Home / Recensioni MM / Recensione: “Fixer-Upper” di Meg Harding

Recensione: “Fixer-Upper” di Meg Harding

Care Fenici, oggi Kiki ci parla di “Fixer-Upper”, il nuovo libro male to male di Meg Harding

Jake, ex imprenditore e futuro marito divorziato, ha avuto parecchia sfortuna di recente e il suo mondo sta crollando. Ma è arrivato il momento di scuotersi di dosso la polvere e voltare pagina. Comprare e ristrutturare l’edificio più fatiscente che riesce a trovare potrebbe essere proprio ciò di cui ha bisogno per rimettersi sul giusto binario.
Ma Jake trova molto più di quanto si aspettasse quando incontra Dakota, ex avvocato divenuto architetto paesaggista, sagace e sexy da morire… Jake non sa come comportarsi con lui e, dopo svariati incidenti di giardinaggio, è sicuro che Dakota lo ritenga un completo inetto.
A quanto pare, Dakota la pensa in tutt’altro modo. E mentre gli offre consigli, gli presta orecchio e lo aiuta ad affrontare i suoi problemi, Jake si rende conto che i fiori non sono l’unica cosa che sta sbocciando fra loro.

Care Fenici, il libro di cui vi parlo oggi si intitola Fixer-Upper di Meg Harding, pubblicato in Italia grazie all’impegno della Triskell Edizioni.

Quello che ho letto, più che un romance, è un racconto breve che, in poco meno di un centinaio di pagine, mi ha lasciata con due deliziosi occhi a cuoricino e che vi consiglio fin da subito. Non è un libro impegnativo o particolarmente profondo, ma regala al lettore un senso di benessere e di rinascita che ne fanno un testo da prendere in considerazione.

Intanto due parole sul titolo: il termine inglese “fixer-upper” si riferisce a tutta quella serie di lavori e lavoretti che servono per ristrutturare una casa. In America va in onda una famosa trasmissione televisiva con questo titolo, trasmessa su HGTV, e in Italia ne sono arrivate tante, tra cui Extreme Makeover Home Edition o Fratelli in Affari. In esse, proprio come in questo romanzo, si parte dalle macerie di una casa, ridotta ai minimi termini, per riportarla all’originale splendore, attraverso ingegno, cura e competenza.

Fin da subito, appare chiaro che saranno due le ristrutturazioni da portare a termine: la casa e il cuore di Jake, il protagonista principale. Uscito da pochissimo da un matrimonio che gli è costato non solo l’amore della sua vita ma anche la compagnia fondata assieme a lui, cerca di ricominciare a vivere comprandosi una casa da ristrutturare. Con l’amico Matt sceglie proprio quella messa peggio, tra le tante proposte dall’agente immobiliare, in un parallelo evidentissimo con il suo cuore. Lui è a pezzi, e sceglie una piccola villetta tutta da rifare, nella speranza che, sistemandola, tutto il resto torni a posto. Inizia così l’arduo lavoro sull’immobile, e Jake, fin da subito fa capire agli imprenditori incaricati che è disponibile a dare una mano… lui, che sembra non abbia mai preso in mano nemmeno un martello, viene coinvolto dai due architetti paesaggisti che ha assunto per il rifacimento del giardino, praticamente l’unico ambito dove avrebbe potuto mettere mano senza fare guai. È così che conosce Dakota, uno dei due soci dell’impresa di giardinaggio, che diventerà ben presto il fulcro di più di uno sguardo da parte di un sempre più attonito Jake.

Romanzo divertentissimo, alterna momenti seri a vere e proprie scene spassose: Jake è veramente negato per ogni lavoro fisico, sia che si tratti di falciare un prato o che si debba potare una siepe. E se alle evidenti incapacità e sbadataggine, si somma la fatica di lavorare spalla a spalla con un giardiniere super sexy dai lunghi capelli neri e dal fisico scolpito… beh, capite anche voi che la comicità era assicurata.

Jake ha un carattere buffo e ben tratteggiato: è goffo, un po’ inetto e anche parecchio imbranato, anche se non si tira indietro mai. Dakota è così serio e taciturno che per oltre il 70% del libro mi sono chiesta se almeno fosse omosessuale… Ma quando i due uomini si lasciano andare, trovano modo di incontrarsi nel mezzo delle loro diversità e si completano a vicenda.

Fixer-Upper è soprattutto un romanzo che parla di rinascita: attraverso la scelta amorevole dei materiali da impiegare, Jake decide come debba essere la sua vita, e impara a prendersi cura di sé stesso. Piccoli gesti di manutenzione sul giardino, creano una piacevole alchimia di colori e profumi che Dakota gli insegna a distinguere e apprezzare. Attraverso il lavoro fisico, il sudore e la fatica, Jake conquista la libertà da un passato che lo opprimeva e costruisce non solo la sua nuova casa, ma la casa del suo cuore.

Carinissimo, dategli una possibilità!

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione in anteprima: “Cambio di Linea – Serie Harrisburg Railers #1” di R.J. Scott e V.L. Locey

Buongiorno fenicette, oggi Lucia ci racconta in anteprima ...