Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Warrior – Stagione 2

Recensione: Warrior – Stagione 2

Torna Warrior con la seconda stagione che è sempre andata in onda su Sky Atlantic. Ce ne parla la nostra Ally… e se volete, potete dare un’occhiata al trailer.

Warrior - Stagione 2

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

Eccoci di nuovo nella San Francisco degli albori. La storia ricomincia proprio dalla fine della prima stagione in cui avevamo lasciato un Ah Sahm pesto e sconfitto su tutti i fronti.

Il nostro protagonista però ha mille risorse e tornerà presto a far parte dei guerrieri Hop Wei. Dopo aver perso l’incontro contro Li Young, infatti, si allena al Barbary Coast gestito dalla bella messicana Rosalita Vega, la quale organizza match clandestini.

Warrior - Stagione 2

I combattimenti spettacolari saranno alla base di ogni puntata. La mia speranza era che gli autori continuassero sulla stessa scia della stagione precedente, senza deviare la storia in un contesto più romanzato. Per fortuna hanno tenuto alto il tasso di testosterone aggiungendo molte novità e colpi di scena.

Conosceremo meglio i due fratelli Mai Ling e Ah Sahm, ci saranno mostrati scorci del loro passato che ci aiuteranno a capire come siano diventate le persone che adesso conosciamo.

L’odio dell’uomo nei suoi confronti è profondo dopo ha dato l’ordine di ucciderlo durante l’incontro per il potere del mercato dell’oppio.

Una parte fondamentale sarà l’indagine seguita dall’agente Bill O’Hara alla caccia dell’ormai temutissimo assassino con la spada che uccide gli uomini occidentali in giro per la città. Fantastica sarà la piega che prenderà questa intrigante ricerca con un finale al cardiopalma.

La seconda stagione ci dà così tanto da elaborare che aspettare tra una puntata e l’altra è snervante, tiene sempre lo spettatore sull’attenti in attesa dell’ennesimo colpo di scena.

I nostri protagonisti viaggeranno fino al Messico e conosceremo nuovi personaggi che ci ruberanno un pezzo di cuore.

Una delle new entry che mi ha colpita di più è stata Nellie Davenport, una giovane vedova altolocata che ha fatto sua la missione di salvare le ragazze cinesi costrette alla prostituzione, trattate alla stregua di animali.

La Davenport legherà con Ah Toy, la proprietaria del bordello più famoso in città e, quest’ultima porterà delle giovani nella vigna a Sonoma, proprietà di Nellie, dove gli verrà concessa una nuova occasione per vivere la loro vita coltivando e lavorando in piena libertà.

La scena che mi rimarrà nel cuore invece è quella della lotta finale fra irlandesi e cinesi nelle strade di Chinatown dove il sangue scorre a fiumi, e fra la confusione e le urla, Ah Sahm saprà così tanto distinguersi con i nunchaku che la sua immagine verrà poi impressa, come celebrazione della vittoria, sul muro di una casa della via principale, e sarà così grande che non notarla sarà quasi impossibile.

Warrior - Stagione 2

Vale davvero la pena seguire questa serie che con i suoi accenni storici è adatta anche a chi non ama particolarmente le arti marziali. La trama è ricca e piena di azione.

Io me ne sono innamorata e questa seconda parte mi ha entusiasmato ancora di più, attenderò con ansia la terza che è già in produzione 🤩

Tutto il lavoro dietro le quinte ha reso le scene naturali e molto coinvolgenti, poi a mio parere Bruce Lee è una garanzia e le sue idee nelle mani giuste ci hanno ancora una volta regalato cose meravigliose.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento