Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Una serata al cinema: recensione di Step Sisters

Una serata al cinema: recensione di Step Sisters

Genere: Commedia – 19/01/2018
Regia: Charles Stone III
Attori: Eden Sher, Alessandra Torresani, Gage Golightly, Megalyn Echikunwoke, Lyndon Smith
Durata: 104 min.
Distribuzione: Los Angels Media Fund
Distribuito: Netflix

Jamilah ha capito tutta la sua vita. È la presidentessa della sua sorellanza, capitano della loro squadra di step dance, è una studentessa di collegamento con il preside del college, e la sua prossima mossa è alla Harvard Law School. Ha tutto, giusto? Ma quando le ragazze bianche che fanno festa a Sigma Beta Beta mettono in imbarazzo la scuola, a Jamilah viene ordinato di venire in soccorso. La sua missione è non solo insegnare alle ragazze con problemi ritmici come ballare, ma vincere lo Steptacular, la più competitiva delle competizioni di danza.

Adoro i film che parlano di gare di ballo, che siano dance, breakdance, hip hop e altri generi ancora. Ma questo film ha toccato uno stereotipo che negli ultimi anni si sta leggermente incrinando e demolendo, ossia quelle categorie di danza che sono riferite a movimenti culturali o di appartenenza a una determinata razza (ma si usano ancora questi nomi??)

Parlo della step dance, che in questa pellicola, marca profondamente l’appartenenza alla generazione ‘nera’.

L’inizio è scadenzato proprio dalla dinamica danza, interpretata e coreografata dalla confraternita Theta del liceo locale.

Jamilah è la leader, all’ultimo anno, alle prese con la scelta universitaria che la porterà a coronare il suo sogno di giurista ad Harvard, grazie soprattutto all’appoggio del padre e della madre, ex allievi della prestigiosa università. La donna è stata a sua volta capo delle Theta al liceo.

Ma questi sogni si infrangono quando, in una serata a casa con il suo ragazzo ‘bianco, dall’anima nera’ i suoi genitori le comunicano che sono insoddisfatti dei suoi voti e quindi non l’appoggeranno per entrare ad Harvard.

I sogni della ragazza vengono a sgretolarsi, così, dopo una notte brava passata con la sua amica Beth, decide di chiedere aiuto al preside della scuola, anch’egli ex studente.

Poiché alla stessa serata ‘alcolica’ a cui ha partecipato Jamilah si è verificato un increscioso incidente con un’altra confraternita, ossia la SSB, le viene posta una condizione: avrà il suo aiuto se riuscirà a riabilitare il nome delle ragazze coinvolte.

Inutile specificare che il gruppo ‘colpevole’ è composto da ragazze bianche a cui piace solo la moda, il sesso e l’alcol.

Jamilah cerca in tutti i modi di avvicinarsi a loro, grazie anche all’aiuto della stessa Beth, salvo poi scontrarsi con tutta una serie di pregiudizi da parte degli altri compagni del campus.

Una buona dose di volontà e di emergere, porterà alla conclusione finale che allieterà molti di noi.

Una buona commedia, con un bel ritmo, ma soprattutto di lezioni di vita, che aborriscono il razzismo e i pregiudizi di qualunque genere. Questo modo di pensare innesca una serie di contraccolpi su quelle che vengono ritenute ‘appropriazioni culturali’, di qualunque genere, su cui riflettere per creare un amalgama e cancellare tali selezioni.

Vi ricordate il polverone sollevato dall’uso dell’AKA in una pubblicità di qualche anno fa, interpretata da donne? Bene, qui accade lo stesso.

Il ‘furto culturale’ è visto come inappropriato da parte di un gruppo di ragazze bianche, che sono viste solo come corpi da usare e, che mai potrebbero sopportare un ritmo che ti entra nel sangue dalla nascita, se hai una pelle color ‘cioccolato’.

Ma scoprirete che le stesse ragazze, che fossero di colore o mulatte, sono state allontanate per lo stesso motivo… insomma, una sorta di razzismo al contrario.

Fortunatamente la musica e la voglia di essere speciali unisce il nostro gruppo di danzatrici e anche i loro cuori, in un cerchio di amicizia e di bisogno di far parte di qualcosa.

Andate a scoprirlo.

Buona visione!

Genere: Commedia – 19/01/2018 Regia: Charles Stone III Attori: Eden Sher, Alessandra Torresani, Gage Golightly, Megalyn Echikunwoke, Lyndon Smith Durata: 104 min. Distribuzione: Los Angels Media Fund Distribuito: Netflix Jamilah ha capito tutta la sua vita. È la presidentessa della sua sorellanza, capitano della loro squadra di step dance, è una studentessa di collegamento con il preside del college, e la sua prossima mossa è alla Harvard Law School. Ha tutto, giusto? Ma quando le ragazze bianche che fanno festa a Sigma Beta Beta mettono in imbarazzo la scuola, a Jamilah viene ordinato di venire in soccorso. La sua missione è non solo…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

I want a new drug

Recensione Serie TV: Grey’s Anatomy 15×22 “Head over High Heels”

Progetto grafico a cura di TessV Dopo la ...