Home » Rubrica Musica » Rubrica Musica: AC/DC

Rubrica Musica: AC/DC

Bentornate, Fenici!

Oggi vi parlerò di un gruppo hard rock australiano (anche se le origini sono scozzesi) formatisi nel lontano 1973 a Sidney: sto parlando degli Ac/Dc.

La famiglia Young (i fratelli Angus e Malcolm), si trasferì negli anni ‘50 in Australia. Malcolm, classe 1953 e Angus, 1955, abbandonarono presto la scuola e così trovarono il modo di poter coltivare la passione comune per la musica, oltre a lavorare per conto loro.

Il 31 dicembre del 1973 nacque il primo embrione dei futuri Ac/Dc. Il nome deriva dalla scritta su un elettrodomestico che la sorella Young aveva notato, ed era perfetto (Alternate Current/Direct Current).

L’era di Bon Scott (1974/1980)

Scontenti del primo cantante, i fratelli Young ingaggiarono Scott che era il loro autista. Scott aveva tutte le caratteristiche e le carte in regola per diventare il frontman e la voce del gruppo.

Nel settembre del 1974, Scott divenne il cantante del gruppo. Il primo album fu High Voltage, uscito l’anno seguente. Il secondo è T.N.T., in cui ricordiamo uno dei classici della band “It’s a long way to the top (if you wanna rock’n roll)”.

 

Nel 1976 il gruppo va verso il successo internazionale e inizia come band-spalla di altri gruppi già famosi come i Kiss, gli Aerosmith, i Blue Oyster Cult. La stampa britannica li aveva accostati al punk, cosa sbagliata perché il loro era un genere completamente diverso. Con l’avvento di Powerage (1978) e il cambio del bassista nella line up, il gruppo diventa famoso in tutto il mondo.

L’unica che ancora era restia a farsi travolgere dall’ondata dei fratelli Young era l’America, tanto puritana quanto bigotta.

Morte di Bon Scott

Nel 1979, uscì Highway to Hell e fu l’apoteosi. Nel 1980 ci fu la dipartita Bon Scott per intossicazione acuta da alcool, ma ci sono molti punti oscuri sulla sua morte e questo scosse profondamente la band.

 Brian Johnson

L’era del nuovo corso ha un nome, “Johnson”, e nel 1980 uscì Back in Black, con una copertina nera listata a lutto in omaggio a Scott. Se Highway to Hell aveva raggiunto la popolarità mondiale, Back in Black li consegnò alla storia del rock.

L’album inizia con il rintocco di una campana a morto (campana che sarà presente nel tour, forgiata apposta per l’occasione con il logo della band sopra) e l’inizio di “Hells Bells”.

“You shook me all night long” è un’altra canzone che fa parte dell’album e unì l’hard/heavy alla diffusione alla radio.

Brian fu accettato dai fans, soprattutto per la sua voce acuta e leggermente roca che ricordava quella di Scott.

Anni ‘80

Nel 1981 uscì Dirty deeds done dirt cheap e nel 1983 Flick of the Switch. Nel 1984 parteciparono come artisti principali del “Monsters of Rock” di Donington; sempre nello stesso anno ci furono due date in Italia.

Tra le varie vicissitudini, negli anni ‘90 fu inciso l’album The Razors Edge con la trascinante “Thunderstruck”.

Nel 2000 uscì Stiff upper Lip e questo portò il gruppo nuovamente ad esibirsi dal vivo. Nel 2008 fu pubblicato Black Ice e nel 2010 alcune canzoni del gruppo furono incluse nella colonna sonora di Iron Man 2.

Nel 2014 venne lanciato Rock or Bust e due anni dopo Johnson fu licenziato dalla band per i suoi problemi di udito (ma penso che ci fosse stato anche altro…). Nel 2016 venne “assunto” Axl Rose come nuova voce del gruppo ma non si trattava più l’Axl dei Guns, ma di un Axl imbolsito e con una voce non più da baritono.

Nel 2017 morì Malcolm Young.

Stile e influenze

Lo stile è inconfondibile. I riff di chitarra sono semplici e incisivi di ispirazione blues, doppia chitarra distorta (ritmica e solista), cantato stridente e aggressivo. Troviamo l’ironia (Angus che si esibisce in divisa da scolaretto) e la celebre “duck walk” di Angus. Molti sono i gruppi che citano gli Ac/Dc con influenze nel proprio stile.

Curiosità

Gli Ac/Dc sono tuttora all’attivo, con Johnson nuovamente alla voce. Hanno venduto oltre duecentomilioni di copie nel mondo e Back in Black è il secondo album più venduto al mondo dopo Thriller.

Discografia

High Votage (1975)

T.N.T. (1975)

Dirty deeds done dirt cheap (1976)

Let there be rock (1977)

Powerage (1978)

Highway to Hell (1979)

Back in Black (1980)

For those about to the rock we salute you (1981)

Flick of the switch (1983)

Fly on the wall (1985)

Blow up your video (1988)

The razors edge (1990)

Ballbreaker (1995)

Stiff upper lip (2000)

Black Ice (2008)

Rock or Bust (2014)

Back in Black (1980)

È il disco di maggior successo della band che segna uno spartiacque tra il periodo con Scott e quello di Johnson. Ha venduto oltre cinquantamilioni di copie in tutto il mondo.

Inconfondibile la voce di Johnson che non fa rimpiangere quella di Scott, così come la coppola che indossa sempre.

No, non vi parlerò della Title track, ma… You shook me all night long è una canzone sempre inserita nelle scalette dei concerti. Il brano ha riferimenti sessuali espliciti e venne anche censurata per il video (ma io la adoro!).

“You shook me all night long”

She was a fast machine,
She kept her motor clean,
She was the best damn woman that I ever seen,

She had sightless eyes,
Telling me no lies,
Knockin’ me out with those American thighs,

Taking more than her share,
Had me fighting for air,

She told me to come, but I was already there,

‘Cause the walls started shaking,
The earth was quaking,
My mind was achin’,
And we were makin’ it and you…

Shook me all night long,
Yeah you, shook me all night long.

Working double time on the seduction line,
She was one of a kind,
She’s just mine all mine,

Wanted no applause,
It’s just another cause,
Made a meal out of me, and come back for more,

Had to cool me down,
To take another round,

Now I’m back in the ring to take another swing

But the walls were shaking,
The earth was quaking,
My mind was aching,
And we were making it and you…

Shook me all night long,
Yeah you, shook me all night long,
Knocked me out, I said you
Shook me all night long,
Had me shaking and you,
Shook me all night long,
Well you shook me,
Well you shook me…

You really shook me and YOU!
Shook me all night long,
Aaaaahaaaahaaaah You…
Shook me all night long,
Yeah yeah you,
Shook me all night long,
You really got me and you,
Shook me all night long,
Yeah you shook me,
Yeah you shook me,
All night long

[Traduzione]

Lei era una macchina veloce, lei manteneva il suo motore pulito
Era dannatamente la miglior donna che avessi mai visto
Aveva occhi senza sguardo che non mi raccontavano bugie
Mettendomi fuori gioco con quelle cosce americane
Prendendo più di quanto condividessimo
Ho avuto il mio combattimento per aria
Mi diceva “vieni!” ma io ero già lì
Perché i muri iniziavano a traballare

La terra tremava
La mia mente era dolorante
E noi lo stavamo facendo

E mi hai fatto tremare tutta la notte
Si, mi hai fatto tremare tutta la notte

Lavorando il doppio sulla linea della seduzione
Lei era di un certo tipo, semplicemente mia, tutta mia
Non cercava applausi, solo un altro giro
Mi mangiava in un boccone
E tornava indietro per averne ancora
Mi son dovuto raffreddare per permettermi un altro round
Ora sono tornato sul ring per fare un altro ballo
Perché i muri iniziavano a traballare, la terra tremava La mia mente era dolorante
E noi lo stavamo facendo

E mi hai fatto tremare tutta la notte
Si, mi hai fatto tremare tutta la notte
Questo mi metteva fuori combattimento e allora ti ho detto
Fammi tremare per tutta la notte
Mi hai fatto tremare tutta la notte e tu
Mi hai fatto tremare tutta la notte
Si, mi hai fatto tremare
Quando mi hai preso

Mi hai preso davvero e tu
Mi hai fatto tremare tutta la notte
Ah, mi hai fatto tremare tutta la notte
Sì sì, mi hai fatto tremare tutta la notte
mi hai avuto davvero e tu
mi hai fatto tremare tutta la notte
Sì mi hai fatto tremare tutta la notte
Sì mi hai fatto tremare tutta la notte
Per tutta la notte

LINK:

https://youtu.be/zWCINQn6k0s

 The Razors Edge (1990)

È il dodicesimo album in studio della band, trascinata dal un singolo epocale. “Thunderstruck” è celebre soprattutto per il video, girato dal vivo alla Brixton Academy di Londra. Riprese in grandangolo, la “Duck Walk” di Angus e altre soggettive sulla paletta del chitarrista e sulla bacchetta del batterista.

Personalmente, consiglio di ascoltarla con le cuffie a volume alto e farsi trasportare…

“Thunderstruck”

(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)
(Thunder)

I was caught
In the middle of a railroad track (Thunder)
I looked round
And I knew there was no turning back (Thunder)
My mind raced
And I thought what could I do (Thunder)
And I knew
There was no help, no help from you (Thunder)

Sound of the drums
Beatin’ in my heart
The thunder of guns
Tore me apart
You’ve been – thunderstruck

Rode down the highway
Broke the limit, we hit the town
Went down to Texas, yeah Texas
And we had some fun
We met some girls

Some dancers who gave a good time
Broke all the rules, played all the fools
Yeah, yeah, they, they, they blew our minds

I was shakin’ at the knees
Could I come again please?
Yeah the ladies were too kind
You’ve been – thunderstruck, thunderstruck
Yeah yeah yeah, thunderstruck

Yeah
Oh, thunderstruck, yeah

Now we’re shaking at the knees
Could I come again please?

Thunderstruck, thunderstruck
Yeah yeah yeah, thunderstruck
Thunderstruck, yeah, yeah, yeah

Said yeah, it’s alright
We’re doing fine
Yeah, it’s alright
We’re doing fine
(So fine)

Thunderstruck, yeah, yeah, yeah,
Thunderstruck, thunderstruck, thunderstruck
Whoa baby, baby, thunderstruck
You’ve been thunderstruck, thunderstruck
Thunderstruck, thunderstruck, thunderstruck
You’ve been thunderstruck

[Ttraduzione]

(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)
(Tuono)

Sono stato preso
Nel mezzo di un attacco di fulmini (tuono)
Mi sono guardato attorno
E sapevo che non c’era modo di tornare indietro (tuono)
La mia mente correva
E ho pensato a cosa potevo fare (tuono)
E sapevo
Che non avrei avuto aiuto, nessun aiuto da te (tuono)

Il suono dei tamburi
Che battono nel mio cuore
Il tuono delle pistole
Mi ha lacerato
Tu sei stato fulminato

Abbiamo viaggiato lungo l’autostrada
Oltrepassato il confine, abbiamo raggiunto la città
Siamo passati attraverso il Texas, si il Texas
E ci siamo divertiti
Abbiamo incontrato delle ragazze

Alcune ballerine che ci hanno fatto divertire
Infranto tutte le regole, abbiamo fatto gli stupidi
si, si, loro ci hanno sbalordito

Mi tremavano le ginocchia
Potrei venire di nuovo, per favore?
si le ragazze erano troppo gentili
Tu sei stato fulminato, fulminato
si si si fulminato

si,
oh, fulminato, si

Ora ci tremano le ginocchia
Potrei venire di nuovo, per favore?

Fulminato, fulminato
si si si fulminato
Fulminato, si si si

Hanno detto di si, che andava bene
ci stiamo comportando bene
si, va tutto bene
ci stiamo comportando bene
(molto bene)

Fulminato, si si si fulminato
Fulminato, fulminato
whoa tesoro tesoro fulminato
Sei stato fulminato, fulminato
Fulminato, fulminato, fulminato
Sei stato fulminato

LINK:

https://youtu.be/v2AC41dglnM

Considerazioni

Oh beh… da dove posso iniziare? ADORO! Si amano. Si amano.

Sfido chiunque a non averli almeno sentiti una volta in vita propria: il sound  inconfondibile di una band storica che è ancora all’attivo.

Cosa mi ha colpito? Angus Young è un personaggio e il suo modo di suonare è unico, così come le voci di Johnson e Scott.

Rock on Baby! E mi raccomando, non fatevi “fulminare”.

Alla prossima!
Un saluto dalla vostra Mal

 

 

Teresa

Teresa

Lascia un Commento