Home » Recensione libri » Review Blog Tour con Recensione: ” Perfetti sconosciuti” di Paola Garbarino

Review Blog Tour con Recensione: ” Perfetti sconosciuti” di Paola Garbarino

Titolo: Perfetti sconosciuti
Autore: Paola Garbarino
Genere: contemporary romance, autoconclusivo.
Pagine: 350.
Data di uscita 6 maggio 2021.

 

“Tu non sai cosa sia l’amore.”
“Nemmeno tu, se davvero non puoi credere che ti amo.
L’amore non è tutto bianco e luminoso. C’entra ben poco col
romanticismo, coi gesti galanti e soavi, coi sonetti, i fiori e i
cioccolatini, le parole dolci e garbate. L’amore è duro. Fa
male. Può sgretolare. Ti mette a nudo le ossa, fa sanguinare.
Ti scuote, ti rovescia, ti disossa, ti dissangua. Può portarti alla
follia e alla morte. L’amore è violento, è la forza creatrice e
distruttrice più potente dell’universo Ti travolge, come sta
travolgendo me, che non riesco a fare a meno di pensarti, di
desiderarti, di bruciare…”

Samuele sta per laurearsi come antropologo, ama la scienza, non crede nell’amore, si sente a proprio agio in mezzo a tribù indigene, forse anche perché sua madre era una sami finlandese.
Cecilia è una studentessa di Lettere, ama leggere romanzi, la sua eroina è Elizabeth Bennet di Orgoglio E Pregiudizio,
vorrebbe vivere dentro a un romance storico, corteggiata tra tazze di tè e passeggiate in calesse.
Si conoscono a una festa in uno sperduto casale toscano e, nonostante i propositi romantici di Cecilia, è proprio lei a fare il primo passo con lui, per una sola notte.
Ma le stelle, che dall’alto dirigono i passi, li fanno rincontrare all’altro capo dell’Europa, in Finlandia: Cecilia vi passerà del tempo per l’Erasmus, Samuele per terminare la tesi.
Per Cecilia, le romanticherie e la ricerca del vero amore, sono tutto. Samuele, in cuor suo, vuole invece dimostrarle che il romanticismo è soltanto una tecnica evolutiva per giungere all’accoppiamento.
Tra orgoglio, pregiudizi e fraintendimenti, i due ragazzi si ritroveranno a dover guardare in sé stessi, e l’uno dentro l’altra,
molto più profondamente di quanto si aspettassero.
Dalla romantica penna di Paola Garbarino, una nuova storia d’amore e di passione, sui desideri troppo a lungo sognati e
sulla realtà che non bisogna lasciarsi sfuggire mentre inseguiamo quei sogni.

 

 

 

 

Wow! Fenici, sono veramente molto contenta di aver letto questo romanzo, mi ha emozionato tantissimo, l’autrice riesce davvero a farti percepire la storia, ne sei avviluppato, ti entra dentro ed è difficilissimo staccarsi dalla lettura, anche solo per dormire.

È da un po’ che non mi capitava di leggere un libro così ben scritto e soprattutto con un editing così accurato, niente si è frapposto tra me e questi ragazzi.

Questo è un romance contemporaneo e il suo essere ambientato ai giorni nostri mi ha permesso di avere una visione realistica della narrazione. Mi è piaciuto molto trovare personaggi con caratteri ed esperienze di vita così diversi che hanno reso la storia completa e di spessore.

Chi di voi ha imparato a conoscermi, si è accorto che spesso mi lamento per le lunghe elucubrazioni mentali, che qui sono presenti, ma, è una gioia dirlo, non sono pensanti, non ti viene voglia di saltare le parole, anzi ti servono per capire e vivere il personaggio nella sua interezza.

Generalmente salto i ringraziamenti perché sono molto scontati, ma anche qui l’autrice mi ha sorpreso e ha scritto delle cose che condivido appieno, così invece di una parte del libro che mi ha colpito, questa volta voglio farvi leggere un estratto dei ringraziamenti.

“Ognuno è libero di farsi le proprie opinioni, io ritengo basilare che ogni popolo abbia gli stessi diritti e doveri e trovo veramente insopportabile che gli interessi economici siano sempre prevaricanti, abbiamo un solo mondo, perlomeno finché non riusciremo, coi viaggi spaziali, ad andare a colonizzarne e inquinarne un altro, quindi sono fermamente convinta che adesso, proprio adesso, è necessario fare qualcosa per fermare il degrado del pianeta e la distruzione di culture uniche e straordinarie che hanno il diritto di restare uguali a loro stesse, di mantenere la propria unicità, unicità che rende il mondo eterogeneo e affascinante. Tutti noi nel nostro piccolo, possiamo contribuire.”

Un tema importante che si è affrontato è quello di una piccola comunità nomade del nord Europa, i Sami, che a causa del progresso stanno perdendo in parte il loro territorio.

L’argomento, ben inserito nella storia, e le informazioni che ci vengono fornite sono prese da testi specifici (io non sapevo neanche dell’esistenza di questo popolo).

Il libro racconta la vita di Cecilia, ventiduenne studentessa universitaria di Genova, e di Samuele, ventiquattrenne toscano da parte di padre e finlandese di madre.

I due si incontrano una sera d’estate durante una festa a casa dello zio del ragazzo, in Versilia.

Il mattino dopo lei fugge, son conoscono neanche i reciproci cognomi, ma il fato ci mette lo zampino e, mesi dopo, si ritroveranno a Tampere, Finlandia, dove la ragazza in compagnia dei fratelli e della cugina soggiorna per l’Erasmus, mentre Samuele è lì per scrivere la tesi di ricerca.

Vediamo crescere la loro storia d’amore tra i sogni di Cecilia nella ricerca dell’amore alla Jane Austin, e il cinismo di Samuele, nel credere che l’amore romantico non esista.

Urlerei al vento, in modo che arrivi a tutti gli amanti della lettura, di leggere questo libro, per poi venire da me a parlare di Samuele e Cecilia, ma anche di tutti gli altri ragazzi, affinché possa non staccarmi da loro.

Buona lettura.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Titolo: Perfetti sconosciuti Autore: Paola Garbarino Genere: contemporary romance, autoconclusivo. Pagine: 350. Data di uscita 6 maggio 2021.   “Tu non sai cosa sia l’amore.” “Nemmeno tu, se davvero non puoi credere che ti amo. L’amore non è tutto bianco e luminoso. C’entra ben poco col romanticismo, coi gesti galanti e soavi, coi sonetti, i fiori e i cioccolatini, le parole dolci e garbate. L’amore è duro. Fa male. Può sgretolare. Ti mette a nudo le ossa, fa sanguinare. Ti scuote, ti rovescia, ti disossa, ti dissangua. Può portarti alla follia e alla morte. L’amore è violento, è la forza…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento