Home » Recensione libri » Recensione: “Una questione personale”, di K.C. Wells

Recensione: “Una questione personale”, di K.C. Wells

Titolo originale: Making it Personal
Autore: K.C. Wells
Serie: Personal #1
Edito da: Island Tales Press
Traduzione a cura di: Martina Nealli
Formato: ebook mobi
ACQUISTABILE QUI

Trama

Blake non ha ancora dichiarato al mondo di essere gay, né intende farlo. Perché se suo padre lo scoprisse, potrebbe perdere tutto quello che ha conquistato a fatica durante i sei anni da amministratore delegato della Trinity Publishing, astro nascente del firmamento editoriale. Eppure, fare coming-out gli porterebbe un bel po’ di vantaggi; ad esempio, suo padre potrebbe piantarla di combinargli appuntamenti con ragazzine sciocche, viziate e arriviste. E meglio ancora, Blake potrebbe smettere di ricorrere a un servizio di escort quando desidera una notte di sesso con un ragazzo carino…

La vita non è stata generosa con Will Parkinson, ma l’uomo sa rimettersi in piedi. Certo, al momento lavora come accompagnatore – con prestazioni speciali – per pagare i debiti contratti al college, ma la situazione ha i suoi lati positivi; vogliamo parlare dell’ultimo cliente? Blake lo ha portato in paradiso – più di una volta. Quindi immaginate come si sentirà Will nel presentarsi al colloquio per il lavoro dei suoi sogni – assistente presso una casa editrice – e scoprire che il suo nuovo capo è… proprio Blake.
Presente quando le cose si complicano?

Recensione

Blake Davis è l’amministratore delegato della casa editrice fondata da sua padre, un lavoro a cui sta dedicando tutto se stesso, con passione e massimo impegno, trascurando qualsiasi altro aspetto della vita. Il suo obiettivo è quello di riuscire a ottenere, un giorno, il pieno controllo dell’azienda, dimostrando a suo padre di essere in grado di gestirla e guidarla con competenza e successo.

Ma nonostante i suoi sforzi abbiano portato all’azienda un importante incremento dei profitti e una maggiore posizione sul mercato editoriale, Blake continua a restare nell’ombra di suo padre, che non sembra intenzionato a farsi da parte,nonostante i problemi di salute e neanche a dimostrargli un minimo di apprezzamento per tutto il lavoro svolto. A rendere le cose ancora più difficili è la convinzione che il suo essere gay potrebbe rovinare definitamente i rapporti con il genitore, con il rischio che gli tolga la gestione della casa editrice. Questo è il motivo per cui Blake non ha mai fatto coming out e vive costantemente nel segreto con tutti, con la sola eccezione del suo migliore amico e degli uomini con cui ha rapporti occasionali.

In uno di questi incontri, organizzati da una società di servizi di accompagnamento che Blake contatta saltuariamente per passare un po’ di tempo in compagnia, conosce Alec e subito esplodono scintille. Sarà una notte appassionante e intensa, tanto che al risveglio il desiderio di Blake di rivedere il ragazzo quanto prima è molto forte. Ma mai si sarebbe aspettato di ritrovarselo davanti quella stessa mattina, nel suo ufficio, per il colloquio di assunzione per il ruolo di suo assistente. Dopo un primo, naturale momento di shock e imbarazzo da parte di entrambi, per Blake è innegabile che le competenze professionali di Will (questo il vero nome di Alec) possano essergli utili e quindi, una volta chiariti quali saranno i ruoli e le competenze e che ciò che c’è stato tra di loro non entrerà nella sfera lavorativa, i due cominciano a lavorare insieme.

Non sarà facile, per entrambi, mantenere le distanze, perché l’attrazione fisica è molto forte e la tensione sessuale si sente nell’aria. E con il passare delle settimane, il desiderio di avere “di più” crescerà per entrambi, nonostante per Blake resti importante mantenere il segreto sulla sua omosessualità.

Ma quanto siamo disposti a sacrificare, di noi stessi e per noi stessi, per realizzare il sogno di una vita? Quanto, i sentimenti e il desiderio per un’altra persona, possono essere combattuti e messi da parte per rimanere sulla strada che ci siamo tracciati?

Blake è un uomo al tempo stesso forte e vulnerabile che, per quanto si sforzi pur di non ammetterlo neppure con se stesso, desidera intensamente l’appoggio e l’approvazione del padre. Will è un uomo con alle spalle una vita non facile, a cui però non ha accettato di piegarsi, facendo delle scelte difficili per riuscire a restare a galla, senza arrendersi mai.

La loro storia è un crescendo di passione e sentimenti che potrà diventare un “per sempre” solo comprendendo quali sono le priorità che ognuno ha nella propria vita e trovando il coraggio di combattere per conquistarle.

Il libro mi è piaciuto, è carino, anche se dalla sinossi mi aspettavo qualcosa di più… più impegnativo, nel senso che la storia, a mio parere, poteva essere descritta con un’intensità maggiore, approfondendo forse le difficoltà vissute da Will e il dolore di certe sue scelte (magari potendo leggere qualcosa del suo libro, di cui invece ci viene svelato ben poco), o del rapporto trascurato e distante tra Blake e suo padre.

Fiamme Sensualità hot

Chicolena

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento