Home / Recensione libri / Recensione: “Vertigo” di Monica Lombardi

Recensione: “Vertigo” di Monica Lombardi

 

Trama

Benjamin “Buck” Buckler è un ex capitano SAS. Nessuno ha mai parlato di un suo errore, di una sua sconfitta, eppure lui sente il bisogno di dare un taglio al passato e voltare pagina. Lo fa con un nuovo lavoro, con un nuovo team. E soprattutto con un nuovo capo, il ricco ed enigmatico David Langdon, detto GD. Quando GD scompare, Buck incontra la donna che vive con lui, la brasiliana Alex Xavier, misteriosa e pericolosamente irresistibile. E Buck si troverà di fronte a un grande dilemma: scegliere tra la lealtà e le ben più profonde ragioni del cuore.

Vertigo è il primo romanzo della serie GD Team di Monica Lombardi.

Recensione

Piacevolmente sorpresa, ecco, così mi definirei alla fine di questo libro. Partita dalle classiche autrici straniere che si occupano di questi generi, mi sto sempre più dedicando al mercato nazionale e, a parte pochissime eccezioni, sono piacevolmente sorpresa di quanto siano brave le nostre autrici. Un libro, questo, con una parte suspence molto curata, che risponde in pieno alla logica e con un filo da seguire,  ragion per cui scordiamoci approfondimenti della trama, troppi spoiler in agguato.

I personaggi sono molto delineati e ricoprono ruoli ben precisi, sia a livello attitudinale che psicologico, all’interno del team; la parte sentimentale non va a cozzare con il suspence, rendendo il romanzo più lento ma, anzi, ne agevola l’azione.GD Unico appunto, per cui l’autrice si scusa, e dice si farà perdonare: la fine. No, voglio dire, dopo tutto quello che è successo, invece di tirare il fiato… Non si fa, proprio non si fa.  A questo punto voglio sapere quando… datemi una data di uscita vi prego. Ok, ho sottolineato la mia priorità: fatto questo andiamo avanti.

Ho apprezzato molto la coralità della storia. I protagonisti sono un team e, come tale, l’autrice li tratta senza penalizzare nessun personaggio e senza privilegiarne altri.  L’indagine li coinvolge tutti e tutti insieme progrediscono. Buck e Alex L’approfondimento delle storie personali e della loro conoscenza procede in maniera uniforme e, anche se questo è il libro di Buck e Alex, la preparazione delle basi per i volumi che verranno, prosegue di pari passo. Coppia segnata dal destino, quella di Buck e Alex, un destino che li unisce fin dai primi involontari sguardi.

BuckBuck è il classico militare deciso, abituato al comando, ma non il classico maschio alfa, in stile troglodita; è un uomo armato, ma non di clava, e questo è estremamente apprezzabile; marca il suo territorio, ma non in maniera eccessiva; ama, protegge ma, soprattutto, ragiona e valorizza.  Io però adoro i trogloditi e, scusate se devio il discorso,  Jet ne è un vero rappresentante; d’altronde in un team di questo tipo un uomo così non poteva mancare anche se ha trovato chi gli darà filo da torcere.

Alex Alex, invece, è un po’ più complessa, meno lineare. Salvata dal suo mentore GD a 15 anni, intreccia con lui una relazione ma, fin dal primo sguardo, posato casualmente su Buck, comprende che il rapporto che la lega a David non è amore ma famiglia: l’amore, la passione è Buck. Un amore che si prende tutto il suo tempo per concretizzarsi, ma destinato al “per sempre”, e qui partono gli occhi a cuoricino.GD e Alex

Però, le coppie in divenire, quelle che si abbozzano solo nelle ultime pagine, quelle sì che sono interessanti…  Dovranno fare molta strada ma lì si annidano i cambiamenti più profondi.  Le prospettive e gli scenari futuri sono tutti a portata di mano e di fantasia, dobbiamo solo saper aspettare che si concretizzino sulla carta. Cosa dire ancora? Ho scoperto un’altra autrice da seguire passo passo e la lista dei libri da leggere si allunga ancora. Fatemi compagnia: Vertigo non lasciatevelo scappare.

Fiamme Sensualità hot

Madau

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “L’UOMO PERFETTO E’ UN BASTARDO” di Jessica Clare Serie: Roughneck Billionaires #3

Knox Price è sempre stato convinto di non ...