Home / Recensione libri / Recensione:Un ricordo ti parlerà di noi di Colleen Hoover

Recensione:Un ricordo ti parlerà di noi di Colleen Hoover

Care Fenici leggiamo cosa pensa Issy di Un ricordo ti parlerà di noi di Colleen Hoover

La storia tra Quinn e Graham è stata una vertigine di emozioni fin dal loro primo rocambolesco incontro. Si sono conosciuti nel giorno peggiore della loro vita, e da allora non si sono più lasciati. Oggi, però, quell’amore perfetto è minacciato dalle mille imperfezioni del loro matrimonio. Gli errori, i segreti e gli inevitabili contraccolpi della vita, accumulatisi nel corso degli anni, li stanno distruggendo. E allontanando. Non è facile individuare chi abbia più colpe. Ed entrambi sono bravi nel fingere che nulla sia cambiato. D’altronde, è duro ammettere che si è arrivati al capolinea quando l’amore c’è ancora. Si tende a credere che un matrimonio finisca solo quando la rabbia e il disprezzo prendono il posto della felicità. Ma Quinn e Graham non sono arrabbiati l’uno con l’altra. Semplicemente non sono più gli stessi di un tempo, stentano a riconoscere nell’altro la persona di cui si sono innamorati e il loro rapporto è pericolosamente vicino a un punto di non ritorno. A un passo dal vuoto, tuttavia, il ricordo di chi erano e una promessa racchiusa in una scatola di lettere custodita da tempo potrebbe salvare il loro amore, e loro stessi. Perché, a volte, l’amore ha soltanto bisogno di ritrovare la strada di casa.

Care fenici, mi appresto a recensire Un ricordo ti parlerà di noi per voi.

Sinceramente faccio molta fatica a raccontarvi di questo libro ma, ahimè, devo essere onesta.
Questo romanzo proprio non mi è piaciuto: lo trovo troppo confusionario e dispersivo. Premetto che io proprio non sopporto i libri che saltano dal passato al presente a ogni capitolo, però ci ho messo tutta la buona volontà ma, purtroppo, non mi è proprio piaciuto.

La storia viene narrata con l’ausilio di svariati salti temporali, che la rendono confusionaria e difficile da seguire. Il tutto è reso ancora più ostico dal fatto che durante la lettura ci vuole qualche secondo per capire se siamo nel passato o nel presente: persone che un attimo prima si stavano lasciando, le troviamo improvvisamente a fare l’amore, rendendoci conto dopo un attimo di confusione che la scena si è nuovamente spostata al passato. Questi flashback coprono un lungo periodo di tempo, ben 7 anni, e per il lettore sono un mal di testa garantito.

Mi auguro di non ferire nessuno con le mie parole.

Il libro è ricco di sentimenti molto forti.

I protagonisti sono descritti bene, la protagonista femminile è in primo piano, cerca di essere forte , ma è molto sensibile.

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: Recensione: “Origin” di Dan Brown

  Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia ...