Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Virgin River – Terza Stagione

Recensione: Virgin River – Terza Stagione

Torna Virgin River che ha profondamente deluso la nostra Wicked Wolf. Scopriamo insieme perchè. Qui potete trovare le recensioni precedenti. Buona lettura!

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

 

Qualcosa è andato storto, Fenici.

Virgin River è cambiata e non è più quella serie accogliente e priva di pretese, no, in questa terza stagione gli autori hanno deciso di giocare pesante e ficcare nella trama quanti più drammi possibili, fallendo miseramente.

Virgin River - Terza Stagione

La prima critica che devo muovere a Netflix è che non c’è alcun recap: il primo episodio parte da dove eravamo rimasti e le bionde come me trascorrono quei quarantacinque minuti chiedendosi “ma chi è?” a ogni nome che viene citato.

Gradualmente riesco a contestualizzare la gente, salvo poi rendermi conto che i protagonisti di questa serie sono davvero troppi, e viene data importanza a ogni singola storia rendendole tutte tristemente incomplete; la continuità, poi, sembra non venir presa in considerazione.

Charmaine (Maria Signor che palle) è ancora incinta dei gemelli di Jack e se la gestazione non è un’opinione dovrebbe avere una pancia tanta, invece se ne va in giro bella magra, si fidanza con un riccone in tre settimane e pianta casini a tutti.

Gravidanza a rischio? Sparita.

Devo commentare il tizio che conosce una donna incinta di un altro uomo, di due gemelli, e non solo decide di sposarla immediasubito, ma pretende di adottare i bambini?

Preacher intanto vive col figlio della tizia, ora in fuga, che ha ammazzato il marito violento: qui ci sta una faccia quanto mai perplessa. Tra l’altro il ragazzino è un rompipalle.

Non so se avevano finito i soldi per gli attori, ma Hope è via da una zia. Vabbè.

Poi ci sono i due adolescenti mal assortiti che non interessano a nessuno, però hanno pacchi e pacchi di minutaggio a disposizione per mostrarsi inutili.

Abbiamo cancro, violenza, minacce, incendi, gente stronza, scelte idiote e tutta una vasta gamma di avvenimenti eclatanti che succedono a gente marginale, mentre i protagonisti… che depressione!

Virgin River - Terza Stagione

Se in passato ho guardato Virgin River per rilassarmi con qualche storiella di provincia arricchita da appena un pizzico di spezie, questa terza stagione mi ha davvero rovinato l’atmosfera: troppi problemi, troppi drammi e tutto che va a scatafascio.

Ogni singolo episodio si conclude con un cliffhanger, piccolo o grande che sia, ma visto che Netflix li ha caricati tutti e dieci bastano pochi minuti per vederne la soluzione; alla lunga è poco più di una presa in giro.

Mi chiedo se la grande discriminante non sia stata proprio l’assenza di Hope, che abbiamo intravisto solo pochi istanti su facetime: senza il suo carattere impiccione non c’è nessuno che dica alle persone come comportarsi, né fa vedere loro cose ovvie come la nuova relazione di Charmaine, chiaramente abusiva, o il fatto che a Jack è bruciata la casa e lui se ne frega alla grande.

Non c’è nessuno in questa terza stagione che si intrometta negli affari delle persone e le costringa a confrontarsi l’una con l’altra per venire a capo dei problemi.

Un altro aspetto sul quale non posso soprassedere è la questione stupro: un personaggio confessa di esserne stato vittima, ma non usa mai questa parola. Non puoi usare eufemismi, non puoi edulcorare il concetto; anche se Virgin River rientra nella sezione “Per Famiglie” (probabilmente con molti disagi), trattarlo così è irresponsabile.

Va bene se il personaggio usa alcool e pillole, ma non può dire di essere stato costretto a fare sesso? La scena ha del potenziale, le donne legano attraverso il trauma, ma il suo impatto viene azzerato perché tutto il dialogo gira intorno a ciò che è realmente accaduto.

Questo, come il cancro di Lily, è solo uno dei tanti argomenti che sono stati lanciati addosso ai cittadini, creando storie su storie che finiscono solo con l’essere incomplete.

E l’epilogo dei due protagonisti? Una cosa imbarazzante.

Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento