Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: The Rookie – 3×08

Recensione: The Rookie – 3×08

Torna Wicked Wolf con The Rookie e l’ottavo episodio “Bad Blood” che però non l’ha soddisfatta completamente. Vediamo un po’ perché… episodio precedente qui.

The Rookie

Progetto grafico di Francesca Poggi

Che ritorno moscio, Fenici. Per carità, The Rookie sempre una spanna sopra le altre serie, bella e credibile, ironica, intelligente, Nathan Fillion, ma speravo che la breve pausa ci avrebbe regalato un episodio speciale, non inferiore alla media.

Invece TAC, e neanche una nostalgica guest star riesce a risollevarci l’umore.

The Rookie episodio 8

Angela indaga sul rapimento del figlio di un giudice. Il DNA coinvolge Oscar Hutchinson, l’uomo che ha accoltellato Wesley nella seconda stagione, e a causa di questo conflitto di interessi convoca John e Nyla affinché siano loro a interrogarlo.

Nolan: Immagino che il tuo conflitto di interessi sia che ha accoltellato il tuo fidanzato.
Angela: Tecnicamente, il mio conflitto è il mio desiderio di ucciderlo per questo.
Nolan: Ma non lo faresti davvero.
Angela: Sono incinta, non mettermi alla prova.

La persona che condivide parte del suo corredo genetico è la figlia che non sapeva di avere, interpretata da Molly Quinn, l’attrice che per anni è stata il volto di Alexis in Castle. Inizialmente il rapimento era stato inscenato da Ashley e dalla stessa vittima, che poi però è stata catturata da due spacciatori e la faccenda si è fatta molto più pericolosa del previsto.

Niente di eclatante, un po’ di sangue, qualche battuta e un’attrice che ho riconosciuto solo dopo aver cercato le foto per questa recensione (ops!).

Poi che succede? Lucy è stata scaricata da Emmeth, che sarebbe il paramedico di cui nessuno si ricordava, Bradford ancora non la bacia e Jackson sta cercando di capire in quale direzione andrà la sua carriera.

The Rookie episodio 8

Mi ha lasciata perplessa l’interazione con la professoressa, che ha posto a Nolan un quesito apparentemente irrisolvibile, per poi permettergli di sostenere l’esame pur avendo scelto di non rispondere alla domanda. Era anch’essa un test?

La donna mi piace, però le viene data molta importanza a scapito di un bassissimo minutaggio.

Un episodio fin troppo normale per una serie dagli standard tanto alti; ha sacrificato momenti dal bel potenziale, come Bradford e la ragazza dei Tag. Peccato.

 

Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento