Home » Recensione libri » Recensione:”Il Valzer del diavolo” di Anne Stuart

Recensione:”Il Valzer del diavolo” di Anne Stuart

 

Titolo: Il valzer del diavolo
Autore:Anne Stuart
Editore:Harper Collins Italia
Genere:Romanzo Storico
Collana:I Grandi Romanzi Storici
Pagine: n°233
Prezzo Cartaceo: € 17,89
Prezzo Ebook: €4,99
Asin:B07X3NCGST

Data di pubblicazione: il 12 Settembre 2019

 

 

Inghilterra, XIX secolo
L’irreprensibile Miss Annelise Kempton è stata assunta da Mr. Chipple per guidare la sua giovane ed esuberante figlia Hetty nella scelta di un marito decoroso. La ricca dote della fanciulla potrebbe infatti costituire un facile richiamo per i molti avventurieri senza scrupoli che frequentano i salotti londinesi, e l’avvenente istitutrice è ben decisa a portare a termine il suo compito. Anche se questo significa opporsi ai piani di una canaglia affascinante e diabolica come Christian Montcalm, un nobile squattrinato che vede in Hetty una facile preda. Ma quello che l’inflessibile Annelise non ha previsto, è che non si può danzare con il diavolo senza subirne il fascino, soprattutto se il gentiluomo in questione può indurre in tentazione anche una santa. E lei, dopo tutto, è soltanto una donna.

 

 

Leggo sempre con immenso piacere i romance storici di Anne Stuart per l’inconfondibile tocco di selvaggia aggressività di cui fornisce i suoi personaggi, sia donne che uomini.

Le sue dame hanno sempre molto poco di Vittoriano così come i libertini scavezzacollo che crea con abilità, però conservando sempre i modi e la dialettica tipici del periodo. Un pizzico di avventura e una grande tensione erotica fanno il resto creando un mix sempre entusiasmante.

Ma veniamo al libro. Miss Annelise Kempton, una compassata zitella di nobili origini ma senza il becco di un quattrino, vive insegnando le buone maniere a giovani virgulti a caccia di un conveniente matrimonio. Per questo motivo si trova nella sontuosa e pacchiana dimora di tale Mister Josiah Chipple, un ricco mercante che ha fatto soldi con le navi da carico e che mira a trovare un buon marito per la figliola Hetty, un maleducata e saccente diciannovenne invaghita di un nobile e decaduto libertino di origini francesi, Christian Montcalm.

Per distrarre la sua protetta ed evitare che cada tra le braccia di siffatta carogna, Annelise è costretta a intervenire, non considerando però il mare di debiti che affligge l’uomo e che solo un matrimonio ricco potrà colmare. A complicare il tutto ci si mette il primo amore della ricchissima fanciulla, un giovanotto di campagna perdutamente innamorato di Hetty e ricambiato.

La compassata e rigida zitella (che proprio fredda non è nel tentativo di separare la ragazzina dal terribile Christian), resta suo malgrado catturata dal fascino violento e spregiudicato dell’uomo e nonostante egli si nasconda dietro intenzioni poco onorevoli l’attrazione sarà reciproca.

A poco a poco vengono scoperte le implicazioni psicologiche che il passato di entrambi ha segnato nelle  vite di ciascuno, indirizzando i comportamenti di entrambi sul rigido controllo dei sentimenti e delle azioni. Come se portassero una maschera della quale non potessero e non volessero privarsi.

Un personaggio inizialmente innocuo rivelerà una doppia e pericolosa personalità che minaccerà seriamente la vita di entrambi e porterà l’azione verso un rapido epilogo. Annelise avrà la possibilità di dimostrare il suo coraggio e tenterà l’impossibile per tenere Christian accanto a sé.

Ancora una volta rimango conquistata dalla penna abile e multi sfaccettata di Anne Stuart che si conferma scrittrice d’eccezione a suo agio sia nel Contemporary Romance  che nel Romance storico con l’unica certezza di un fine erotismo e sfrenate passioni.

Da leggere assolutamente.

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento