Home / Recensione libri / Recensioni libri cult / Recensione: “Damigella” di Roberta Ciuffi

Recensione: “Damigella” di Roberta Ciuffi

Care Fenici, il libro di cui  Pippi Calzelunghe vi parla oggi è Damigella di Roberta Ciuffi

Cover realizzata da Frarale

Roma, 1527. Nel mondo delle cortigiane, spesso le donne abbandonano il loro nome per assumerne uno in grado di accendere la fantasia degli ‘ammiratori’. È così che Agnese è diventata la Damigella, la cortigiana più famosa e desiderata di Roma. Venduta giovanissima dalla madre a un importante personaggio, è ora la dama dell’ambasciatore dell’imperatore Carlo V. Amata, invidiata, corteggiata, nell’intimo Agnese non prova però che disprezzo per se stessa e coloro che la circondano.
Intanto alle porte di Roma si stanno ammassando gli eserciti imperiali, con le truppe miste di italiani, spagnoli, francesi e, soprattutto, dei terribili lanzichenecchi. Da parte sua Agnese è decisa a non permettere più a nessuno di toccarla. Morirà, prima di consentirlo. Un evento inatteso le impedirà di mettere in atto il suo proposito. I lanzichenecchi irrompono nel suo palazzo. Agnese lotta per salvarsi ma mentre sta per essere sopraffatta qualcuno arriva in suo soccorso.

Come migliaia di altri, Jehan de Bontemps, scudiero, segretario e amico del principe d’Orange, sta percorrendo le strade di Roma alla ricerca di bottino. Le terribili conseguenze del Sacco lo hanno però così disgustato che quando sente una donna gridare dall’alto di un palazzo accorre in aiuto della sconosciuta. Non sa che il suo atto di cavalleria gli costerà caro. Mentre lui e Agnese fuggono per la città ridotta a una bolgia infernale, un gruppo di soldati spagnoli ubriachi li blocca e, per prendersi gioco del privilegiato amico del principe, li costringe a un matrimonio forzato. La validità del sacramento è dubbia, ma Jehan non è uomo da abbandonare una donna finché la situazione non sia chiarita.
Per Agnese è come risvegliarsi a una nuova vita. Nel gruppo del principe d’Orange, dove il suo presunto marito l’ha portata, nessuno la conosce, nessuno sa chi sia la Damigella. È ammirata e corteggiata, ma con il riguardo dovuto alla signora de Bontemps. Anche quel bel ragazzone che l’ha salvata la tratta con il massimo rispetto, benché man mano tra loro stia crescendo una tensione diversa da quella motivata dalla diffidenza dell’inizio. E per la prima volta da quando era una ragazzina, Agnese si consente di sognare…

Tutto un programma il titolo di questo libro del 2000, Damigella, ripubblicato con una nuova veste grafica molto d’effetto, che unisce le caratteristiche atmosfere della Ciuffi con altri nuovi elementi; sono rimasta affascinata e imbrigliata nel vortice emozionante delle sue pagine.

Un personaggio insolito Agnese alias Inez alias Damigella: non la solita fanciulla in fiore e alle prime armi, ma una donna vissuta, esperta e sfrontata, capace di ogni azione per preservare la sua posizione di cortigiana e mantenuta di nobili e ricchi altolocati della Roma papalina del 1527, e per questo risoluta e dura nel momento della tragica invasione con conseguente sacco di Roma delle truppe di Lanzinchenecchi al soldo dei francesi. Un’occasione che lei penserà di sfruttare per togliersi la vita e chiudere con un’esistenza abbrutente ed umiliante vissuta e subita, seppur tra gli agi, sin dall’età di dodici anni.

Ma il destino avrà in serbo per lei un’altra storia che arriverà per mano di Jeahan de Bontemps, luogotenente del principe d’Orange, un giovane coraggioso e leale. Per mezzo di lui Agnese inizierà a pensare  di avere un’altra possibilità, un altro destino, un riscatto per la sua vita infame e disgraziata.

Molte le avventure, mai una sbavatura nella trama in cui il fatto storico è trattato dall’autrice con precisione e dovizia di particolari, anche cruenti. Carattere del personaggio e sue reazioni veramente ben scritti; bello il sentimento di dedizione di Giulia e Medoro, i suoi giovani servitori, che porterà entrambi verso destini diversi per non abbandonare la Damigella.

Insomma, Damigella è un libro che racchiude una storia romantica e forte allo stesso tempo, nella quale, forse, avrei dato un pochino più di spazio alle scene hot, ma me lo aspettavo visto lo stile della scrittrice che lascia sempre qualcosa all’immaginazione.

Dunque carissime lettrici romantiche non perdete questa chicca sempre attuale!

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Lady O” di Charlotte Lays

Buongiorno fenici oggi la nostra Aina ha recensito ...