sarà di loro e del loro legame incredibilmente solido, quasi due corpi e una sola mente, l’amicizia vera, la più pura?

Vi dirò questo: entrambi riusciranno egregiamente ad evolvere e spiccare il volo nel mondo degli adulti dimostrando che la diversità, un pizzico di follia, i timori comprensibilissimi di chiunque si appresti ad approcciarsi al nuovo e allo sconosciuto, possono essere anche una forza potentissima. La consapevolezza di dover attraversare quel passaggio ma di potercela fare e spiccare il grande balzo che ci lascerà tutti commossi e fieri di questi due protagonisti che ci sono tanto cari.

Elementi importanti nella storia, sono anche la madre di Hiccup e lei, Astrid, che decisa indomita e caparbia, resterà accanto al suo compagno stimolandolo, pungolandolo sino a renderlo consapevole delle proprie capacità ed emergere finalmente dal bozzolo: lui, il figlio del capo con idee balzane, artistiche, ingegneristiche e votato alla pace e alla convivenza tra i popoli.

A lungo incompreso diverrà la vera guida del suo villaggio accanto a colei che mai ha smesso di credere in lui.

Dopo uno straziante momento di commiato, ci viene fatto un dono proprio poco prima del termine del film.

Un salto temporale, uno scorcio sul futuro in cui potremo vedere i nostri amati protagonisti e la loro evoluzione.

Ho apprezzato moltissimo quest’ultima parte ma devo dire che avrei evitato lo stereotipo stile famiglia del Mulino Bianco che francamente comincia a stancarmi davvero, unico, piccolo neo per una visione eccellente che ci ha lasciato tutti soddisfatti, appagati ed emozionati.

Assolutamente da andare a vedere al cinema!!!

 

 

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione Film Cult: The Wife – Vivere nell’ombra

DATA USCITA: 04 ottobre 2018 GENERE: Drammatico ANNO: ...