Home / Contemporary Romance / Recensione: “Ti odio, anzi no, ti amo!” di Sally Thorne

Recensione: “Ti odio, anzi no, ti amo!” di Sally Thorne

 

trama-rfs-viola

 

Lucy Hutton è convinta che l’impiegata modello si becchi, prima o poi, l’ufficio migliore (e relativa promozione). Per questo è servizievole e accomodante, lavoratrice indefessa ma carina e gentile con chiunque. Per questo tutti la amano alla Bexley & Gamin. Tutti tranne il freddo, efficiente, impeccabile e fastidiosamente attraente Joshua Templeman. E il sentimento è reciproco. Costretti a condividere lo stesso cubicolo per 40 ore la settimana, più svariati straordinari che è meglio non quantificare, hanno iniziato a lanciarsi continue e ridicole sfide, in un gioco al rialzo che sembra impossibile da fermare. C’è il Gioco degli Sguardi, il Gioco dello Specchio e nessuno dei due sopporta di perdere. Fino a quando in ufficio si comincia a parlare del Gioco della Grande Promozione. Se Lucy vince, diventerà il capo di Joshua. Se perde… meglio non pensarci. Ma allora, con la sua carriera in ballo, per non parlare dell’orgoglio, perché Lucy comincia a fare sogni sempre più torridi sull’odiato collega? E perché si veste per andare al lavoro come se invece dovesse recarsi a un appuntamento sexy? Dopo che un’innocente corsa in ascensore diventa il teatro di un bacio indimenticabile tra i due, Lucy ha finalmente la sua risposta: forse lei non odia Joshua. E forse nemmeno lui odia lei. Forse è tutto il contrario. Oppure è solo un altro gioco?

recensione-rfs-viola

 

Quant’è sottile il confine tra amore e odio?

Quanta intensità bisogna dedicare all’uno e all’altro per alimentarli giorno dopo giorno fino a lasciarsi sopraffare completamente da uno di loro o forse entrambi?

Nessuno potrà mai spiegarcelo meglio di Lucy e Joshua. Assistenti esecutivi all’interno della stessa azienda editoriale, disposti a tutto pur di mettersi i bastoni tra le ruote in un’ inesorabile corsa verso la scalata sociale, per meritare il posto di direttore operativo.

Avete presente il film “la guerra dei Roses? Bene, affibbiategli una colonna sonora da film western durante un duello tra pistoleri, aggiungete qualche sfumatura eroica in stile “Scontro tra titani”, metteteci pure un’ostinata battaglia di volontà e ripicche senza esclusione di colpi, e completate il tutto con un pizzico di dolcissimo romanticismo.

Il risultato potrà essere solo esplosivo.

L’orco cattivo e la tenera Puffetta, l’uomo rigido, manipolatore, cinico e stronzo contrapposto a una fatina in miniatura, così ingenua e di buon cuore, così adorabilmente eccentrica che è assolutamente impossibile non innamorarsi di lei.

Perché solo una piccola donna come Lucy potrà compiere il miracolo su un avversario imperturbabile come Josh, strappandogli dal volto quella maschera di freddezza che indossa continuamente e lasciando uscire la sua vera natura. Quella di un ragazzo dolce, premuroso e sensibile.

E forse anche un po’ solo e incompreso.

Con questo romanzo è impossibile annoiarsi: botta e risposta così originali e spassosi da strapparti sempre un sorriso dalle labbra, tecniche di spionaggio e strategie di vendetta che farebbero impallidire persino James Bond, controlli ossessivi e calcoli meticolosi degni dei peggiori stalker.

Insomma, con la loro adorabile follia, con i loro malintesi, le loro assurde prese di posizione, i loro rapidi passaggi dall’odio alla tenerezza, dall’indifferenza alla passione, dal gelo al fuoco… quest’uomo e questa donna mi hanno fatto letteralmente uscire di testa.

E vi giuro che ho sudato sette camicie per star dietro a questa tremenda altalena di emozioni che provavano loro e che inevitabilmente hanno trasmesso anche a me.

Soprattutto alla fine, quando la loro insensata corsa al potere ha rischiato di rovinare il più bel sentimento che potesse mai crearsi tra loro, quella meravigliosa complicità, quella magnifica alchimia che nasce quando due rivali depongono le armi per conoscersi e scoprirsi a poco a poco, fino a rendersi conto di combaciare alla perfezione come due splendide metà della stessa mela.

Insomma, cos’altro posso dirvi?

Leggete questo libro e gustatevi questa deliziosa guerra tra cuore e ragione, tra logica e follia, tra istinto e volontà.

Dove vittoria e sconfitta si alternano e si fondono senza confini stabiliti.

Dove il sorriso non manca mai e il sogno romantico di ogni donna non può che avverarsi nel modo più dolce e tenero che esista.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Violenza-Nulla

Recensione a cura di :

Nikky

Editing a cura di :

River

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

    Lucy Hutton è convinta che l’impiegata modello si becchi, prima o poi, l’ufficio migliore (e relativa promozione). Per questo è servizievole e accomodante, lavoratrice indefessa ma carina e gentile con chiunque. Per questo tutti la amano alla Bexley & Gamin. Tutti tranne il freddo, efficiente, impeccabile e fastidiosamente attraente Joshua Templeman. E il sentimento è reciproco. Costretti a condividere lo stesso cubicolo per 40 ore la settimana, più svariati straordinari che è meglio non quantificare, hanno iniziato a lanciarsi continue e ridicole sfide, in un gioco al rialzo che sembra impossibile da fermare. C’è il Gioco degli Sguardi,…

Score

Voto Nikky 4,5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Il tatuatore di Auschwitz” di Heather Morris

Non esiste luogo in cui l’amore non possa ...