Home » Recensione libri » Recensione: “Una notte di abbandono – Serie: I Duchi Malandrini #2” di Darcy Burke

Recensione: “Una notte di abbandono – Serie: I Duchi Malandrini #2” di Darcy Burke

TITOLO: Una notte di abbandono #2
SERIE: I Duchi Malandrini
AUTORE: Darcy Burke
EDITORE: WebMotion, Darcy Burke Publishing
GENERE: Historical romance
PAGINE: 171
PREZZO: € 3,99 (eBook)
DATA DI PUBBLICAZIONE: il 18 Marzo 2020

1. Una notte di seduzione (Erica Ridley)
2. Una notte di abbandono (Darcy Burke)
3. Una notte di passione (Erica Ridley)
4. Una notte di scandalo (Darcy Burke)
5. Una notte da ricordare (Erica Ridley)
6.Una notte di tentazione (Darcy Burke)

Ecco a voi gli indimenticabili frequentatori della più famosa taverna di Londra, Il Duca Malandrino. Belli e seducenti, con fascino e arguzia da vendere, una notte con questi libertini e farabutti non basterà mai…

Dopo una notte di passione risalente a un decennio prima, Valentine Fairfax, duca di Eastleigh, non ha dimenticato Isabelle, l’intelligente, arguta e proibita figlia di un direttore di college a Oxford. Tuttavia, dopo aver sofferto un matrimonio disastroso con una moglie infedele, il duca ha giurato di non cedere mai più alla tentazione. Fino al giorno in cui scopre che l’istitutrice del suo amico è la donna che ancora tormenta i suoi sogni.

Un tempo spiantata, Isabelle Cortland ha finalmente messo da parte denaro sufficiente a finanziare una scuola per ragazze indigenti. Ma quando un incontro casuale riaccende il desiderio sepolto, Isabelle capisce di non poter essere l’amante di un duca e la direttrice di una scuola. Isabelle non è più una ragazza ingenua e non ripeterà il passato. Nemmeno per una notte di abbandono.

Ecco a voi una nuova storia con protagonisti i famosi Duchi Malandrini, questa volta ci verrà raccontata quella di Valentine Fairfax, Duca di Eastleigh, e migliore amico del Duca di Colehaven che avevamo già conosciuto, e che mi aveva fatto innamorare di lui nel primo libro della serie.

Siamo a Londra nel 1817 dove il nostro Duca non vuol sentir parlare di trovare una nuova sposa, dopo la prematura morte della moglie in una situazione a dir poco scandalosa; è proprio sotto il suo stesso tetto che incontra dopo dieci anni Isabelle Cortland, sua prima fiamma ai tempi di Oxford. Si può solo immaginare la sorpresa di averla di nuovo davanti, bellissima, vedova e, al momento, alle dipendenze di Lord Barkley come istitutrice delle due figlie Caroline e Beatrice. Ma i sentimenti che pensavano fossero solo ricordi che li avevano dolcemente accompagnati negli anni si risvegliano prepotenti e forti come mai prima, tanto da stravolgere le loro vite in poco tempo.

Nonostante la passione l’uno per l’altra, trascorreranno l’intera storia a sfuggirsi a vicenda, il Duca perché spaventato dalla possibilità di soffrire ancora dopo la delusione del suo primo matrimonio, mentre Isabelle dopo il suo convolare a nozze all’insegna dell’infelicità vuole mantenere la sua libertà intatta, e sa che nessuna ragazza figlia di un insegnante di Oxford può aspirare a diventare Duchessa.

Le ambientazioni sono molto curate come nell’opera precedente, poco visibile il cambio di penna rispetto Una notte di seduzione ma, sinceramente, la storia non mi ha entusiasmato come la prima, manca qualcosa. La fase che si trovano a gravitarsi intorno lottando per stare lontani, perché quella è la cosa migliore per tutti, si protrae veramente troppo rendendo ripetitiva la parte centrale della storia che di per sé non conta molte pagine. Questo è l’unico motivo che non ha permesso a questo libro di ottenere un bel cinque come voto generale, di certo i personaggi sono ben studiati e le caratteristiche di ognuno emergono apertamente; mi piace il fatto che per ora in questa serie le donne abbiano caratteri indipendenti e forti, cosa che solitamente nel romanzo storico pecca regalando solo donzelle in difficoltà che attendono il principe che le salvi, evviva le donne con gli attributi!

Isabelle, nonostante combatta contro i suoi sentimenti per proteggersi, è una donna che sa ciò che vuole e ha dei progetti per costruirsi un futuro con le sue sole forze, per questo ha il mio rispetto, anche se resistere a un sentimento forte come l’amore per paura la rende umana fino al midollo.

Val è un uomo tutto d’un pezzo, un vero Signore che mette prima di tutto il rispetto e l’onore, affascinante e impeccabile il nostro protagonista maschile seduce il lettore facendo tifare per lui fin dalle prime pagine.

La scrittura ci permette di seguire la storia da entrambi i punti di vista alternando i capitoli e dando voce ai pensieri dei protagonisti principali. Affascinanti sono anche le comparse come Viola, la sorella di Val, che diventa amica di Isabelle e parte integrante della storia in breve tempo e la Vedova Eastleigh, con il suo carattere glaciale ma sempre pronta ad aiutare chi lo merita.

Se volete il mio parere la storia vale la pena di essere letta e continuerò a seguire gli altri libri di questa bellissima saga tenendovi aggiornati con le mie recensioni, soprattutto per scoprire cosa accadrà agli altri personaggi. Amo i romanzi storici e questo ha una delle ambientazioni più belle che abbia mai letto.

TITOLO: Una notte di abbandono #2 SERIE: I Duchi Malandrini AUTORE: Darcy Burke EDITORE: WebMotion, Darcy Burke Publishing GENERE: Historical romance PAGINE: 171 PREZZO: € 3,99 (eBook) DATA DI PUBBLICAZIONE: il 18 Marzo 2020 1. Una notte di seduzione (Erica Ridley) 2. Una notte di abbandono (Darcy Burke) 3. Una notte di passione (Erica Ridley) 4. Una notte di scandalo (Darcy Burke) 5. Una notte da ricordare (Erica Ridley) 6.Una notte di tentazione (Darcy Burke) Ecco a voi gli indimenticabili frequentatori della più famosa taverna di Londra, Il Duca Malandrino. Belli e seducenti, con fascino e arguzia da vendere, una notte…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento